Gabriele Foresi

Gabriele Foresi


Utente dal
7/12/2011


Totale commenti
61

  • Il generale Figliuolo giovedì a Macerata
    Sarà all’apertura del polo vaccinale

    1 - Apr 7, 2021 - 12:45 Vai al commento »
    E io che pensavo che almeno i militari non amassero la passerella ... E sopratutto i generali degli Alpini !
  • «Io vaccinato in via Capuzi,
    ho trovato cortesia e umanità»

    2 - Apr 5, 2021 - 12:02 Vai al commento »
    Credo che vada senz'altro riconosciuta cortesia e professionalità al personale che sta operando in condizione 'precarie' nell'attuale centro vaccini da quasi due mesi. Ma credo anche vada segnalato che le giuste critiche che si sono levate (e che peraltro porteranno a breve forse a un cambio di passo) erano tutte rivolte a una organizzazione decisamente carente. Non ho mai letto di critiche rivolte agli operatori sul campo ma solo agli organizzatori tecnici e/o politici. Se le critiche porteranno a un miglioramento significa che erano opportune.
  • Spaccio sul lungomare, blitz:
    trovati due chili di droga
    In manette due ventenni

    3 - Apr 4, 2021 - 8:13 Vai al commento »
    Complimenti alle forze dell'ordine che spero facciano terra bruciata sotto i piedi di questi delinquenti che a quanto leggo sono spesso purtroppo connazionali e concittadini ...
  • Parcaroli al nuovo punto vaccinale:
    «Lavori a ritmo serrato»

    4 - Mar 27, 2021 - 16:46 Vai al commento »
    Vedo che il signor Matteo Antinori conferma quanto avevo anticipato qualche giorno fa e cioè che la concessione dell'edificio in comodato d'uso gratuito per il centro vaccini conviene più a Unicredit che dovrà appena possibile vendere all'asta questo edificio piuttosto che alla collettività di Macerata.
  • Nuovo punto vaccinale a Macerata,
    tra le ipotesi c’è Piediripa

    5 - Mar 11, 2021 - 21:39 Vai al commento »
    Se finalmente si ha il coraggio di ammettere che la collocazione attuale è nettamente inadeguata, sarebbe onesto anche dire chi ha fatto a suo tempo questa scelta e perché si è atteso oltre un mese per prendere atto della sua inadeguatezza. Questo solo per completezza di informazione!
  • «Stiamo contattando gli anziani
    per posticipare diverse vaccinazioni»

