Cingolani e l’esperienza all’Atalanta:
“Spero ci sia un seguito”

Il giovane classe 1995 è in pianta stabile nella prima squadra della Civitanovese
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
cingolani_riccardo

L'atleta della Civitanovese Riccardo Cingolani

di Emanuele Trementozzi

Riccardo Cingolani è un giovane ’95 che a Civitanova è salito alla ribalta per aver disputato un provino con l’Atalanta Calcio ad ottobre e per aver esordito alla sua giovanissima età in serie D con la maglia della Civitanovese. Tra sogni e speranze, si racconta al nostro giornale.

Salve Riccardo, ad ottobre ha avuto modo di sostenere un provino importante con l’Atalanta Calcio. Come è andata?
“E’ stata un’esperienza fantastica, che difficilmente dimenticherò. Due giorni a Bergamo con allenamento pomeridiano molto incentrato sulla tecnica, ora siamo in attesa degli eventuali responsi e attendiamo con grande curiosità”.

La settimana scorsa è stato invece a Roma con la Rappresentativa di Serie D, da mister Magrini. Preparavate il Viareggio, altra bella soddisfazione no?
“Sicuramente. Due giorni a Roma con mister Magrini che ha suddiviso gli allenamenti in due sedute giornaliere e che sta preparando al meglio questo importante torneo giovanile con tutti i ragazzi. Anche questa esperienza è molto formativa e ci tengo a far bene”.

Il suo ruolo è di seconda punta, o all’occorrenza attaccante esterno in un ipotetico 4-3-3, posizionato alla sinistra dello schieramento. Ricopre questo ruolo anche nella Juniores?
“Si certamente. Anche se sostengo gli allenamenti in maniera stabile con la prima squadra e spesso vengo convocato per le gare di campionato. Per ora comunque ho giocato 5 gare con la Juniores realizzando sei reti”.

Quali sono gli svantaggi di esordire così giovane in un campionato così importante?
“La giovane età da una parte è sinonimo di sfrontatezza e voglia di costruire; dall’altra si avverte la responsabilità e soprattutto i primi minuti in campo sono i più difficili. Gli stessi avversari cercano di incuterti timore facendosi sentire abbastanza duramente, ma io cerco sempre di fare del mio meglio quando sono chiamato in causa e non pensare alla mia inesperienza”.

Ultima curiosità. Nonostante davanti a lei ha calciatori esperti e molto preparati, spera sempre di poter giocare oppure già il fatto di esserci è per lei importante?
“La mia presenza in pianta stabile nella squadra è sicuramente già motivo di soddisfazione e mi sta facendo crescere molto. Certo che la speranza di scendere in campo c’è sempre, ma mi adeguo assolutamente alle decisioni del mister che per me vuole il meglio e sa come gestirmi”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X