Violenta una paziente in ospedale,
nei guai un infermiere

MACERATA - La Squadra mobile dopo una serie di indagini ha identificato il presunto responsabile, un uomo sui 40 anni, che avrebbe violentato una giovane donna nel nosocomio cittadino. L'episodio è avvenuto lo scorso 10 luglio. Ulteriori accertamenti sono in corso
- caricamento letture

 

abbate

Il commissario capo Maria Raffaella Abbate

 

di Gianluca Ginella

Una violenza sessuale che sarebbe avvenuta in ospedale con una donna di circa 30 anni costretta ad avere un rapporto completo da un infermiere. Dopo la denuncia la polizia ha individuato il responsabile della presunta violenza. Si tratta di un infermiere sui 40 anni che lavora nel reparto dove la donna era ricoverata. Le indagini sono in mano alla Squadra mobile di Macerata e gli accertamenti sono in corso per sentire persone che possono fornire indicazioni utili a fare luce su quanto accaduto.  Era la sera dello scorso 10 luglio quando un infermiere aveva convinto una donna ricoverata da qualche giorno nel reparto in cui lavora a seguirlo in una stanza. Lì l’avrebbe costretta a subire un rapporto sessuale completo. Questo in sintesi quanto sarebbe accaduto all’ospedale di Macerata, un episodio choc su cui sono ora in corso le indagini della Squadra mobile di Macerata, diretta dal commissario capo Maria Raffaella Abbate.

inaugurazione-nuovo-pronto-soccorso-ospedale-macerata-26-325x217

L’ospedale di Macerata

La donna vittima della violenza sessuale è una giovane di circa 30 anni, italiana. Ricoverata al nosocomio del quartiere Santa Lucia, la ragazza già nei giorni precedenti il 10 luglio, emerge dalle indagini, sarebbe stata oggetto di approcci, sempre respinti, da parte dell’infermiere. Poi l’uomo, sempre stando alle indagini, la sera del 10 luglio avrebbe convinto la giovane a seguirlo in un’altra stanza e lì l’avrebbe costretta ad avere un rapporto sessuale. Ieri pomeriggio, dopo che il personale dell’ospedale ha avuto la denuncia da parte della donna di quanto accaduto, ha segnalato tutto alla polizia e sono scattate le indagini della Squadra mobile di Macerata. La dirigente della Squadra mobile ha raggiunto l’ospedale insieme a personale specializzato per episodi di violenza sessuale. Gli agenti hanno iniziato così le indagini per accertare cosa sia successo e verificare quello che aveva denunciato la paziente. Alla fine, grazie sia agli elementi raccolti, sia alla competenza della dirigente della Mobile nel trattare casi di persone vittime di violenza sessuale, il responsabile è stato individuato. Le indagini comunque proseguono. Altre persone verranno sentite per definire meglio il quadro e ogni aspetto dell’accaduto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X