    6 - Mar 9, 2021 - 19:36 Vai al commento »
    Sabato scorso ho avuto il primo contatto con la ‘strategia vaccinale’ in atto a Macerata, non per me (data l’età, under 70 improduttivo, spero di essere di turno a Natale) ma per una coppia di arzilli vecchietti miei parenti che insieme assommano quasi 180 anni di età. La prenotazione è stata alquanto semplice ma ha dato seguito allo scarico di 8 pagine di modelli (ciascuno naturalmente) da leggere, compilare e firmare. Come spesso accade le informazioni richieste erano ridondanti su più moduli, le firme ‘appena’ 4 e per un 91enne fare 4 firme leggibili non è impresa facile ma ci siamo riusciti. Il giorno stabilito, appunto sabato 6 marzo, all’ora stabilita, tra le 09.00 e le 10.00, con l’aiuto della assistente domestica ci siamo recati al luogo indicato. La prima sorpresa è stata vedere una coda di circa 15 persone, regolata con un eliminacode, organizzata all’aperto! Ora sfortuna ha voluto che quel sabato piovigginasse e la temperatura fosse di circa 5 gradi. Sotto un gazebo di tela giusto per ripararsi dalla pioggia abbiamo atteso il nostro turno che è arrivato dopo circa 40 minuti. Accompagnati dalla assistente domestica i miei vecchietti hanno fatto la vaccinazione per essere poi dirottati in una sala attigua dove passare i 15 minuti di osservazione; la saletta era purtroppo molto piccola per il numero di persone presenti stante la normativa anti-Covid. Nel frattempo qualche addetto di buon senso aveva chiamato un operaio per installare nei gazebo due termoventilatori che forse avrebbero mitigato il clima della zona di attesa ma essendo questa all’aperto il beneficio sarebbe sicuramente stato limitato. Noi nel frattempo, passati i quindici minuti, abbiamo fatto felicemente ritorno a casa con la prenotazione per la seconda dose tre settimane dopo. Mi permetto di fare tre considerazioni da vecchio brontolone su questa esperienza relativa al primo contatto con la campagna vaccinale. La documentazione da leggere e portare compilata dovrebbe essere più snella pena la sua scarsa utilità: quando si chiede di leggere e compilare 8 pagine al massimo l’utente le compila distrattamente perché deve ma raramente le legge con attenzione; e poi che fine farà tutta la modulistica cartacea? Meglio un unico modulo da compilare con i dati minimi essenziali per identificare l’utente e un altro per informarlo sulla vaccinazione chiedendone l’accettazione con una firma (meglio ancora se spediti a casa come promemoria). Il luogo scelto sembra poco adatto e mi chiedo perché non si è replicata la felice scelta di Villa Potenza dove a suo tempo è stato fatto lo screening di massa (poco di massa e molto poco utile) ma assolutamente ben organizzato; qui gli spazi al chiuso non mancherebbero, i parcheggi sarebbero sempre disponibili. E in ogni caso penso che nel territorio comunale una location migliore di un oratorio posto in un piano sotto strada con poco spazio a disposizione si potrebbe trovare. E soprattutto bisognerà attivarsi per accelerare le operazioni attivando diversi altri centri di vaccinazione dal momento che nel tempo che ho trascorso al centro vaccini (circa un’ora) ho visto ‘servire’ circa 25 utenti; svolgendosi la vaccinazione dalle 08.00 alle 20.00 di ogni giorno è facile fare il conto di quanto tempo ci potrebbe volere per inoculare solo la prima dose a tutta la popolazione di Macerata. In ogni caso appena arriverà la chiamata per me io sarò di buon grado a disposizione.
  • Bper integra Ubi, lunedì si parte
    «Grande sforzo dei dipendenti»

    7 - Feb 18, 2021 - 21:53 Vai al commento »
    La furia iconoclasta di 'UBI BANCA' che si affrettò a far sparire tutte le insegne di 'BANCA MARCHE' ora depone le armi di fronte a 'INTESA SANPAOLO' (che addirittura vende metà delle filiali dipendenti compresi a 'BPER BANCA') e rimuove le insegne baldanzosamente installate pochi anni orsono. Chi ne fa le spese come sempre è il territorio e i suoi abitanti. Oltre 150 anni di storia di 'CASSA DI RISPARMIO DELLA PROVINCIA DI MACERATA' finiscono definitivamente vi lascio immaginare dova ! E spiace che ancora una volta un sindacato faccia di necessità virtù rinunciando alla sua missione di difesa degli interessi dei lavoratori e del territorio, anche se a questo punto non c'è più nulla da difendere salvo l'onore !
  • «Natalità, il regime fece meglio di noi»
    Anna Menghi elogia Mussolini
    e scatena un polverone

    8 - Feb 7, 2021 - 16:40 Vai al commento »
    Spiace vedere la parabola della signora Menghi, approdata ai sicuri lidi della Lega da posizioni politiche assolutamente distanti, arrivare tanto in basso ... Ma del resto i debiti 'elettorali' vanno pagati anche se ne va di mezzo la coerenza !
  • Via i pini, più parcheggi e panchine
    «Viale Martiri Libertà avrà un’anima»
    Non solo sport allo stadio della Vittoria

    9 - Ott 20, 2019 - 21:19 Vai al commento »
    Temo che sarà molto dura arrivare alla prossima primavera quando si terranno le prossime elezioni amministrative. Ogni occasione è buona per fare polemica politica e campagna elettorale e se anche si critica nel merito qualche iniziativa dell'attuale amministrazione comunque promossa a pieni voti 4 anni fa, poi si finisce sempre nel gorgo dell'invettiva politica talvolta anche volgare.
  • Auto elettriche e videosorveglianza:
    la Fiera dell’elettronica
    dà uno sguardo al futuro (Foto)

