Crimi tra proteste e proposte:
«Tornerò per i sindaci assenti»
Falcucci: «Finito il tempo dell’ascolto»

SISMA – Il sottosegretario ha incontrato a Camerino le associazioni di categoria. Consegnata la bozza per la proposta di Zona economica speciale. Ligliani (Cna): «Favorire negli appalti le aziende locali». Pesarini (Confindustria): «Seguiamo il modello Friuli». Il rettore Pettinari: «Piano Marshall per evitare lo spopolamento». I primi cittadini che hanno disertato gli incontri spiegano le loro ragioni
- caricamento letture

 

Incontro-crimi-Camerino

L’intervento del sindaco di Camerino Pasqui

 

di Monia Orazi

«Il mancato incontro con i sindaci dell’entroterra è un’occasione persa, ma non una rottura». A dirlo è stato oggi pomeriggio il sottosegretario alla ricostruzione Vito Crimi che, accompagnato dalla deputata del Movimento 5 Stelle, Patrizia Terzoni e dal commissario straordinario alla ricostruzione, Piero Farabollini, ha fatto tappa all’università di Camerino, per la seconda parte degli incontri previsti durante la giornata in provincia. In mattinata era stato a Tolentino.

incontro-Crimi-Camerino-1-650x366

Piero Farabollini e Vito Crimi

«A me dispiace, non me la sento di criticare i sindaci, perchè le situazioni che vivono sono tragiche e complesse. Immagino la sofferenza che hanno avuto – ha detto Crimi -. Capisco le loro posizioni, mi dispiace perchè è stata un’occasione persa, sono stati incontri che hanno portato dei contenuti. Cercherò di incontrarli, questa non è una rottura. Tornerò non subito, non prima di mettere in piedi delle modifiche normative, è un peccato non me la sento di criticarli». Le ragioni della protesta, sintetizzata dai primi cittadini in uno scarno comunicato stampa, sono state così spiegate da alcuni di loro. Luigi Nazzareno Bartocci, sindaco di Esanatoglia, assente agli incontri di Tolentino e Camerino, chiede un ruolo specifico nelle scelte: «La nostra mancata partecipazione vuole essere il segno che nella ricostruzione i sindaci devono avere un ruolo maggiore, evitando il rimbalzo tra Regione e governo. Attendiamo di consegnare il documento elaborato nell’incontro della scorsa settimana, chiediamo di essere ascoltati e avere risposte». Per Claudio Castelletti, sindaco di Fiastra, serve maggiore attenzione al territorio: «Ci siamo riuniti, abbiamo voluto fare questo gesto per dare visibilità alla nostra protesta, la riunione andava fatta dove si trova il vero cratere, quello dei comuni più danneggiati. Di fatto la ricostruzione è ferma, tutto va a rilento, andiamo avanti allo sbaraglio». Il battagliero Mauro Falcucci, primo cittadino di Castelsantangelo, chiede certezze: «Il sottosegretario sa quello che deve fare, è finito il periodo dell’ascolto, è ormai il tempo di dare risposte reali. E’ stato in comuni come Amatrice ed Accumoli, vogliamo che venga qua, a vedere con i propri occhi il silenzio e il dramma dei nostri paesi distrutti, non è lo stesso vedere le immagini alla televisione. Il commissario Farabollini ci deve dare risposte, abbiamo scritto una nuova lettera di sollecito, insieme ai sindaci di Muccia, Montegallo, Arquata, per chiedere di avere i fondi dei piani attuativi, abbiamo le perimetrazioni pronte. Che ci dicano se Castelsantangelo diventerà la Pompei del terremoto, se ricostruiremo o meno».

