Il ds Cicchi precisa: “A Macerata mi trovo benissimo e voglio restarci a lungo”

Il direttore smentisce le voci: "Ho un impegno fino al 31/05/2014 con la Maceratese che intendo rispettare"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Il ds della Maceratese Claudio Cicchi

Dal direttore tecnico della Maceratese Claudio Cicchi, in risposta all’articolo “Somma Algebrica” di Enrico Maria Scattolini (leggi), riceviamo:

“Io quest’estate ho accettato la proposta della Dott.sa Maria Francesca Tardella perchè ho creduto nel suo progetto ed ora sono orgoglioso di aver accettato perchè nella S.S. Maceratese mi trovo benissimo ed intendo rimanerci. Ho portato un grande uomo ed un ottimo professionista come Guido Di Fabio che con la sua umiltà, esperienza e bravura ha conquistato anche i più scettici. La società mi aveva chiesto di riportare un pò di entusiasmo a Macerata, senza chiedermi nè i play-off nè la promozione, e il vedere l’Helvia Recina pieno di gente è per me già motivo di orgoglio e soddisfazione. Non parliano del primo posto in classifica perchè quello è merito esclusivamente del mister e dei ragazzi che sono fantastici. Tutti indistintamente, dai più giovani ai più vecchi. Qui ci sono tutti gli ingredienti per fare bene, dalla società ai tifosi per non parlare di questo meraviglioso giocattolo ossia la squadra che io, Guido Di Fabio e la dottoressa Maria Francesca Tardella abbiamo costruito. Io ho un impegno con la S.S. Maceratese sino al 31-05-2014 che intendo rispettare e non ho alcuna intenzione di romperlo per andare alla Fermana o in qualunque altra società. Qui ho trovato un ambiente straordinario dove è un piacere lavorare ed una società eccezionale che non ti fa mancare nulla. C’è un grande presidente, dei dirigenti bravissimi come il dottor Francesco Launo, Mirko Sirolesi, Gianni Piangiarelli, tanto per citare qualcuno, che ci sono sempre vicini, una tifoseria calorosissima che ogni settimana ci trascina, dentro o fuori, ai successi ed un personale (dallo staff tecnico ai magazzinieri) di tutto rispetto. La Fermana del resto, di cui si è parlato, non mi ha mai chiamato dato che ha degli addetti ai lavori seri e competenti. Mi dispiace che qualcuno voglia destabilizzare il nostro ambiente ma nessuno ci riuscirà perchè tra noi è nato un rapporto solido, leale ed affettuoso. Non posso negare di essere amico del signor Luciano Bartolini, attuale presidente del San Marco Servigliano, ci mancherebbe altro. Nella sua società ci sono due consulenti tecnici di sicuro valore e provata esperienza e dei dirigenti seri ed ambiziosi. Non so cosa farà il signor Luciano Bartolini in futuro ma una cosa è certa e cioè che io sono felice di continuare il mio rapporto con la S.S. Maceratese, unica società che mi interessa e per la quale lavoro con grande entusiasmo”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X