Area Ceccotti, entro 6 mesi la variante
Dallo studio non spiccano novità

CIVITANOVA - Presentati questa mattina i pannelli che ripercorrono l'iter dell'urbanistica partecipata. Lo spazio sarà rivalutato. La fornace: prima si pensava di acquisirla come patrimonio immobile del Comune, ora rimarrà a disposizione del privato, ma con finalità pubbliche, ovvero con una destinazione turistica, culturale o ricettiva
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

mostra ceccotti (2)

L'assessore all'urbanistica Francesco Micucci e il sindaco Tommaso Corvatta

L’assessore all’urbanistica Francesco Micucci e il sindaco Tommaso Corvatta

di Laura Boccanera

«Civitanova si candida a diventare una città smart». Parole del primo cittadino Tommaso Corvatta che questa mattina ha inaugurato una singolare mostra fotografica. Nei pannelli appesi sulle pareti delle scale di Palazzo Sforza infatti è ricostruito l’iter della così detta “urbanistica partecipata”, il progetto durato circa un anno e che ha visto l’architetto Sandro Polci curare il processo per arrivare a capire cosa realizzare nello spazio della Ceccotti. Tutta l’area è al centro di un processo di ripensamento che varca 3 decenni, reso ancora più ingarbugliato per via del fatto che ci si trova davanti ad un’area privata, di interesse pubblico, sulla quale gravitano ricorsi e processi, il fallimento di due aziende (leggi l’articolo) e che è attualmente un mostra ceccotti (4)luogo di degrado al centro della città. Difficile dipanare la matassa e Corvatta ci prova con Polci, dando la parola ai cittadini (pochi in verità) che hanno partecipato al processo di ripensamento dei punti di forza e debolezza di quell’area. Dallo studio presentato però al momento non arrivano risposte e la palla passa adesso all’ufficio tecnico del Comune che dovrà elaborare una variante per attirare investitori su quella zona. Rigettato ormai senza ripensamenti il faraonico progetto di grattacieli e 108mila metri cubi di cemento, l’ufficio tecnico del Comune dovrà ora fare una proposta. Lontani gli anni in cui l’edilizia (e la speculazione) volevano che quell’area diventasse un centro residenziale e commerciale: il mercato cambia e anche gli appartamenti già realizzati in una porzione del lotto giacciono invenduti. Da qui la necessità per tutti di ripensare quello spazio. Ma, come detto, la mostra allestita non propone soluzioni, ma solo necessità. Ecco allora che necessariamente lì dovranno collocarsi dei parcheggi, uno spazio verde, una parte edificabile per servizi e l’area archeologica della vecchia fornace. Idee e proposte suggerite anche in passato. L’unica vera novità sta forse nel fatto che mentre prima si pensava di acquisire come patrimonio immobile del Comune la fornace, ora questa rimarrà a disposizione del privato, ma con finalità pubbliche, ovvero con una destinazione turistica, culturale o ricettiva. Troppo oneroso con i tagli ai fondi comunali e con la scure del patto di stabilità occuparsi della manutenzione di quel bene, comunque vincolato per forma e dimensioni e protetto come archeologia industriale. Anche la cubatura si ridurrà, almeno un 30 o mostra ceccotti (5)un 40% in meno rispetto al progetto originario e l’assessore Francesco Micucci comunica anche di ricercare investitori per creare un’area servizi in quella zona. Ad esempio si guarda con interesse al turismo del wellness e della salute. Però i toni sono trionfali. «Oggi mettiamo un punto fermo, la modifica della concezione dell’area Ceccotti – ha detto il primo cittadino – dicembre sarà il mese delle inaugurazioni e che darà una svolta al Comune, cominciamo oggi con questa mostra che chiude un periodo di ricerca e proseguiremo il 16 con l’insediamento dei corsi dell’Università di Camerino nella casa studenti e anziani e prima di Natale inaugureremo fiera e Palas». «Oggi è un punto di arrivo di una fase durata circa un anno – sottolinea l’assessore Micucci – all’inizio sembrava impossibile trovare un punto d’incontro fra le esigenze della cittadinanza e le esigenze dei privati che volevano una rendita dalla proprietà, non ultime c’erano le attese di chi dovrà investire. Nei prossimi mesi, spero prima dell’estate, procederemo con la variante conclusiva».

mostra ceccotti (1)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X