incontro-Crimi-Camerino-5-650x366

Gli ha fatto eco Mario Baroni, sindaco di Muccia: «Non è una questione politica, il problema non è Crimi o qualunque altra persona, è che vogliamo risposte. Con questa mancata presenza a Tolentino, abbiamo voluto dare un segnale, di quale sia il vero cratere, quello dei comuni più colpiti, dove abbiamo perso tutto e tutto è fermo, non abbiamo più tempo di aspettare». Ad attendere Crimi a Camerino, il rettore Unicam Claudio Pettinari, i rappresentanti delle categorie industria, agricoltura ed artigianato, commercio, ordini professionali, nessuno dei sindacati, non invitati. Presenti tra il pubblico anche il vescovo di Camerino monsignor Francesco Massara ed il sindaco Gianluca Pasqui. Alberto Cavallaro, dell’ordine dei commercialisti di Camerino ha chiesto la Zona economica speciale, consegnando il documento elaborato con il tavolo di lavoro che unisce le università di Camerino e Macerata, associazioni di categoria, su misure di rilancio economico per le zone più colpite. Giorgio Ligliani, presidente Cna Macerata, ha chiesto di favorire le imprese locali negli appalti, di aumentare sino al 50 percento la zona dei subappalti, di non tenere conto sotto ad una certa soglia dell’offerta con minore ribasso, ma di quella economicamente più vantaggiosa. Il sindaco di Camerino Pasqui ha invitato il sottosegretario Crimi, annunciando il prossimo invio del documento messo a punto nell’incontro tra sindaci di venerdì scorso, chiedendo maggiore personale, intervento normativo differenziato, in base alla gravità dei danni. Mirella Gattari della Cia ha indicato come prioritaria la riapertura della strada tra Castelluccio e Castelsantangelo, per far ripartire il turismo e anche gli impianti sciistici di Monte Prata, non danneggiati dal sisma. Francesco Ferranti, di Confcommercio Marche ha indicato la necessità di prevedere misure economiche relative alle specificità dei centri colpiti, auspicando la piena applicazione della legge sulla montagna, di quella sui parchi e per i piccoli borghi.

incontro-Crimi-Camerino-2-650x366

Il rettore Pettinari con Farabollini e Crimi

Renzo Leonori di Confartigianato ha evidenziato la necessità di far partire urgentemente la ricostruzione nei territori, altrimenti le imprese edili locali, sono in difficoltà. Gianluca Pesarini, presidente Confindustria Macerata ha rilevato come serva una normativa speciale, invitando ad ispirarsi al modello Friuli, “prima le fabbriche, poi le abitazioni”, spiegando che se parte la ricostruzione, favorisce il rilancio economico del territorio, perchè vi sono collegati ben trentasei settori produttivi. Il rettore Unicam Claudio Pettinari ha chiesto un “piano Marshall per far sì che la gente non vada via, altrimenti mi viene il sospetto che ci sia una possibile strategia di spopolamento, magari facciamo gola per l’acqua, l’energia, servono interventi immediati, strategie di sviluppo».

incontro-Crimi-Camerino-6-650x366

Giorgio Ligliani della Cna di Macerata

Ecco il bilancio tracciato da Crimi al termine della visita: «Vado via con una ricchezza di informazioni e conferma delle misure prese per queste zone, bisogna ricostituire un patto di fiducia, tra Stato, imprese, professionisti, cittadini. Quindi smontare l’idea che lo Stato debba mettere regole e paletti per impedire che il cittadino o l’impresa frodi lo Stato, con misure di semplificazione ricostruendo la fiducia, perchè qui c’è una situazione così di emergenza, che difficilmente le persone ne possono approfittare, essendo in condizioni disastrate. Ci sono aree più colpite di altre – ha detto ancora Crimi -, che hanno bisogno di iniziative specifiche. Abbiamo valutato una serie di misure da mettere in campo per semplificare le procedure, per alleggerire la ricostruzione, per potenziare il personale, tutto questo passa dalla responsabilità delle istituzioni coinvolte. Cercherò di condividere il più possibile le norme con i territori, prima che diventino leggi effettive».

incontro-Crimi-Camerino-3-650x366

Mirella Gattari

Sisma, il sottosegretario Crimi a Tolentino: «Un codice unico per la ricostruzione, stop alle decisioni arbitrarie dei sindaci»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X