La Provincia risparmia 10 milioni
Approvato il bilancio di previsione

LA MANOVRA DEL COMMISSARIO CALVOSA - Tagli del 28,68% rispetto al 2010 e nessun aumento alle imposte e alle tasse
- caricamento letture
Calvosa02-300x199

Il Commissario prefettizio Sandro Calvosa, alla guida della Provincia dopol'annullamento delle elezioni del giugno 2010

È stato approvato, con delibera del Commissario prefettizio Sandro Calvosa, il Bilancio di previsione della Provincia di Macerata per il 2011. Un bilancio caratterizzato da forti contrazioni di spese. Complessivamente la previsione per l’anno corrente è ridotta del 28,68% rispetto al 2010. Si tratta di tagli dovuti, sia alla prima forte riduzione dei trasferimenti erariali, che per quest’anno sono diminuiti di 2 milioni e 239 mila euro, sia all’obbligo di rispettare il “patto di stabilità” interno. Quest’ultimo, secondo i nuovi criteri, ha comportato per il 2011 una previsione di spese in conto capitale (investimenti) di circa dodici milioni di euro in meno rispetto al 2010.

Nel ridurre di circa dieci milioni di euro gli stanziamenti e le previsioni di spesa corrente, che passano dai 78 milioni del 2010 ai circa 68 milioni del 2011, il bilancio per l’anno in corso cerca di non penalizzare per quanto possibile i servizi essenziali e quegli interventi rivolti a sostenere il sistema economico e l’occupazione; due necessità primarie stante la negativa congiuntura in atto.

“Abbiamo costruito il bilancio – sottolinea il Commissario Calvosa – tenendo presenti le funzioni fondamentali dell’ente Provincia: gestione del territorio, edilizia scolastica, trasporti, tutela ambientale, sviluppo economico e tre priorità: infrastrutture viarie e scolastiche, sostegno al mercato del lavoro, sostegno alle imprese. L’impostazione data è sostanzialmente tecnica, stante l’ordinaria gestione che l’amministrazione commissariale prevede, anche per la parte relativa agli investimenti e alla previsione dell’assunzione dei mutui che è riferita unicamente agli interventi di messa a norma degli immobili. L’intero documento di programmazione economico-finanziaria è stato progettato in modo condiviso con la struttura dirigenziale dell’ente, partendo dall’assegnazione di specifici budget di spesa ed ottenendo la sua quadratura sia attraverso il recepimento dei tagli della manovra estiva, sia mediante la sostanziale riduzione della spesa discrezionale”.

Anche una delle spese più “rigide” e quindi più difficilmente contraibili, qual è quella per il personale (484 sono i dipendenti in servizio della Provincia), viene ridotta di quasi il 4%, mentre in attuazione del decreto sulla razionalizzazione e contenimento della spesa, sono stati apportati tagli che variano dal 10 all’80% per quanto concerne le retribuzioni agli organi collegiali, gli incarichi di consulenza, le relazioni pubbliche, i convegni, spese di rappresentanza, di pubblicità, missioni e autovetture di servizio.

Sul fronte delle entrate non sono stati apportati aumenti alle imposte e tasse provinciali. Allo scopo di non incidere negativamente sui contribuenti, sono state confermate le tariffe del 2010 per la Tosap, per l’imposta sulla trascrizioni automobilistiche, così come per l’addizionale sull’energia elettrica e per i tributi sulla tutela ambientale e sul deposito in discarica. Complessivamente le entrate tributarie ammontano a poco più di 29 milioni, mentre i trasferimenti da Stato e Regione superano di poco i 31 milioni. Tra le entrate del 2011 figurano anche previsioni pari a complessivi un milione e 400 mila euro derivanti da alienazioni immobiliari, in particolare dalla vendita di ex case cantoniere non più utilizzate e dalla dismissione della partecipazione societaria nella Acom SpA

Al Bilancio è allegato il programma degli investimenti, che per il 2011 prevede – stante la riduzione dovuta al rispetto del patto di Stabilità – interventi per circa 11 milioni di euro: 6 milioni e 700 mila per la viabilità, 2 milioni e 700 mila per l’edilizia scolastica, circa 2 milioni per la manutenzione dei fiumi e per opere di risanamento idrogeologico.

Nelle prossimi giorni è prevista una prima modifica di bilancio per finanziare le elezioni provinciali di maggio e gli interventi più urgenti dovuti ai danni causati dall’eccezionale ondata di maltempo di inizio marzo, tra cui i lavori per il ponte lungo la strada Corridonia-Colbuccaro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X