Il missile di Rosalba Ubaldi:
“Abbatteremo l’Hotel House
e costruiremo un complesso più grande”

PORTO RECANATI - Sfida a distanza nel pomeriggio per la presentazione al pubblico dei candidati. Annuncio a sorpresa del sindaco uscente durante l'incontro alla sala Biagetti: "L'attuale gestione è troppo difficile, pronto un progetto per la riqualificazione dell'area". Intanto Sabrina Montali presenta la sua squadra nella palestra Diaz, e commenta: "Solo uno slogan elettorale, operazione giuridicamente impossibile in tempi brevi. Basta essere sudditi di una persona sola al comando!"
- caricamento letture

 

 

Rosalba Ubaldi (al centro) con i suoi candidati

Rosalba Ubaldi (al centro) con i suoi candidati

di Alessandro Trevisani

“Abbatteremo l’Hotel House, tutti i 17 piani, e creeremo un nuovo complesso nell’area”. Alle 16.55 il proclama di Rosalba Ubaldi, sindaco Udc di Porto Recanati, arriva secco, quasi silenziato dallo stupore del pubblico, come una staffilata all’incrocio dei pali scagliata su un campo bagnato. Un missile che la pioggia incessante di questa domenica, fuori da una sala Biagetti gremita da una settantina di persone, lì per lì può solamente ovattare, ma che esplode fragoroso nel seguito di un pomeriggio tambureggiante.
La scena è quella di una finalissima: alle 17 parte la presentazione della lista Grande Futuro per Porto Recanati, che sostiene il sindaco uscente alle Comunali del 25 maggio prossimo. Facce note alla gente, tantissimi debuttanti, abiti eleganti, a comporre un ensemble compito e deferente, dove a prendere la parola saranno unicamente la Ubaldi e Giacomo Regnicolo, che nel finale annuncia il suo appoggio alla prima cittadina.

La squadra di Noi per Porto Recanati

La squadra di Noi per Porto Recanati

Quattrocento metri più in là, nella palestra Diaz, la candidata del centrosinistra Sabrina Montali arringa così le 150 persone presenti al lancio di Noi per Porto Recanati: “Io sono diversa da Rosalba Ubaldi, finiamola di essere sudditi di un re”, e scatena applausi a più riprese, poco dopo aver dato la parola a tutti i componenti della sua squadra. Presentazione in grande stile, palco addobbato e rialzato, mescolanza di casual e chic negli abiti, con l’elettronica francese dei Klingande a fare da accompagnamento (la loro “Jebel” risuona all’inizio e alla fine). “In questi anni si sono fatte scelte calate dall’alto nel nome di interessi speculativi – prosegue la Montali – qui c’è una persona al comando e nessuno in paese si espone, c’è un clima preoccupante in qui la gente pensa ‘Se rivince la Ubaldi io di fare questa cosa non me lo posso permettere’. È una cosa che mina le basi della vita democratica”. Rasoiate culminate in due affondi: “Facciamo una scuola superiore a Porto Recanati, pensiamo al futuro dei nostri figli, invece che ai resort a 6 stelle”, chiaro riferimento al progetto turistico del Burchio, e ancora: “È chiaro che la Ubaldi ha intimato ai commercianti di non dare una sede in affitto al centrosinistra”, una bordata che rieccheggia lo “sfratto” subito 10 giorni fa da NPP (che ha ricevuto altri ‘no’ da negozianti del posto) da un locale di corso Matteotti (va detto per la verità che il proprietario non era d’accordo, e in precedenza, dicono gli avvocati che hanno redatto il contratto d’affitto, avrebbe esplicitato lo stesso dissenso anche nell’altro senso, fronte centrodestra).

