Spazzaneve e gps:
scatta il piano di emergenza a Macerata

Sedici mezzi dotati di localizzatore satellitare e 3 spargisale sono già entrati in azione. L'assessore alla Protezione civile Alferio Canesin: "Evitiamo brutte sorprese come nel 2012"
- caricamento letture
neve-macerata-gennaio-2017-foto-di-roberto-romiti-650x242

Macerata, foto di Roberto Romiti

 

bus-neve-macerata-gennaio-2017-foto-di-gennaro-carotenuto

Macerata, foto di Gennaro Carotenuto

 

di Claudio Ricci

Sedici spazzaneve, tre spargisale e un collegamento gps per coordinare l’operato dei mezzi sulle strade della città. E’ scattato ieri mattina tra le 5 e le 7, con la prima uscita dei mezzi spargisale, il piano neve predisposto dal comune per la stagione invernale in corso. Oggi pomeriggio è in programma la seconda uscita dei mezzi e domani è già stato programmato un terzo intervento per lo spargimento di  sale e graniglia nelle zone interessate dal ghiaccio. Pronte ad intervenire se lo strato di neve dovesse raggiungere livelli alti anche le squadre dei mezzi per lo sgombro della rete stradale e pronte anche da oggi pomeriggio le squadre di operai che si occuperanno dello sgombro dei passaggi  pedonali, marciapiedi e scalinate del centro storico. Il piano disposto dall’amministrazione comunale prevede la suddivisione della città in 8 zone affidate ad altrettante ditte private (di cui 4 maceratesi) che impiegheranno due spazzaneve ognuna.

neve-macerata-05012017-5-650x433

(Foto Federico De Marco)

neve-macerata-05012017-3-400x267

(Foto Federico De Marco)

Ad ogni mezzo verrà collegato un localizzatore gps che consentirà di verificare gli spostamenti sulla rete viaria urbana e organizzarli in base alle necessità, oltre che controllare l’effettivo svolgimento del lavoro. Agli spartineve verranno affiancati 3 spargisale di proprietà del comune. Il servizio di sgombero che riguarda il periodo fino al 30 aprile è stato approvato “in modo da consentire interventi contestuali e tempestivi sulla base dei riscontri positivi ottenuti con i sistemi operativi fino ad ora praticati”, si legge nella determina dell’ufficio servizi tecnici. Il costo preventivato dell’operazione è di 15mila euro. “E’ un piano che si fa tutti gli anni – spiega l’assessore alla Protezione civile Alferio Canesin – Non prevediamo un’emergenza come quella del 2012, quando rimanemmo un po’ spiazzati. Ma abbiamo comunque allertato tutti i tecnici e le ditte per evitare spiacevoli sorprese”. In relazione alle rigide temperature previste anche per i prossimi giorni, si invitano i cittadini a  proteggere dal gelo i contatori idrici, ove accessibili, mediante coperture utilizzando polistirolo ma  anche un semplice panno di lana. Si tratta di piccoli accorgimenti che aiutano a prevenire eventuali  rotture o incrinature non solo del misuratore ma anche di eventuali tubi dell’acqua collocati  all’esterno degli edifici.  Infine l’Amministrazione comunale raccomanda alla cittadinanza di usare mezzi privati solo se muniti  di gomme termiche e, se possibile, di privilegiare quelli pubblici oggi in funzione regolarmente e  chiede la massima collaborazione onde evitare intralci e problemi che andrebbero a rendere  ulteriormente disagevole la situazione a causa del gelo.

neve-macerata-05012017-1-650x434

(Foto Federico De Marco)

neve-macerata-05012017-2-650x434

(Foto Federico De Marco)

 

neve-macerata-05012017-4-650x434

(Foto Federico De Marco)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X