    10 - Set 15, 2019 - 23:44 Vai al commento »
    Nel testo si accenna a un calo di presenze ma io estenderei il ragionamento a un rilevante calo di contenuti, con pochi espositori di scarso rilievo e tanta paccottiglia non degna di stare in una 'fiera'. Il tutto associato a un ingresso a € 6.00 assolutamente fuori misura. Non è questa la strada per ripetere l'esperienza l'anno prossimo.
  • «Maceratesi, avrete un’alternativa al Pd»
    Il centrodestra segue la linea del Vescovo
    e strizza l’occhio ai Cinque Stelle

    11 - Set 6, 2019 - 19:16 Vai al commento »
    Non sarà facile riuscire a seguire quanto sarà detto e scritto a proposito e a sproposito fino al prossimo voto amministrativo. Chi ha ascoltato o letto l'omelia del Vescovo prenda ciò che di buono si dice: avanzino le idee, retrocedano le ideologie, chi può dia il suo contributo per il futuro di Macerata. Ciò significa smettere di accusare chi fino ad oggi ha amministrato, smettere di ricordare fatti incresciosi che possono accadere in ogni angolo del mondo e sono accaduti purtroppo anche a Macerata; cominciare invece ad esporre proposte concrete per il futuro di Macerata, idee appunto e non ideologia. E l'anno prossimo saremo tutti più preparati a scegliere chi meglio interpreta la nostra visione per affidargli il governo della città.
  • Giulianelli si gode i trionfi:
    «Per i miei figli deleghe nel club,
    a Civitanova abbiamo trovato l’amore»

    12 - Mag 24, 2019 - 17:29 Vai al commento »
    Lube profondamente ingrata verso Macerata che per prima l'ha coccolata e cresciuta per essere oggi quello che giustamente è. Pretendere un palazzetto a spese della comunità era un po' esagerato. Le strade di Lube e Macerata si sono divise e sarebbe bello rimanere amici, cosa che Macerata fa sicuramente sostenendola sempre anche se in trasferta.
  • LUBE CAMPIONE D’ITALIA
    Incredibile rimonta a Perugia

    13 - Mag 15, 2019 - 11:00 Vai al commento »
    Complimenti a un LUBE sempre grande. Noto con piacere poca polemica politica con l'amministrazione di Macerata che non poteva, non può e non potrà mai accollarsi la spesa per un palazzetto come hanno fatto i cugini ricchi di Civitanova! Un bel sodalizio pubblico/privato avrebbe brillantemente risolto la questione. In bocca al lupo per la coppa.
  • Bandiere, striscioni e canzoni
    per le ‘Marche plurali e accoglienti’
    Partecipanti da tutta la regione (Foto)

    14 - Apr 7, 2019 - 9:07 Vai al commento »
    Nessun partito era presente alla manifestazione che ha provato comunque a parlare alla coscienza della gente ! Il futuro è sicuramente nella integrazione tra i popoli del mondo e cominciare a dirlo forte è necessario.
  • Papa Francesco tra i terremotati,
    sarà a Camerino il 16 giugno

    15 - Apr 8, 2019 - 15:37 Vai al commento »
    Papà Francesco parla alla coscienza dei cattolici e non deve dire cose che piacciano perché non ha l'assillo di un capo partito che invece parla spesso ad altre parti dei propri ascoltatori, sempre attento a catturare il loro consenso. Quanto alla ricostruzione post terremoto, questa è compito dello Stato con il denaro della fiscalità.
  • Schianto vicino allo Sferisterio,
    auto sfonda parapetto
    e precipita 10 metri più in basso

    16 - Mar 14, 2019 - 18:16 Vai al commento »
    Quando il guidatore tornerà in salute dovrà spiegare a quale velocità procedeva per sfondare di 'carambola' il parapetto dopo aver percorso una ventina di metri. In città il limite è di 50 km/h che poco dopo l'uscita da una rotatoria non si dovrebbero neanche aver raggiunto. Ringraziando le buona stella e con i migliori auguri di guarigione.
  • «Licenziata dal Pd dopo 37 anni,
    costretta alla vertenza per la pensione
    Lavoro sempre più precario in provincia»

