Scatta il toto assessori
Carancini deve dare segnali forti
per iniziare una nuova storia

LA GIUNTA. Il vicesindaco donna sarà Irene Manzi?
- caricamento letture

caran5-300x225

di Matteo Zallocco
Festa a casa di Capponi per Romano Carancini e i suoi sostenitori. Il nuovo sindaco ha scelto Treia per brindare alla vittoria. Al ristorante “Il Villino” c’erano un centinaio di persone tra cui Massimiliano Bianchini, Adriano Ciaffi, Romano Mari, Guido Garufi, Renato Pasqualetti, Francesco Launo, Andrea Netti, Alferio Canesin, Pierpaolo Tartabini, Mauro Compagnucci, Mario Cavallaro, Angelo Sciapichetti, Romeo Renis ed Irene Manzi.
La scelta di Treia suona un po’ beffarda nei confronti del presidente della Provincia, uno dei primi sostenitori di Fabio Pistarelli in questa campagna elettorale accesa ma corretta.
Ora, per il bene di tutti, si auspica una collaborazione fattiva tra le due istituzioni. Comune e Provincia sono chiamati a trovare sinergie per fra crescere il territorio: il sindaco e il presidente Capponi rappresentano una realtà politicamente spaccata a metà, sia alle scorse elezioni Provinciali che in queste Amministrative vinte da Carancini per soli 126 voti. Il centrodestra maceratese ha trovato in Fabio Pistarelli un valido condottiero, probabilmente il migliore. E’ riuscito a riunire tutte le forze e a sfiorare il successo con una grande rimonta rispetto al primo turno. Probabilmente qualcuno del centrosinistra in queste ultime due settimane si è un po’  cullato sugli allori ma soprattutto i voti delle tre liste civiche sono andati più a destra che a sinistra. Romano Carancini ha saputo interpretare bene , con equilibrio, una campagna elettorale difficile in un clima sfavorevole, soprattutto per la diffusa insoddisfazione nei confronti dell’operato dell’Amministrazione Meschini.

caranc4-300x225

Ora è chiamato ad iniziare a scrivere quella nuova storia che ha utilizzato come slogan elettorale. Il primo segnale deve essere forte: nessuna conferma tra gli assessori della Giunta Meschini.
L’unica certezza è che il vice sindaco sarà una donna. Lo ha annunciato più volte lo stesso Carancini. La favorita potrebbe essere Irene Manzi, giovane e competente, reduce da un buon risultato come candidata del Pd al Consiglio regionale. Il nuovo sindaco dovrà avere coraggio, distaccarsi dalle imposizioni e fare le sue scelte.
Il numero degli assessori, secondo i ben informati, sarà confermato a nove, anche se qualcuno auspica una riduzione. Il nome di Irene Manzi circola e lo stesso Carancini l’ha più volte elogiata pubblicamente nel corso della campagna elettorale. C’è poi Federica Curzi di Pensare Macerata, per lei un posto da assessore sembra assicurato. Ci sarà anche una terza donna e verrà dal Pd visto che Gabriella Ciarlantini (Verdi) si sarebbe tirata fuori dalla corsa. II primo nome è quello di Gilda Coacci, ma in questo modo si andrebbe a togliere una delle poche presenze femminili in Consiglio comunale. Un’altra ipotesi è quella di Erika Sabbatini, giovane candidata non eletta del Pd.

caranc1-225x300

Rifondazione Comunisti avrà sicuramente un posto in Giunta con l’ex assessore provinciale Alessandro Savi favorito su Michele Lattanzi e potrebbe avere anche la presidenza del Consiglio comunale (Luciano Pantanetti?). L’Italia dei Valori avrà un assessorato e secondo i ben informati a ricoprire il ruolo non sarà Guido Garufi.
L’assessore di Sinistra e Libertà potrebbe essere Roberto Acquaroli con Pierpaolo Tartabini che resterebbe in Consiglio. I Verdi potrebbero essere esclusi dalla Giunta.
I posti restanti vanno pescati all’interno del Pd: Francesco Launo si dovrebbe occupare di risorse finanziarie, bilancio e tributi. Si fanno poi i nomi di Andrea Netti e Alferio Canesin. Ma altre risorse importanti a Macerata non mancano. Fare le scelte giuste per la città e non per i partiti è il primo esame da superare per il sindaco Romano Carancini.

Nelle foto: alcuni momenti della festa a Treia.

caranc2-300x225

caranc5-225x300



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X