Violenza sessuale in ospedale,
l’infermiere torna al lavoro

MACERATA - Si sono conclusi i 30 giorni di sospensione per il dipendente del nosocomio. E' assegnato ad un incarico che non lo tiene a contatto con il pubblico
- caricamento letture

morbillo-ospedale-macerata-5-650x488

 

Infermiere indagato per violenza sessuale, da oggi è tornato al lavoro. L’uomo dopo essere stato sospeso per 30 giorni ha potuto, come previsto, rientrare in servizio. E’ assegnato ad una mansione non a contatto con il pubblico.

E’ rientrato oggi al lavoro dopo essere stato sospeso per 30 giorni il dipendente dell’ospedale di Macerata indagato per violenza sessuale su di una paziente. Secondo la ricostruzione della procura l’uomo lo scorso 10 luglio avrebbe approfittato sessualmente di una donna sui 30 anni ricoverata nel reparto dove lavorava. Avrebbe portato la donna in una stanza dove non c’era nessuno e lì l’avrebbe costretta a subire una violenza sessuale. La donna aveva riferito quanto accaduto al personale dell’ospedale che aveva avvisato la polizia. Immediate le indagini della Squadra mobile di Macerata. Gli agenti erano risaliti al presunto autore della violenza. L’Area vasta 3 aveva sospeso il dipendente per 30 giorni. Al tempo stesso è stato avviato un procedimento disciplinare il cui iter sta andando avanti. Intanto però la sospensione dal lavoro dell’infermiere si è conclusa e l’uomo ha fatto ritorno al lavoro. Non è però stato assegnato né ad un reparto, né ad una mansione a contatto con il pubblico.

(Gian. Gin.)

Violenza sessuale in ospedale, sospeso l’infermiere

Violenta una paziente in ospedale, nei guai un infermiere



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X