Restauro antico orologio, incarico di progettazione degli interventi da eseguire sulla Torre civica

MACERATA - Delibera della Giunta. Concordate le fasi e le modalità di recupero con l’Istituto e Museo di storia della Scienza di Firenze
- caricamento letture

 

pupetti-antico-orologio1-300x188

I pupi dell’antico orologio

 Nota del Comune di Macerata:

  Continua l’impegno dell’Amministrazione comunale per lo sviluppo di Macerata verso il mondo, uno dei punti del programma che vede nei progetti culturali e turistici una leva della crescita della città. E’ arrivata oggi dalla Giunta l’approvazione di una delibera relativa alla ricognizione dello “stato dell’arte” e al conferimento di un incarico per la progettazione degli interventi preliminari che dovranno essere realizzati sulle strutture murarie della Torre civica per il successivo posizionamento dell’orologio, sulla base del parere preliminare della Soprintendenza.

  Dopo gli incontri con l’Istituto e Museo di storia della Scienza di Firenze, rappresentato dal professor Paolo Galluzzi, sono state concordate le fasi e le modalità di recupero dell’orologio.

Le fasi individuate sono due: la ricostruzione della replica dell’orologio originale da collocare nel sito originario dopo lo spostamento della targa celebrativa di Vittorio Emanuele II e l’esposizione delle parti originarie della macchina oraria restaurata e dei modelli, tridimensionali e in scala, dell’orologio da posizionare nel Palazzo Buonaccorsi.

 

campanile_torre_civica-2-225x300

La torre civica

“Nonostante i problemi di ordine finanziario che limitano fortemente l’attività degli Enti Locali, – interviene l’assessore si Beni culturali e al Turismo, Irene Manzi – la delibera odierna rappresenta il primo, concreto ed importante passo verso l’avvio dei lavori sulla Torre Civica per il ripristino dell’antico meccanismo orario. Si tratta di un progetto fondamentale, avviato dall’allora assessore Giovanni di Geronimo, in cui l’Amministrazione Carancini ha creduto sin dall’inizio, coinvolgendo accanto alla Fondazione Carima e alla Regione  Marche,  nuovi partner come la Camera di Commercio tutti consapevoli – conclude la Manzi –  dell’estremo interesse di questa operazione e delle importanti ricadute di sviluppo, in termini di attrattività turistica, che essa potrà avere per la nostra città e per tutto il territorio”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X