Rosalba Ubaldi, sindaco uscente di Porto Recanati

Rosalba Ubaldi, sindaco uscente di Porto Recanati

Negli stessi minuti la Ubaldi, ignara degli attacchi della Montali, completava il discorso legato all’Hotel House. “Sarà un progetto di grande riqualificazione, ve lo accenno e vi lascio con un po’ di curiosità – ammicca la sindaco – l’intervento sarà esclusivamente privato, operato da un grande gruppo con concreta possibilità di realizzarsi, e contempla l’abbattimento dell’Hotel House e la creazione di un altro complesso nell’area adiacente, che per il 50% sarà abitato da altri cittadini, oltre a quelli attualmente residenti in uno stabile dalla gestione complessa, con troppe persone nello stesso posto”. Ma siamo sicuri che tutte le famiglie in affitto, o magari occupanti, potranno essere trasferite con facilità? “Siamo davanti a una trattativa privata – risponde la sindaco – tutte le modalità saranno rese note nel sito del comune”. E poi, la chicca: “A occuparsi del tutto sarà la Legacoop, quindi nessuno potrà dire che è un progetto di una sola parte politica”. Qualche anno fa fu Anna Rombini (La Destra) a proporre con forza l’abbattimento dell’Hotel House.

L'Hotel House

L’Hotel House

L’annuncio lascia forse ingiustamente in secondo piano altre questioni, che riassumiamo nell’Ubaldi-pensiero: “La campagna elettorale sarà finanziata da ogni candidato con 200 euro, la differenza la aggiungo di tasca mia. Gli eventuali assessorati? I candidati partono alla pari, li assegnerò in base ai risultati e alle competenze. Trasferiremo la biblioteca alla palestra Diaz, restaureremo il Kursaal, adibendolo a negozi al piano terra e sala concerti-cinema al piano di sopra, e col Burchio diventeremo la Cernobbio del centro Adriatico: si sono già proposte due rilevantissime catene alberghiere italiane per gestire il resort-hotel. Siamo la terza località turistica e cresceremo ancora”. E l’archeologia, che tanti resti accumula sotto i terreni del Burchio? “Non ci facciamo illusioni, ci vuole un finanziamento privato, come al Colosseo. Del resto, pensiamo a Pompei, che nonostante la sua importanza si trova in pessime condizioni. Non è facile conservare beni come questi”.

Lorenzo Riccetti e Sabrina Montali di Noi per Porto Recanati

Lorenzo Riccetti e Sabrina Montali di Noi per Porto Recanati

In palestra Diaz la presentazione si conclude inorno alle 19, circa un’ora dopo quella ubaldiana. “L’abbattimento dell’Hotel House? Facciamo prima il porto”, ironizza Riccetti, “Solo uno slogan elettorale – ribatte Montali – è un’operazione giuridicamente impossibile in tempi brevi, se contiamo quante sono le famiglie in affitto o occupanti”. “Forse vogliono liberare il paesaggio ai russi del Burchio”, commenta ancora ironica Maria Elena Fermanelli. La Ubaldi pochi minuti prima aveva detto sul tema: “Rivendico un grosso successo: non abbiamo mai registrato episodi di intolleranza razziale, un risultato al di là del normale, che viene da tante piccole e costanti attenzioni nel tempo”. Come prima giornata di campagna elettorale non c’è male. Fuori piove ancora, e la politica portorecanatese promette tuoni e fulmini.

***

IL PUNTO SULLE ELEZIONI A PORTO RECANATI E NEGLI ALTRI PRINCIPALI COMUNI CHIAMATI AL VOTO (LEGGI L’ARTICOLO).

 

 

 

Il pubblico in sala Biagetti

Il pubblico in sala Biagetti per ascoltare Rosalba Ubaldi

 

lla palestra Diaz il pubblico ascolta la presentazione di Noi per Porto Recanati

lla palestra Diaz il pubblico ascolta la presentazione di Noi per Porto Recanati

 

Nella sala Biagetti Rosalba Ubaldi presenta la squadra di Grande Futuro per Porto Recanati

Nella sala Biagetti Rosalba Ubaldi presenta la squadra di Grande Futuro per Porto Recanati

Applausi per Sabrina Montali in palestra Diaz

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X