Incendio alla Rimel,
scuole chiuse in quattro Comuni
«Non aprite le finestre»

POLLENZA - Vigili del fuoco al lavoro per il rogo divampato stanotte nella ditta che si occupa di smaltimento rifiuti elettronici. Il comandante Caprarelli: «Avevamo un accumulo di batterie al litio a rischio esplosione che per fortuna, non essendo state coinvolte, sono state rimosse e portate all'esterno. Ora il problema è il fumo». Il sindaco Mauro Romoli ha deciso di sospendere le lezioni nella frazione. Stop anche ad attività e aziende nel raggio di un chilometro. Niente scuola anche a Sforzacosta, Urbisaglia e Colmurano. A Tolentino consigliato di non svolgere l'attività all'aperto
- caricamento letture

 

RIMEL_FF-9-650x434

La colonna di fumo che stamattina si alza dall’azienda

AGGIORNAMENTO DELLE 10,20 –  Al momento nessuna pista è esclusa per quanto riguarda le cause che hanno scatenato il rogo. In corso anche gli accertamenti dell’Arpam. Il sindaco di Pollenza intanto ha disposto, con un’ordinanza, la chiusura delle attività e delle aziende nel raggio di un chilometro. 

***

di Francesca Marsili (foto Fabio Falcioni)

Sono tutt’ora in corso e andranno avanti ancora per diverse ore, le operazioni di spegnimento dell’incendio divampato questa notte alla Rimel di Casette Verdini di Pollenza, azienda che si occupa di smaltimento di rifiuti elettronici. Scuole chiuse nella frazione, a Sforzacosta, a Urbisaglia e Colmurano. Ai cittadini chiesto di tenere la finestre chiuse e limitare gli spostamenti. 

RIMEL_FF-1-325x217 Al momento del rogo l’azienda era chiusa e non c’erano operai al lavoro. Alle 23 di ieri sul cellulare del titolare Alberico Leonori è arrivato il messaggio che segnalava l’attivazione dell’impianto antincendio. A quel punto è stato lo stesso titolare ad allertare i vigili del fuoco. Nessuna pista è esclusa per quanto riguarda le cause che avrebbero potuto scatenare le fiamme. Lo stabilimento risulta gravemente danneggiato, non è stata intaccata la zona dove erano stoccati i rifiuti pericolosi Raee. I vigili del fuoco questa notte hanno lavorato incessantemente per domare l’incendio e mettere in sicurezza all’esterno del capannone i materiali pericolosi oltre ad aver isolato la parte non coinvolta per circoscrivere le fiamme. Fiamme che erano arrivate a diverse metri di altezza. Ora a preoccupare è la densa colonna di fumo nero. L’odore acre è arrivato a chilometri di distanza.

Caprarelli_RIMEL_FF-14-650x434

Mauro Caprarelli, comandante dei vigili del fuoco

«Siamo intervenuti con i mezzi da Macerata e con rinforzo da Fermo e Ancona – spiega Mauro Caprarelli, comandante dei vigili del fuoco di Macerata – L’incendio non si propagherà, è difficile attaccarlo perché in fondo al capannone è difficoltoso accedere. Esternamente abbiamo delle scale che gettano della schiuma dall’alto. Questa è una ditta che dagli elettrodomestici recupera i materiali plastici, metallici per essere poi riciclati. Dentro il capannone ci sono materiali di qualsiasi tipo, chiaramente quelli che danno più problemi sono i plastici».

incendio-rimel13-325x306

Le operazioni dei vigili del fuoco durante la notte

«Abbiamo in particolare dei cavi elettrici che ci danno difficoltà nello spegnimento – continua il comandante dei vigili del fuoco – Nella zona opposta all’incendio, avevamo un accumulo di batterie al litio a rischio esplosione che per fortuna, non essendo state coinvolte questa notte, sono state rimosse e portate all’esterno. Ora il problema è il fumo – sottolinea- sono stati avvisati i sindaci che provvederanno a ammettere le ordinanze e avvisare la popolazione di tenere le finestre chiuse. È presente l’Arpam che sta monitorando con la sua stazione eventuali sostanze tossiche. Se il vento non ci fa brutti scherzi cambiando direzione, la propagazione del fumo continuerà ad essere contenuta».

Il sindaco di Pollenza ha deciso di chiudere la scuole, ai cittadini è stato consigliato di non aprire le finestre, limitare gli spostamenti e usare la mascherina.  «L’Arpam ha già piazzato i rilevatori per procedere al monitoraggio e la campionatura della qualità dell’aria – dice il primo cittadino Mauro Romoli – che andranno avanti per le prossime ore. Questa notte sono intervenuti anche i tecnici dell’Apm per controllare i riflessi dello spegnimento sull’impianto fognario.

incendio-rimel

Il fumo che stamattina esce dall’azienda

Inoltre in giornata chiederò che vengano effettuati dei rilevamenti anche nei terreni». Il Comune di Pollenza, in via precauzionale, ha disposto per la giornata di oggi la chiusura delle scuole: primaria “C. Urbani”, dell’infanzia “Arcobaleno”, dei due asilo nido “Fate e Folletti” e “Piccole Canaglie” ed il nido domiciliare “Le Formiche di Tatanna” tutti a Casette Verdini. Attivato questa notte, l’alarm system del Comune in cui si comunica a tutti i cittadini di limitare le uscite dalle proprie abitazioni, di munirsi di mascherina e di tenere chiuse le finestre delle abitazioni.

incendio-rimel-romoli-parcaroli-renna

Mauro Romoli, Sandro Parcaroli e Paolo Renna sul luogo dell’incendio

Anche il sindaco di Tolentino Mauro Sclavi è arrivato sul posto e ha disposto per le scuole lo stop delle attività sportive e non all’aperto.  «Viste le condizioni meteo con il vento che spinge i fumi in maniera non univoca – ha scritto il Comune di Tolentino – anche verso l’entroterra e quindi verso il territorio di Tolentino, in via precauzionale e in attesa delle analisi da parte dell’Arpam, si invitano i cittadini a tenere le finestre chiuse e ad evitare di svolgere attività all’aperto. Tale invito e stato rivolto anche alle scuole. L’odore acre è dovuto ad una condizione di bassa pressione che tiene i fumi a bassa quota».

RIMEL_FF-4-325x217Così anche Paolo Renna, assessore alla Protezione Civile di Macerata, arrivato con il primo cittadino e presidente della Provincia Sandro Parcaroli. «Abbiamo aperto il Coc e attendiamo indicazioni per l’evolversi della situazione. Nel frattempo ci siamo preallertati chiudendo le scuole di Sforzacosta e invitando la popolazione a tenere le finestre chiuse e a non accendere gli impianti di climatizzazione».

Alle 11 ci sarà un incontro in Prefettura con i sindaci, Asur e Arpam.

(in aggiornamento)

 

incendio-rimel10-650x433

incendio-rimel9-650x433

Sclavi_Romoli_RIMEL_FF-15-650x434

Sclavi_RIMEL_FF-8-650x434

Romoli_RIMEL_FF-16-650x434

RIMEL_FF-13-650x434

RIMEL_FF-12-650x434

RIMEL_FF-11-650x434

RIMEL_FF-10-650x434

RIMEL_FF-7-650x434

RIMEL_FF-6-650x434

RIMEL_FF-5-650x434

RIMEL_FF-3-650x434

RIMEL_FF-2-650x434

 

incendio-rimel2-650x353

incendio-rimel1-650x433

 

 

 

incendio-rimel8-650x433

 

Vasto incendio alla Rimel

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X