Sfonda porta di un negozio,
poi minaccia i poliziotti:
«Vi faccio a pezzi»

MACERATA - Un 22enne della Guinea ha cercato di fare un furto, che poi si è trasformato in rapina, in una copisteria di via Don Minzoni. Preso dagli agenti della volante, ne ha ferito uno alla spalla
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
leonardo-perticarari-copisteria-scripta-manent2-650x433

Il titolare della copisteria, Leonardo Perticari (Foto Falcioni)

 

di Gianluca Ginella

Il centro storico da poco era tornato al silenzio dopo le note che hanno accompagnato la prima serata di Musicultura quando un giovane di 22 anni della Guinea, alle 3,45 di questa mattina ha iniziato a prendere a calci la porta d’ingresso di una copisteria, la “Scripta manent” che si trova in via Don Minzoni. Il gesto è stato notato da un passante che è corso alla questura e ha avvisato il piantone di quello che stava accadendo. Una volante è arrivata in meno di un minuto in via Don Minzoni.

poliziaNella copisteria c’era ancora il 22enne della Guinea, la cassa era aperta e l’uomo è stato trovato mentre teneva in mano una torcia elettrica con cui si faceva luce per rubare. Quando ha visto gli agenti ha reagito male. Ha cominciato a dimenarsi ed è nata una colluttazione con i poliziotti della volante, diretta dal commissario capo Gabriele Di Giuseppe. Uno dei poliziotti è rimasto ferito ad una spalla (la prognosi è di 7 giorni). Il 22enne è stato poi fermato e fatto salire sull’auto della polizia. L’uomo ha continuato a dimenarsi e ha tirato calci contro vetri e portiere. Una volta in questura il 22enne, cui è stata contestata la rapina, ha iniziato a minacciare i poliziotti mentre cercava di colpirli con calci e sputi. «Io vi taglio a pezzi e vi mangio. Italiani di m…, la legge in Italia non può farmi nulla – ha iniziato a dire –, prendo una pistola e vi ammazzo, lo giuro su mia madre e su Allah. Io non ho nulla da perdere, vi denuncio tutti. Io ho fatto la guerra, nulla mi fa paura.

Gabriele-Di-Giuseppe

Il commissario capo Gabriele Di Giuseppe

Ne ho ammazzati tanti e ammazzerò anche voi». Il 22enne è stato trovato con 150 euro nascosti nelle mutande, soldi che aveva preso poco prima dalla copisteria, da dove però non era riuscito a portare via i restanti 1.200 euro che c’erano in cassa. Il 22enne, in Italia con un permesso di soggiorno che è in fase di rinnovo, senza fissa dimora, ora è in carcere a Montacuto di Ancona. Il giovane era già stato denunciato nei mesi scorsi per detenzione di droga ai fini di spaccio. Inoltre, nella serata tra ieri e mercoledì, aveva avuto una lite ai Giardini Diaz con un altro straniero. Gli agenti, giunti sul posto, lo avevano trovato ferito ad una spalla e il 22enne era stato soccorso dal 118 ma si era rifiutato di andare in ospedale.

(Servizio aggiornato alle 14,15)

leonardo-perticarari-copisteria-scripta-manent

Foto Fabio Falcioni

leonardo-perticarari-copisteria-scripta-manent3-650x433



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X