«Aeroporto, siamo ormai alla farsa»
«Acquaroli spieghi quali accordi
non sono stati rispettati con Aeroitalia»

CASO - Dopo l'annuncio della compagnia italiana di annullare i voli per Bucarest, Vienna e Barcellona è bufera sulla Regione. Il capogruppo del Pd Maurizio Mangialardi: «Il presidente, la giunta e i consiglieri regionali del centrodestra hanno la competenza e soprattutto la credibilità necessaria per affrontare una partita così delicata? Le imbarazzanti parole di Acquaroli fanno propendere per una risposta negativa». Fabiola Caprari, presidente regionale di Italia Viva chiede spiegazioni

- caricamento letture
mangialardi-e1614699001398-325x266

Maurizio Mangialardi

«In Regione un tutti contro tutti che rischia di far precipitare il nostro aeroporto in una crisi irreversibile». «Il presidente Acquaroli chiarisca immediatamente cosa sta accadendo con il vettore Aeroitalia». Continua a tener banco il caos che si è creato intorno all’aeroporto delle Marche dopo l’annuncio di ieri di Aeroitalia di stoppare i voli per Bucarest, Vienna e Barcellona annunciati in pompa magna dalla Regione appena lo scorso agosto.

La compagnia italiana ha parlato di una scelta dovuta al mancato rispetto degli accordi da parte di Atim, l’Agenzia per il turismo regionale. E così mentre dai vertici della Regione sono arrivate solo dichiarazioni di maniera senza alcuna spiegazione di cosa sia successo realmente, ora è l’opposizione ad incalzare con il capogruppo Pd in Regione Maurizio Mangialardi e la presidente regionale di Italia Viva Fabiola Caprari.

«Siamo ormai alla farsa – attacca Mangialardi – a distanza di pochi mesi dagli eccessivi trionfalismi con cui il presidente Acquaroli aveva presentato l’accordo raggiunto con Aeroitalia per rilanciare il Sanzio grazie a nuove rotte nazionali e internazionali, i tagli annunciati ieri dalla stessa compagnia non solo rischiano di vanificare l’opera di risanamento economico-finanziario avviata dal centrosinistra nella scorsa legislatura, ma potrebbero far precipitare l’aeroporto in una crisi irreversibile. Purtroppo questa situazione è figlia del modo di fare politica della giunta Acquaroli, che preferisce fare propaganda con scelte superficiali e poco accorte, anziché governare seriamente».

fabiola-caprari

L’anconetana Fabiola Caprari

«Auspico che grazie all’interrogazione tempestivamente presentata dalla consigliera Bora a nome del nostro gruppo – afferma Mangialardi – la situazione venga chiarita al più presto e spero che ci siano margini per recuperare almeno il taglio dei voli di continuità territoriale verso Roma, Napoli e Milano annunciato da Aeroitalia per il prossimo anno. In tal senso, abbiamo già chiesto ai nostri parlamentari di mettersi in contatto con l’Enac. Ma oggi la domanda da porsi è un’altra: il presidente, la giunta e i consiglieri regionali del centrodestra hanno la competenza e soprattutto la credibilità necessaria per affrontare una partita così delicata. Le imbarazzanti parole di Acquaroli, che ha parlato di una scelta commerciale unilaterale dell’azienda, fanno propendere per una risposta negativa. Basti dire che sono state sonoramente smentite addirittura dall’Atim, società della Regione Marche, e dalla direzione del Sanzio, che hanno invece indicato chiaramente nel fallimento delle
negoziazioni con Aeroitalia, ovvero il mancato pagamento dei 750 mila euro previsti dall’accordo di promozione, il motivo del disimpegno dell’azienda. Una lettura che confermerebbe i mancati adempimenti denunciati dalla stessa Aeroitalia da parte dell’Atim».

«Leggiamo con sgomento- continua Caprari- la comunicazione ufficiale di Aeroitalia che ha in maniera unilaterale cancellato i voli verso Vienna, Barcellona e Bucarest, adducendo come motivazione il mancato rispetto degli accordi da parte della regione. Quali garanzie erano state date e che accordi sono stati disattesi? Proprio questi voli internazionali sono per noi estremamente rilevanti per il sostegno al turismo in arrivo verso la regione Marche. Chiediamo quindi alla Regione di spiegare a quali inadempienze faccia riferimento Aeroitalia e come si possa immediatamente sanare questa grave situazione ai danni degli utenti marchigiani che avevano prenotato i voli e a cui sicuramente non basterà il rimborso del biglietto. Parliamo di vacanze prenotate da tempo o di impegni lavorativi di aziende marchigiane, questa situazione è grave e la regione deve rispondere con chiarezza. Quello che ci sconcerta è che Aeroitalia ha già avuto un comportamento simile con l’aeroporto di Forlì e che la compagnia dovrà intraprendere un contenzioso legato al marchio con Ita in quanto troppo simile al vecchio logo Alitalia. Insomma, la vicenda è alquanto oscura e noi di Iv Marche chiediamo due cose – conclude Caprari – di chiarire immediatamente questa situazione e di pretendere che i marchigiani siano pienamente rimborsati per il disagio; che si metta in campo una politica di sviluppo dell’aeroporto che punti nel lungo termine con voli sostenibili e veramente necessari. Che non mirino solo a portare i marchigiani in vacanza ma anche e soprattutto a portare turismo di qualità».

 

Pasticcio aeroporto e voli cancellati, Acquaroli prova a mettere una pezza: «Scelta commerciale di Aeroitalia»

Stop ai voli per Bucarest, Vienna e Barcellona. Aeroitalia contro la Regione: «Non ha rispettato gli impegni»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X