Robotica e riabilitazione,
paziente del Santo Stefano
torna a camminare

PORTO POTENZA - Alessandro Cerioni, in cura nella struttura di riabilitazione Villa Adria, ha raccontato i progressi fatti in seguito alla terapia con l'esoscheletro indossabile Ekso al convegno che si è tenuto nella sede centrale della clinica
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
IMG_1670-paziente- 00

Clicca sull’immagine per guardare il video

IMG_1693-A.C.-logo-LEGGERA

Una prova dei benefici riscontrati dai pazienti del S. Stefano con l’esoscheletro robotico. Nella foto Alessandro Cerioni

 

GUARDA IL VIDEO

«Recuperare la possibilità di stare in piedi e quella di fare un movimento assai simile al cammino spontaneo è stato per me di grande importanza. Ne ho riscontrato benefici evidenti sotto più punti di vista». Così Alessandro Cerioni., paziente anconetano in cura nella struttura di riabilitazione del Santo Stefano, Villa Adria di Ancona, nel corso di un convegno che si è svolto alla struttura di Porto Potenza Picena. Alcuni pazienti del Santo Stefano hanno portato la loro personale esperienza dei benefici ricevuti da terapie che hanno utilizzato le più innovative tecnologie applicate alla riabilitazione.

IMG_1697-gruppo-LEGGERA

Alcuni dei pazienti in cura con tecnologie robotiche

Si è parlato in modo particolare degli innovativi Esoscheletri indossabili tracciandone le prospettive di fruizione. Dallo scorso agosto, A.C. sta facendo sedute terapiche con l’esoscheltro indossabile “Ekso”,  macchinario di ultima generazione che aiuta i pazienti con inabilità motorie a tornare in piedi e a camminare autonomamente.  «Ho visto ben presto i riscontri positivi delle terapie – continua A.C.– sia dal punto di vista della circolazione del sangue che del benessere delle mie gambe ma persino dal punto di vista intestinale».

IMG_1628-Brizioli-Molteni-LEGGERA

Enrico Brizioli, ad del Santo Stefano e Franco Molteni direttore unità Complessa di Riabilitazione Ospedale Valduce, Villa Beretta,

Il convegno ha approfondito il legame sempre più stretto che intercorre tra la robotica, la tecnologia e le pratiche cliniche e terapeutiche. «E’ una nostra precisa scelta – ha detto l’amministratore delegato del Santo Stefano, Enrico Brizioli   – dotarci delle migliori tecnologie in circolazione per offrire ai nostri pazienti l’opportunità di fare riabilitazione attraverso l’uso delle strumentazioni più innovative».   Con questo obiettivo l’istituto sta da tempo potenziando il proprio parco tecnologico con l’introduzione dell’utilizzo dei robot per l’arto superiore e inferiore. Numerose le tecnologie in uso nelle strutture Santo Stefano, tra cui lo stesso “Esoscheletro”, e poi   il “G-EO Systems” e l’”Erigo” per il trattamento dell’arto inferiore e che permettono di riportare in posizione verticale il paziente, l’ “Amadeo”, per la riabilitazione della mano, la “Realtà Virtuale”,  per la riabilitazione sia motoria sia cognitiva.

 

IMG_1687-A.C.-LEGGERA

IMG_1651-platea-02-LEGGERA

IMG_1636-platea-01-LEGGERA

IMG_1635-tavolo-LEGGERA

Il tavolo dei relatori durante il dibattito su riabilitazione e robotica



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X