Cannabis light in vendita,
la marijuana legale sbarca a Macerata

IN COMMERCIO, con il recepimento della direttiva europea, sugli scaffali di alcuni negozi è possibile trovare la cannabis con un bassissimo livello di thc. Non solo infiorescenze ma anche prodotti alimentari e cosmetici. Un mercato che spopola tra gli over 30: «I giovani nemmeno si avvicinano e la vendita è vietata ai minorenni». In via Lauri un esercente propone solo canapa o prodotti derivati
- caricamento letture
CannabisLegale_FF-3-650x434

Un commerciante mostra il nuovo prodotto

 

di Federica Nardi

(foto di Fabio Falcioni)

È la foglia a sette punte più famosa del mondo e adesso a Macerata si compra in pieno centro, legalmente. È una rivoluzione partita in sordina quella della marijuana senza sostanze psicoattive, e quindi legale. Molti tabaccai non la vendono ancora, timorosi di perdere la licenza per una legge ancora ambigua che a loro consente la vendita solo per fini collezionistici. Discorso a parte per i negozi specializzati. Se ancora «le persone vengono qui con l’idea del proibizionismo che c’era prima e si mettono paura», dice Santino Lipari del negozio Indoor nova (il primo in città dedicato alla canapa che ha aperto ad aprile in via Lauri), la legge ha già superato le perplessità culturali con una direttiva europea recepita anche in Italia. E non chiamatela droga.

CannabisLegale_FF-6-325x217

Alcuni prodotti a base di canapa

«Il thc, la sostanza psicoattiva, è nullo, è sotto il 5 percento – spiega Lipari -, quindi il fisico non reagisce nemmeno a quella quantità. Mentre il cbd, la sostanza rilassante, agisce sul sistema nervoso e sui muscoli». Nel negozio di via Lauri «la maggior parte dei prodotti – prosegue il dipendente – provengono dall’Italia. A parte qualche tisana che prendiamo dalla Spagna, ma solo perché in Italia alcune linee, come quella cosmetica, non si producono». La marijuana è un toccasana «per vari problemi – spiega Lipari -. Può aiutare per la pelle, per l’artrosi, per problemi alle ossa e muscolari. Aiuta nei sintomi delle malattie degenerative. Inoltre prodotti come l’olio e le tisane vengono usati soprattutto in ambito terapeutico. In alcuni casi serve il thc – spiega -, e quindi c’è la prescrizione medica». Solo che in questi casi i prezzi vanno alle stelle. «Il sistema sanitario – prosegue Lipari – acquista la marijuana con thc dall’America o dall’Olanda, perché in Italia con la legge che c’è non la puoi produrre e i malati rischiano di restare senza la materia prima. Come quest’anno che la produzione militare è andata male e il prodotto non era adatto alla terapia». Ma chi compra le infiorescenze? «Più che altro – conclude Lipari – gente di media età, tra i 30 e i 40 anni».

CannabisLegale_FF-1-325x217L’età di chi compra la cannabis si alza ancora di più in corso della Repubblica, nel negozio Style cloud di Diego Sette, che invece ha introdotto i prodotti a base di marijuana da marzo. «La clientela – dice Sette- è quella che va dai 50 anni in su. I giovani non ci si avvicinano proprio per niente e la vendita ai minorenni è vietata». Nel suo negozio «la cannabis contiene lo 0,2 percento di thc – spiega Sette -, e a seconda della marca c’è un livello di cbd. I formati vanno da un grammo a due grammi e mezzo. È legale a tutti gli effetti anche se io consiglio ai clienti di aprirla a casa perché se sono soggetti a controlli, è lecito che li portino in caserma per verificare che sia quella legale. Quindi oltre al fatto che non si può rollare come una sigaretta (va esalata o usata per l’aromaterapia), consiglio di usarla con discrezione». Anche qui «i prodotti sono tutti italiani e i produttori sono soggetti a controlli proprio per evitare che il thc superi la soglia di legge, altrimenti diventa illegale».

CannabisLegale_FF-7-650x434

marijuana-cannabis

La canapa in vendita in un distributore automatico del centro

CannabisLegale_FF-5-650x434

CannabisLegale_FF-4-650x434



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X