Bianchi: “Gestione sana, resistiamo
ai tagli e aiutiamo le imprese”

MACERATA - Il presidente della Camera di commercio ha presentato il bilancio preventivo 2015. Due milioni e 780 mila euro in meno, ridotti gli interventi privilegiando progetti multisettoriali e che coinvolgono più categorie. Coperti solo 4 mesi per la Civica Enoteca che sta per lanciare il nuovo progetto delle "Strade del vino"
- caricamento letture
bianchi_evidenza

Giuliano Bianchi

di Gabriele Censi

Meno 35% nel 2015, meno 40% nel 2016 e meno 50% nel 2017. Questi i tagli al bilancio delle Camere di Commercio elencati dal presidente Giuliano Bianchi durante la presentazione del preventivo 2015, approvato lo scorso 12 dicembre (leggi l’articolo). “Tagli che producono benefici irrisori per le imprese – spiega il presidente dell’ente maceratese – noi resisteremo anche per la gestione oculata fatta negli anni precedenti. Negli ultimi 15 anni abbiamo guardato oltre il nostro naso. Siamo stati tra i primi a vendere il parco auto e riconvertire gli autisti, non abbiamo fatto assunzioni e abbiamo informatizzato molto. Una spending review anticipata anche perchè negli ultimi 20 anni il Pil non è mai cresciuto a cifre significative . Per questo non abbiamo problemi di mobilità mentre l’elenco degli enti camerali che non hanno i soldi per gli stipendi è lungo. Però non potremo fare quasi più niente e abbiamo deciso con voto del Consiglio camerale di promuovere l’unione di Ascoli, Fermo e Macerata” (leggi l’articolo). Nel progetto rimarrebbero le sedi provinciali aperte ma con funzioni e costi ridotti. Le maggiori resistenze all’accorpamento, già deliberato dall’Unione regionale come prima ipotesi (in subordine una sola Camera con sede Ancona) vengono da Fermo ma il processo sembra inevitabile anche per la normativa in arrivo ancora più stringente.

 

Mario Guadagno

Mario Guadagno

 

I numeri per il 2015 sono effettivamente più piccoli: i proventi passano da 10.410.327 a 7.216.888 euro. Sono 2,78 milioni in meno che incidono per la gran parte sugli interventi economici (da 4.724.967 a 1.922.494 euro). Dentro ci sono la Quadrilatero (735.200), l’azienda speciale Ex-It (580.000),  il Comitato Imprenditoria Femminile, l’Assonautica, la Camera arbitrale. Questi vedono ridotte le risorse mentre restano fuori Sferisterio, Musicultura e Civitanova Danza, almeno per il momento (leggi l’articolo). Il consiglio ha diviso il budget di questi interventi: per metà ad iniziative proprie e per metà a iniziative di terzi privilegiando progetti multisettoriali e che coinvolgono più categorie. “Il taglio a Musicultura è doloroso – continua Bianchi – ma abbiamo scelto di destinare le risorse direttamente alle imprese, poi qualcosa potremo recuperare con gli avanzi di gestione e l’assestamento semestrale, ma parliamo di ulteriori 300 mila euro circa”.

Marco Ferracuti

Marco Ferracuti

Le spese per il personale passano da 2.654.903 a 2.344.427, quelle per il funzionamento da 2.115.324 a 1.744.250, gli ammortamenti e accantonamenti da 1.822.825 a 1.343.617. Scendono anche le entrate finanziarie (da 232.150 a 67.100) per effetto della tesoreria unica.Per quanto riguarda il personale, il segretario generale Mario Guadagno (unico accanto al presidente stamattina) da gennaio assume le competenze di Maria Leonori  (l’altra dirigente in pensione e non sostituita) e percepirà 29 mila euro in meno. Gli oltre 50 dipendenti rinunciano al fondo Borse di studio e diminuisce il gettone per i membri di Giunta e Consiglio. Tagli che soddisfano Marco Ferracuti, componente  della Giunta in rappresentanza dei sindacati: “Una dimostrazione di gestione sana che ci permette far comunque progetti, di qualità e mirati sul territorio. Non avere debiti ci mette anche in posizione di forza nella trattativa sull’accorpamento. Affrontiamo il momento difficile distribuendo i sacrifici”.

La Civica Enoteca Maceratese

La Civica Enoteca Maceratese

Capitolo a parte per la Civica Enoteca Maceratese, in bilancio sono coperti solo 4 mesi di gestione ma è in itinere il progetto delle strade del vino che con l’esperto tecnico Carlo Cambi e un comitato in via di costituzione potrebbe attingere a finanziamenti europei e garantire la continuità della struttura che ha avuto nel 2014 oltre 13 mila visitatori.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X