Meno corse per gli autobus e tagli alle linee
L’Apm ci sta pensando

MACERATA - L'azienda partecipata dal Comune deve far fronte al taglio regionale del 5% destinato al trasporto pubblico. Costantini (Cisl): "Bisogna sfoltire il servizio negli orari improduttivi, non in quelli di maggior afflusso"
- caricamento letture

autobus-apmdi Filippo Ciccarelli

Tagli alle linee e diminuzione delle corse. Con il rischio che a Sforzacosta arrivi un autobus ogni 3 ore, e che altre zone – quelle servite dalla linea 7 e dalla linea 8 in particolare – rimangano scoperte. Sono queste le decisioni che avrebbe preso l’Apm per far fronte al taglio del 5% in termini di km che la Regione ha previsto nei confronti del trasporto pubblico extraurbano e locale.
La questione, però, è ancora aperta: perché se è vero che le mancate risorse e gli alti costi di gestione – su tutti quello del gasolio in continuo aumento – rappresentano un problema per chi l’intero comparto dei trasporti, è vero anche che allo studio c’è una ristrutturazione che penalizzerebbe quelle fasce orarie in cui gli autobus sono più utilizzati dai cittadini, mentre non verrebbero modificate le corse che raccolgono meno utenza.
Il condizionale, però, è d’obbligo: la ristrutturazione sarebbe dovuta partire dal prossimo 1° aprile, ma l’Apm non ha varato un piano definitivo ed è ancora in fase di dialogo con l’Amministrazione comunale ed i sindacati. Fabrizio Costantini della Cisl spiega la situazione: “Macerata ha proposto, con il direttore generale dell’Apm Stefano Cudini, un programma alle Rsu ed alle segreterie provinciali che è un radicale assestamento del proprio programma di esercizio. Non parliamo di piccoli aggiustamenti, ma di una modifica abbastanza radicale. Da parte nostra contestiamo questo piano” continua Costantini “non perché i lavoratori vanno a perder le ore di straordinario, ma perché si potevano fare ritocchi togliendo corse che effettivamente non servono l’utenza. Nelle idee dell’Apm sarebbero eliminati autobus che attualmente girano a metà mattinata e nel pomeriggio, ma verrebbero mantenute le corse serali che sono semivuote”.

C’è qualcosa di positivo nella proposta dell’Apm?
“Sicuramente il fatto che, nonostante l’eliminazione degli straordinari, turni e personale vengano mantenuti. Per fortuna non ci sono tagli da questo punto di vista”.

Cos’è che chiedete in concreto?
“Abbiamo avuto una riunione anche con gli assessori Blunno e Pantanetti. Vorremmo levare quelle corse inutili e mantenere quelle necessarie. Poi pensiamo che si possa ridurre un po’ il servizio nei giorni festivi, perché gli autisti ci segnalano che il trasporto pubblico la domenica non è molto usato. A questo proposito c’è una nuova linea Circolare che lascia fuori alcune zone importanti della città: da quello che so il Comune ha già chiesto un confronto su questo tema all’azienda. La nostra attenzione non è rivolta alle turnazioni di lavoro, ovviamente, ma anche alla soddisfazione dei maceratesi”.

Il piano dell’Apm doveva partire il primo aprile…
“Non credo che ci siano i tempi tecnici per farlo: vanno cambiati gli orari, avvisata la popolazione, ed ormai siamo a fine mese. Penso che saranno pronti dal primo maggio”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X