«Con la destra la sanità
verso una privatizzazione selvaggia»

L'INTERVENTO del capogruppo dem in Regione Maurizio Mangialardi e del consigliere Stefano Cesetti dopo il caso del ricorso alle cooperative per coprire i turni nei pronto soccorso
- caricamento letture
candidati_regione-DSC_4714-Maurizio_Mangialardi--325x216

Maurizio Mangialardi

 

«I fatti stanno dimostrando che avevamo ragione quando in campagna elettorale denunciavamo il rischio che con la destra al governo delle Marche il nostro modello sanitario avrebbe virato verso una privatizzazione selvaggia, sull’esempio di regioni come la Lombardia e il Veneto. La vertenza aperta dalla Cgil sull’affido dei Pronto soccorso a cooperative private in moltissimi comuni marchigiani ne è l’ennesima prova». Sono le parole del capogruppo dem in Regione Maurizio Mangialardi e del consigliere Fabrizio Cesetti dopo il caso sollevato sull’ingresso dei privati nei pronto soccorso, con la Cgil che ha già annunciato una mobilitazione nazionale.

Nella nostra provincia, per esempio, come aveva anticipato Cronache Maceratesi, entreranno i privati nei pronto soccorso di Macerata, Civitanova, San Severino e Camerino. Un appalto da circa 200mila euro (più Iva) per sei mesi (con opzioni per il rinnovo) per la copertura di dieci turni mensili da 12 ore a Macerata, altri dieci a Civitanova e cinque a Camerino/San Severino. Più o meno 108 euro l’ora, più Iva.

Cesetti

Fabrizio Cesetti

«Si tratta di un tema – dicono Mangialardi e Cesetti – che il gruppo assembleare del Partito Democratico ha più volte sollevato in questi due anni attraverso interventi pubblici e interrogazioni in consiglio regionale, senza peraltro mai ricevere risposte soddisfacenti dal presidente Acquaroli e dall’assessore Saltamartini. Così come senza risposta sono rimaste le rumorose proteste del personale sanitario degli stessi Pronto soccorso, sottoposto a livelli di stress insopportabili, che si sono svolte in molte città per richiamare l’attenzione su una situazione ormai al collasso. Basti vedere quanto accaduto durante l’estate appena trascorsa in molte località balneari delle quattro province marchigiane, dove la presenza di migliaia di turisti ha di fatto mandato in tilt i servizi di emergenza creando pericolosi e pesanti disagi, alimentati anche dall’incapacità della Regione Marche di predisporre un adeguato servizio di Guardia medica estiva come avvenuto fino al 2020».

«Come sanno bene medici e infermieri – aggiungono i due consiglieri dem – queste criticità sono destinate a protrarsi nel tempo, se non addirittura ad aumentare, a causa della riorganizzazione che il centrodestra ha approvato in fretta e furia a inizio agosto a mero scopo elettorale. Tale ‘non’ riforma, infatti, non prevede risorse aggiuntive, né il finanziamento dei livelli essenziali di assistenza, né tanto meno l’assunzione di personale per colmare le carenze di organico. Il risultato sarà quello di un sempre più smodato ricorso al privato, peraltro di bassa qualità visto che, come noto, i servizi offerti dalle cooperative utilizzate fino a oggi per sopperire ai servizi pubblici, sono erogati attraverso personale sottoqualificato rispetto a quello presente negli ospedali».

 

I privati nei Pronto Soccorso, Cgil: «Scelte scellerate Si blocchi questo nuovo business»

I privati entrano nei Pronto Soccorso. Tre adesioni al nuovo bando: 108 euro l’ora per i medici



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X