Pari tra Maceratese e Vis Macerata
Il derby dei poveri delude tutti

Stefani firma l'1 a 1 dopo il gol su rigore dell'ex di turno Verazzo
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

maceratese-vismacerata

di Matteo Zallocco
Derby senza vincitori né vinti. A perdere è il calcio maceratese, ma questa non è una novità. La Maceratese e il fanalino di coda Vis Macerata hanno offerto un brutto spettacolo ai circa 500 sportivi arrivati all’Helvia Recina, dimostrando che l’unica strada per uscire dal tunnel è quella di mettersi intorno a un tavolino per programmare una fusione. Se ne riparlerà alla fine di una stagione che finora vede due squadre di Macerata in lotta per non retrocedere nel campionato di Promozione. Desolante.
La classifica rispecchia quello che si è visto in campo. Un primo tempo imbarazzante, da calcio oratoriale. Vedere due passaggi di fila era chiedere troppo e per far comprendere meglio la situazione segnaliamo anche l’assenza dei raccattapalle a bordo campo. La Maceratese avrebbe dovuto fare qualcosa di più, invece si è svegliata solo nel secondo tempo, paradossalmente quando è rimasta in dieci. La squadra di Nocera non sapeva cosa fare ogni volta che si trovava ad attaccare. L’unica soluzione era  il lancio lungo per il centravanti Landolfi, troppo isolato e comunque mai insidioso. La Vis era più organizzata pur palesando evidenti limiti tecnici e ricorrendo troppo spesso al gioco duro a centrocampo.

maceratese-vismacerata2-300x263

La cronaca del primo tempo offre pochi spunti: un tiro da fuori al volo di Landolfi (alto), una punizione dell’ex di turno Verazzo (di poco fuori) e una del biancorosso Settecase dal limite (palla a lato). Gli avanti biancocelesti Verazzo e Moreno impensieriscono la difesa della Maceratese nel finale con un paio di spunti interessanti.
Ad inizio ripresa è Verazzo a far tremare i padroni di casa con una punizione dal limite che termina di pochissimo a lato. E’ il preludio del gol del vantaggio degli ospiti che arriva al 10′: bellissima palla filtrante del neoentrato Latini per Verazzo che in area viene atterrato da Romagnoli e dagli undici metri lo stesso Verazzo non sbaglia. Al 12′ Mancinelli commette un’ingenuità facendosi ammonire per la seconda volta dopo un fallo di reazione, lasciando così la sua squadra in dieci. Passano trenta secondi e la Maceratese trova il pareggio: Settecase batte la punizione indietro per Stefani, il cui preciso rasoterra si infila in diagonale sul secondo palo. Al 25′ Bertani è bravo a deviare in corner un’insidiosa conclusione da fuori di Settecase. La Vis Macerata è letteralmente scoppiata e non riesce a sfruttare in alcun modo la superiorità numerica. Al 34′ punizione filtrante di Settecase per Potacqui che calcia di prima in diagonale, palla fuori di un soffio sul primo palo. Al 44′ è ancora la Maceratese a rendersi pericolosa con una punizione da posizione defilata del neoentrato Ramadori, Bertani è pronto a respingere. Finisce così un derby in cui nessuno può ritenersi soddisfatto. Macerata chiede qualcosa di più.

maceratese-vismacerata11-300x183
***
1-1
FULGOR MACERATESE: Gentili, Romagnoli, Borgiani, Stefani, Benfatto, Chiavarini, Trillini, Mancinelli, Landolfi (32′ st Grupposo), Potacqui, Settecase (38′ st Ramadori). A disp.: Giovagnini, Iuvalè, Di Modica, Serrani, Spinelli. All. Nocera.
VIS MACERATA: Bertani, M.Luciani, Scoccia, Marcolini (22′ st Porfiri), Cangiano, Ramaccini, De Luca (5′ st Latini), Palanca, Moreno, Verazzo (20′ st Cupelli), Natalini. A disp.: Piergiacomi, Lucentini, Hudayed, Rapacci. All. Cicarè (Lattanzi squalificato).
Arbitro: Moraglia di Verona.
Reti: 10′ st Verazzo su rigore, 13′ st Stefani.
Note: spettatori 500 circa; angoli 6 a 3 per la Maceratese; espulso Mancinelli al 12′ st per doppia ammonizione; ammoniti Ramaccini, Benfatto, Romagnoli, Mancinelli, Marcolini, Borgiani.

(Foto di Guido Picchio)

maceratese-vismacerata3-262x300

maceratese-vismacerata4-290x300



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X