    17 - Feb 2, 2019 - 11:15 Vai al commento »
    Mi permetto di obbiettare al signor Pallotto che il salario non dovrebbe seguire le leggi di mercato come il prezzo di un qualsiasi altro bene perché è legato al lavoro che non deve mancare a nessuno per consentire a tutti una vita dignitosa. Questo è sano buon senso e qualche economista avveduto comincia a dirlo.
    18 - Feb 2, 2019 - 10:31 Vai al commento »
    Ottima analisi di una situazione che di giorno in giorno diventa più difficile. Concordo con il signor Bonfili che ottimizzare per ridurre il costo del lavoro ha senso solo dove il lavoro abbonda ma non mi sembra sia il caso dell'Italia. Nel merito dell'articolo confesso di essere rimasto sorpreso (e dico poco, della serie non si può sentire) che il PD provinciale licenzia immagino per ottimizzare l'unico e ultimo dipendente. Allora pensi: possibile che un partito che ancora raccoglie il consenso di un quinto dei votanti non abbia più bisogno di questa collaborazione o non possa più permettersi un ultimo dipendente magari accompagnandolo alla pensione per il breve periodo che resta? E pensi anche: magari è un lavativo che non merita quel posto di lavoro ma poi vedi che da 37 anni occupa quel posto di lavoro e in qualche modo è la memoria storica dal PCI di 37 anni fa al PD di oggi. E infine leggi che sarà CGIL ad occuparsi del contenzioso di questo ‘fortunato’. Mi aspetto ora la chiusura della segreteria provinciale del PD e non vorrei vedere che questa venga affidata a qualche beneficato dell'ultimo minuto per il solo fatto che costa meno ed è meno garantito. Mi aspetto anche una severa vertenza, se ci sarà, che risolva il problema drammatico del dipendente ma soprattutto metta in chiaro che il lavoro non ha solo un valore economico per cui lo si compra di chi costa meno ma ha anche un fondamentale valore sociale.
  • Evade 700mila euro:
    dentista finisce nei guai

    19 - Gen 24, 2019 - 0:33 Vai al commento »
    Se il dolo è certo, oltre una molto congrua pena pecuniaria deve essere sospeso dalla professione per un adeguato periodo. La sola restituzione del non pagato è una istigazione ad evadere !
  • Dormiva in auto da settimane:
    60enne trova una casa

    20 - Gen 23, 2019 - 8:47 Vai al commento »
    Sorprende, almeno da quanto leggo o meglio non leggo, il silenzio assordante della ex moglie e di un figlia. Spero non sia così!
  • “Vinci Salvini”,
    il vigile del fuoco maceratese
    e il gioco dei “mi piace” della Lega

    21 - Dic 4, 2018 - 23:03 Vai al commento »
    Un gioco per abbindolare i potenziali elettori con in palio addirittura una telefonata del divo candidato... Sono senza parole!
  • Il Ced di Ubi se ne va:
    da lunedì iniziano i trasferimenti

    22 - Dic 2, 2018 - 0:07 Vai al commento »
    L'ultimo accordo sindacale disattende il precedente di meno di un anno fa che prevedeva nessuno spostamento di mansioni e personale da Piediripa. Ora 'costosi lavori di recupero' farebbero superare l'accordo dell'anno scorso. Avendo lavorato nella struttura per oltre 30 anni posso testimoniare che la stessa ha subito frequenti e puntuali lavori di ristrutturazione e mesa a norma altrimenti non sarebbe stato possibile usarla come sede di lavoro anche di 150 tecnici interni ed esterni. È banale pensare a una soluzione a tutto vantaggio di UBI che in un anno sconfessa se stessa. Staremo a vedere la destinazione finale dell'edificio e capiremo di più sulla poco chiara manovra di UBI Banca. Un cantautore diceva: 'Ma ora che il guaio è fatto... portate via il morto!' È a morire stavolta sono stati almeno 100 posti di lavoro qualificato a Macerata. Alla prossima puntata!
  • Travolti in viale Indipendenza,
    gravissimi marito e moglie

