Capriolo falciato sulla SP45
L’investitore non si è fermato

SAN GINESIO - L'allarme è partito da un altro automobilista che ha notato l'animale agonizzante, morto poco dopo. Sul posto i carabinieri
- caricamento letture
Il capriolo investito vicino San Ginesio

Il capriolo investito vicino San Ginesio

 

capriolo 1di Filippo Ciccarelli

E’ finito male, per un povero capriolo, l’ennesimo incidente avvenuto tra un’auto in transito e la selvaggina che scorrazza anche lungo le strade provinciali. Spesso questi incidenti sono causati da cinghiali, che possono sfasciare le carrozzerie delle auto e proseguire, intontiti ma integri, nella loro corsa. Agli ungulati come i caprioli, invece, può andare peggio: questa mattina, intorno alle 9.30, è stato dato l’allarme per via di un capriolo che, agonizzante, era al margine della strada dopo essere stato colpito da un auto o un altro veicolo in transito. L’impatto è avvenuto sulla SP45 Faleriense, nei pressi di San Ginesio, e sul posto sono arrivati i carabinieri di Tolentino che hanno rilevato l’incidente. Chi ha investito l’animale, infatti, non si è fermato, nonostante con la riforma del codice della strada sia obbligatorio prestare soccorso agli animali (non importa se domestici o selvatici) se si è causato un incidente. Il piccolo capriolo, un maschio, ha cercato in tutti i modi di rimettersi in piedi, ma le ferite dovute all’impatto non gli hanno lasciato scampo.

(Foto Cronache Maceratesi – Vietata la riproduzione)

capriolo 3



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =