facebook twitter rss

«La cannabis light non esiste,
sequestreremo tutti i prodotti»

MACERATA - Il questore Antonio Pignataro ha fatto il punto sull'indagine che ha portato alla chiusura di due negozi e al sequestro di centinaia di confezioni di merce. «Non si possono vendere prodotti con la presenza di thc, nemmeno se hanno lo 0,2%». In Italia è la prima operazione di questo tipo
giovedì 21 Giugno 2018 - Ore 18:47 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Il questore Antonio Pignataro con, da sinistra, il commissario capo Gabriele Di Giuseppe, il medico Fabio Frascarelli, e il commissario capo Maria Raffaella Abbate

 

di Gianluca Ginella

«La cannabis light non esiste. Non si possono vendere prodotti contenenti thc, saranno tutti sequestrati». Così il questore di Macerata Antonio Pignataro che per primo in Italia, con il coordinamento del procuratore Giovanni Giorgio, ha dato il via ad una indagine e poi a sequestri su prodotti che contengono cannabis. Due i negozi sequestrati nel capoluogo, e 807 i prodotti tolti dal mercato e che venivano venduti come oggetti da collezione (leggi l’articolo).

Uno dei prodotti in vendita che sono stati sequestrati

A comprarli erano ragazzi, «alcuni minorenni – dice il questore –. Su “alert istituzionale” la polizia al fine di tutelare la salute nostra e delle giovani generazioni ha avviato un’attività contro il proliferare degli esercizi commerciali che con maldestre condotte vendevano prodotti di cannabis con Thc 0,60» ha spiegato il questore. L’attività di indagine è in corso in queste ore. Dal mercato sono state tolte 807 confezioni di prodotti a base di cannabis e che vengono vendute a 20 euro. Sulle confezioni viene precisato che non sono prodotti da fumare o ingerire ma che sono da collezione o ricerca. L’indagine si allargherà anche a chi li produce. Intanto però il titolare delle due attività (una in via Lauri, la Indoonova, la seconda a Piediripa, in via Cluentina) è indagato per spaccio di droga. Perquisiti i suoi negozi, la sua casa e le abitazioni di due dipendenti. La questione, ha spiegato il questore, è che non è possibile vendere la cannabis light, non è possibile vendere marijuana anche se con un principio attivo di 0,2%. La legge 242 del 2016 precisa che è possibile coltivare la canapa con un principio attivo da 0,2 a 0,6.

Ma mettere in commercio prodotti a base di cannabis, anche se con principio attivo di 0,2%, non è possibile perché è ritenuta sostanza stupefacente visto che «il limite di thc per dire che non siano stupefacenti non è mai stato determinato» ha spiegato Fabio Frascarelli, medico della polizia. E anche chi compra può finire nei guai: «Chi viene trovato in possesso di questi prodotti rischia, a seconda del quantitativo, una segnalazione amministrativa o la denuncia» ha spiegato il commissario capo Maria Raffaella Abbate, nuovo dirigente della Squadra mobile di Macerata (ha preso il posto del vice questore Alessandro Albini che da lunedì comanda la Mobile di Lecce). Le indagini della Mobile sono partite due mesi fa, e con il coordinamento della procura di Macerata hanno consentito di individuare una serie di clienti dei negozi che vendono prodotti a base di canapa. Chi li acquistava non sembra li tenesse poi per collezionarli o fare ricerche. Dopo aver raccolto una serie di elementi di indagine e aver analizzato i prodotti che venivano venduti, la Mobile oggi ha dato il via a sequestri, disposti dal gip Domenico Potetti, e perquisizioni. Il questore ha disposto la chiusura dei negozi in via preventiva, a tutela della salute. «Siamo qui per aiutare i giovani della provincia e continueremo a farlo» ha detto il questore Pignataro.

Cannabis light, blitz della polizia Chiusi due negozi a Macerata

 

 

 

Cannabis light libera? Il Consiglio Superiore di Sanità dice no

Cannabis light in vendita, la marijuana legale sbarca a Macerata



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X