Macerata, paura e gente in strada:
gli interventi dopo il terremoto

LA SITUAZIONE IN CITTA' - Tubature dell’acqua che saltano, crepe ai muri di diversi palazzi, un comignolo sul tetto della Prefettura crollato, vigili del fuoco alla casa di riposo a Villa Cozza, annullato il mercato settimanale in centro. Controlli alla galleria di Fontescodella, transennata la chiesa di San Giovanni. Riunita, al comando provinciale dei pompieri, la sala operativa permanente per fare il punto delle criticità. Le testimonianze dei cittadini. «Stavamo dormendo – racconta Alex Magrini, residente in via Roma – quando è iniziato a tremare tutto. Ci cadevano pezzetti di muro in faccia. Terribile»
- caricamento letture

terremoto comp

L'intervento dei vigili del fuoco in un'abitazione di via Roma

L’intervento dei vigili del fuoco in un’abitazione di via Roma

 

di Marina Verdenelli

Il terremoto sveglia Macerata nel cuore della notte. Gente in strada, tubature dell’acqua che saltano, crepe ai muri di diversi palazzi, un comignolo sul tetto della Prefettura è crollato in via Don Minzoni, vigili del fuoco alla casa di riposo a Villa Cozza, annullato il mercato settimane nel centro storico. Dopo le scosse un primo bilancio per il capoluogo. Bollente il centralino dei pompieri impegnati nei controlli per le verifiche sulla staticità di alcuni palazzi e nella galleria di Fontescodella. Transennata la chiesa di San Giovanni, in piazza Vittorio Veneto e la chiesa di Santa Maria della Porta. 

In via Roma un intero palazzo, al civico 111, è stato interessato da lunghe crepe anche ai muri portanti. «Stavamo dormendo – racconta Alex Magrini, inquilino del primo piano – quando è iniziato a tremare tutto. Ci cadevano pezzetti di muro in faccia. Terribile». Nell’immobile sono arrivati i vigili del fuoco. Le crepe hanno interessato tutti gli appartamenti. Un’anziana, al secondo piano, ha lasciato l’abitazione perché le scosse hanno lesionato il muro sopra la porta impedendone la chiusura. «La paura è stata tanta – dice Giovanni Flamini, dello stesso palazzo – io ho anche due bambine, piangevano disperate. Subito dopo siamo usciti in strada». Avvisato l’amministratore di condominio verrà incaricato un ingegnere per i controlli strutturali. I vigili del fuoco non hanno dato ordine di evacuare la palazzina.

L'intervento dei vigili del fuoco sul palazzo della Prefettura

L’intervento dei vigili del fuoco sul palazzo della Prefettura

Verifiche sulla staticità della struttura sono state fatte, sempre dai pompieri, alla casa di riposo a Villa Cozza dove attorno alle 4,30 sono arrivati anche alcuni dei familiari dei 120 anziani ospiti, preoccupati per i propri cari. I vigili del fuoco hanno controllato piano per piano che non ci fossero pericoli. Dal palazzo della Prefettura, in via Don Minzoni, un comignolo si è staccato precipitando di sotto. Non si registrano feriti ma il crollo ha richiesto l’intervento dei vigili del fuoco per mettere in sicurezza la zona. Sempre per motivi di sicurezza il Comune ha annullato il mercato settimanale che il mercoledì popola le vie del centro storico. Oggi nessuna bancarella. Il terremoto ha reso necessario la verifica di stabilità dei cornicioni dei palazzi. A Collevario è saltata una tubatura dell’acqua per le forti scosse registrate. L’acqua ha allagato un tratto di strada. Per il guasto sono stati chiamati i tecnico dell’Apm che con l’ausilio di un mezzo scavatore hanno trovato la rottura procedendo alla riparazione. Tanta la gente in strada subito dopo la prima scossa, con sedie e coperte per passare la notte. Qualcuno ha dormito in camper.

Piazza Mazzini, piazza Libertà, al parcheggio dello stadio Helvia Recina, a Collevario, davanti allo Sferisterio, la stazione, via dei Velini e corso Cavour si sono popolate come se fossero le 20. Passeggini, bambini in braccio, qualcuno ha portato via di casa anche il cane usando l’auto come riparo di emergenza per la notte. «Non siamo abituate al terremoto – racconta un gruppo di donne rumene, chiuse in auto, davanti allo Sferisterio – ci siamo spaventate, non capivamo bene cosa stava accadendo». Attivata sin da subito la Soi, la sala operativa integrata, al comando dei vigili del fuoco dove si sono riuniti la Protezione civile, presente anche l’assessore Alferio Canesin, e tutti i soggetti impegnati nell’emergenza per fare un punto della situazione. La prossima riunione si terrà alle 12.

(Servizio aggiornato alle 8,30)

Tanta gente al Monumento dei caduti (foto di Andrea Petinari)

Tanta gente al Monumento dei caduti (foto di Andrea Petinari)

 

chiesa_san_giovanni_macerata_post_terremoto

Chiesa di S.Giovanni

La stazione di Macerata

La stazione di Macerata

I calcinacci caduti dal palazzo della Prefettura (foto di Andrea Del Brutto)

I detriti caduti dal palazzo della Prefettura (foto di Andrea Del Brutto)

via roma danni terremoto

Le crepe in un’abitazione di via Roma

 

Allagamento a Collevario

Allagamento a Collevario

Lavori in corso per la tubatura rotta a Collevario

Lavori in corso per la tubatura rotta a Collevario

Diverse persone in macchina nel parcheggio dello stadio Helvia Recina

Diverse persone in macchina nel parcheggio dello stadio Helvia Recina

Gente in strada davanti allo Sferisterio

Gente in strada davanti allo Sferisterio

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X