Civitanovese, parla il presidente Patitucci
“Risaneremo il bilancio della società”

L'INTERVISTA - Il numero uno rossoblu: "Abbiamo chiesto un finanziamento alla banca per poter arrivare al termine della stagione. Il nuovo mister sarà Giorgio Carrer"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Luciano Patitucci, presidente della Civitanovese

Luciano Patitucci, presidente della Civitanovese

di Maikol di Stefano

Il day after di Celano (leggi l’articolo), in casa Civitanovese è rovente. La formazione rossoblu ieri è rientrata al Polisportivo con un punto in più, grazie al pareggio esterno sul campo del fanalino di coda abruzzese, ma senza più una guida tecnica. Antonio Mecomonaco, ha rassegnato le sue dimissioni irrevocabili. Oggi mentre a Civitanova tutto tace a parlare è il presidente Luciano Patitucci: “Mister Mecomonaco è una bravissima persona, – spiega – ma lui, come un po’ noi tutti, si è stancato delle continue pressioni date dalla piazza, tifosi e giornali. Io lo comprendo pienamente e non me la sentivo nuovamente di pregarlo a rimanere. Da adesso a fine stagione la squadra è affidata a Giorgio Carrer, noi dobbiamo concentrarci di rimettere in sesto l’aspetto finanziario della Civitanovese”. Il nuovo tecnico, già presente nello staff tecnico di Mecomonaco, ha già guidato i rossoblù nella trasferta di San Benedetto. La Civitanovese superata oramai quota 40 punti, quindi centrata la salvezza, deve trovare rassicurazioni fuori dal campo. “Col gruppo B&L, – chiarisce Luciano Patitucci – abbiamo chiesto un finanziamento alla banca. Liquido che in parte gireremo nel conto della Civitanovese per poter risanare il bilancio e portare la società al termine della stagione. Bisogna capire, però, che ci sono tempi burocratici che impongono di avere ancora pazienza. Stiamo lavorando per sistemare questa situazione nonostante non ci arrivino altro che insulti. Credo fortemente che il male della Civitanovese siano alcuni civitanovesi”.

Antonio Mecomonaco si è dimesso dalla carica di allenatore della Civitanovese

Antonio Mecomonaco si è dimesso dalla carica di allenatore della Civitanovese

Negli scorsi giorni sono intervenuti anche l’assessore allo sport, Piergiorgio Balboni, e il sindaco Tommaso Corvatta, che hanno dato un ultimatum alla proprietà per sistemare la questione: una settimana per iniziare a saldare i debiti. Il tutto dopo che Balboni, Diego Perrone (legale dell’imprenditore Giuseppe Cerolini) e un gruppo di tifosi rossoblù sono stati a Roma, in Lega, per richiedere che il titolo sportivo fosse tolto all’attuale proprietà e rimesso in mano al Comune. Una mossa che non ha gradito Patitucci. “Non capisco come si siano permessi di andare in Lega a nome mio – afferma stizzito il presidente rossoblù – e per richiedere cosa poi? La Civitanovese è una società privata in cui le decisioni le prendo io che sono il presidente. Queste uscite servono solo a creare ancora più malumore, mettere pressione a squadra e società e fare titoli più grandi sui giornali. Vorrei informare tutti – conclude il presidente – che mi siederò a un tavolo con Giuseppe Cerolini, l’amministrazione e chiunque altro solo una volta ricevuto il finanziamento e risanato la società”. La situazione, quindi, sarebbe sotto controllo stando alle parole del presidente Luciano Patitucci. Intanto non resta che vedere se domani i giocatori torneranno ad allenarsi o continueranno lo sciopero.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X