Corso Cairoli, commercianti
contro il Police Control:
«Ridateci le vecchie multe»

MACERATA - Gli esercenti hanno visto un calo degli affari pari al 30 per cento da quando è stato installato l'apparecchio che rileva le targhe delle auto in divieto: «E' un problema anche per i nostri fornitori che non possono fermarsi, ci vuole un po' di elasticità»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Corso-Cairoli-negozianti-protesta-Marco-Ribechi-1-650x433

La parte di Corso Cairoli dove il Police Control è più attivo

 

Corso-Cairoli-negozianti-protesta-Marco-Ribechi-10-650x433

I commercianti di Corso Cairoli discutono delle nuove multe

 

di Marco Ribechi

«Commercio in calo di almeno il 30 per cento, il Police Control ci strozza». Questo, a detta dei negozianti di corsi Cairoli, è il primo effetto del nuovo metodo di sanzioni adottato dal comune di Macerata. Utilizzato da circa 20 giorni permette di fotografare le targhe delle autovetture in sosta vietata e di inviare la multa direttamente a casa. Nonostante la soluzione sia stata pensata per migliorare il traffico, eliminando la sosta selvaggia, in realtà a pagarne di più le conseguenze sono proprio le attività come bar, edicole, pizzerie che hanno la necessità di offrire una sosta veloce ai propri clienti. «Serve un po’ di elasticità e buon senso – spiega Giordano Giusepponi del Piccolo bar del Corso – Abbiamo avuto in pochissimi giorni un calo evidente, non si possono multare in continuazione tutti i nostri clienti, ci stanno danneggiando moltissimo. Nessuno di noi è contro il senso civico o il rispetto delle leggi ma questo nuovo metodo è eccessivo. Prima quando passava il vigile chi si fermava al volo per un caffè o per comprare le sigarette aveva tempo di rimuovere la vettura, ora chi prende la multa lo scopre dopo un mese. Tra l’altro così neanche si risolve il problema del traffico perché il proprietario dell’auto non sa di essere stato multato e la lascia in sosta vietata».

Corso-Cairoli-negozianti-protesta-Marco-Ribechi-5-650x433

Il passaggio della polizia locale

Sulla stessa linea Fabio Salvi, dell’agenzia viaggi Salutami le stelle: «E’ un problema anche per i nostri fornitori, quasi tutti hanno preso la multa mentre stavano scaricando le merci. Il mio corriere neanche si ferma più, devo uscire io e prendere le mie cose dal finestrino. Quando i vigili fotografano potrebbe anche esserci qualcuno dentro l’auto ad aspettare, ma la multa arriva lo stesso. Poco fa un cliente è sceso al volo per consegnarmi un assegno e ripartire, ha impiegato meno di 3 minuti, la sosta rapidissima è vitale, deve essere tollerata». La richiesta, oltre a quella della flessibilità, è anche di rivedere la destinazione degli stalli: «Mi ricordo che un assessore aveva detto che avrebbero messo più posti con le linee bianche per la sosta rapida – prosegue Giusepponi – dove sono? Le linee vanno ripensate in maniera che  nessuno venga danneggiato». Tra gli esercenti che vorrebbero vedere un cambiamento anche Stefano Nasini della pizzeria Le Casette, Franca Ercoli di Pizzi e Ricami e Andrea e Massimo della Parrucchieria Joel. Nell’aria c’è una raccolta firme e un incontro con l’amministrazione. «In questo modo si favoriscono solo i centri commerciali – conclude Franca Ercoli – Corso Cairoli è una strada di commercio, vitale e frequentata. Da 20 giorni appena apriamo i negozi iniziano a fare multe in continuazione, cosa vogliono farci chiudere?». L’area è la stessa dove lo scorso anno il Comune aveva rimosso delle panchine usate dagli anziani senza più ripristinarle (leggi l’articolo).

 

Corso-Cairoli-negozianti-protesta-Marco-Ribechi-16-650x433

Giordano Giusepponi

Corso-Cairoli-negozianti-protesta-Marco-Ribechi-6-650x433

Corso-Cairoli-negozianti-protesta-Marco-Ribechi-2-650x433

Corso-Cairoli-negozianti-protesta-Marco-Ribechi-12-650x433

Fabio Salvi

Corso-Cairoli-negozianti-protesta-Marco-Ribechi-11-650x433

Franca Ercoli di Pizzi e Ricami

Corso-Cairoli-negozianti-protesta-Marco-Ribechi-4-650x433

Corso-Cairoli-negozianti-protesta-Marco-Ribechi-3-650x433

Piccolo Bar del Corso

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X