    23 - Ott 7, 2018 - 9:39 Vai al commento »
    La migliore segnaletica, naturalmente auspicabile, poco può fare quando il rinnovo della patente è affidato a strutture private che non hanno interesse a scontentare un 'cliente' e soprattutto la visita medica è spesso poco più di una formalità. Da non dimenticare naturalmente lo studio dell'educazione stradale sin dalle scuole materne ...
    24 - Ott 7, 2018 - 8:09 Vai al commento »
    Lasciando da parte la solita stucchevole polemica politica che non risparmia nulla per esprimersi, fatta salva la fatalità, penso che il cuore del problema sia il rinnovo della patente a cuor leggero fatto soprattutto da strutture private. La sicurezza stradale è un bene pubblico e va tutelato con visite mediche severe in una struttura pubblica.
  • Macerata, la luce in fondo al tunnel (foto)

    25 - Mag 11, 2018 - 11:22 Vai al commento »
    Il mondo è bello perché vario ... Un fatto è certo: le chiacchiere lasciano il tempo che trovano mentre i fatti sono sotto gli occhi di tutti, magari non perfetti ma FATTI ! Finalmente Macerata ha un parcheggio con ottimo accesso al centro come tante altre città con analoga struttura urbanistica.
  • Minaccia sul cancello di casa:
    “Il vostro cane abbaia ed ulula,
    trovate un rimedio o ci pensiamo noi”

    26 - Ago 16, 2017 - 14:53 Vai al commento »
    Sollecitato da tanti interventi, coinvolto direttamente come vicino di cani ‘esuberanti’, provo sommessamente a fare sintesi tra tanti commenti, tutti sacrosanti naturalmente! Premetto che pur essendo un convinto ‘amico degli animali’, cani compresi, non ho mai pensato neanche per un istante di prenderne uno neanche per esaudire il desiderio dei figli. Prendere un cane in casa rappresenta un impegno per la vita nei confronti dell’animale e del vicinato e se si pensa di non riuscire a mantenere questo impegno è meglio rinunciare, con buona pace dei vicini e del cane. Si parla di un diritto sacrosanto ad abbaiare del cane ma questo diritto non può essere a danno del diritto del vicino alla quiete o al suo normale svolgimento delle attività. Se un cane abbaia in maniera fastidiosa tanto da impedire il riposo, lo studio o qualunque altra attività, si ricade penso nella fattispecie di "disturbo della quiete pubblica" imputabile al padrone. Abito in un quartiere in cui molte famiglie tengono i propri cani nei cortili e questi abbagliano spesso sia di giorno sia di notte. Non bastasse questo, alcuni cani vanno in giro liberi o accompagnati dai padroni nella loro passeggiata, con ciò scatenando le giuste ‘ire’ di quelli rinchiusi nei cortili o sui terrazzi. Sono convinto che i cani abbaino spesso e anche di notte perché i proprietari li confinano negli spazi angusti del cortile o peggio del terrazzo con ciò ritenendo assolto il loro compito di assistenza. Avere un cane invece obbliga alla sua educazione e alla sua cura e ciò significa soddisfarne i bisogni materiali (cibo, cure, ricovero) e ‘spirituali’ (il cane, soprattutto se di taglia non piccola, nasce per correre in larghi spazi e non può stare rinchiuso per soddisfare l’egoismo del padrone). Per concludere direi che, lasciando da parte le minacce che non meritano commento, per salvaguardare la pace sociale tra vicini, i padroni (meglio custodi) dei cani devono impegnarsi di più nella loro cura o andare a vivere con il loro animale in una casa isolata o in ultima istanza rinunciare al cane.
  • Spettacolo Frecce tricolori
    sul cielo di Porto Recanati (foto)

    27 - Lug 18, 2017 - 11:27 Vai al commento »
    Non esageriamo con i milioni di euro ... La P.A.N. si finanzia con i proventi delle manifestazioni versati dagli organizzatori. I caccia F35 davvero costano milioni (parecchi) e servono a poco o nulla ! La P.A.N. è un bel biglietto da visita dell'Italia (che ne ha gran bisogno) nel mondo.
    28 - Lug 17, 2017 - 10:16 Vai al commento »
    'Nove gli aerei ...' ! Per la precisione la Pattuglia Acrobatica Nazionale consta di dieci aerei, di cui nove in formazione e uno solista ! Il magnifico spettacolo che ogni volta offre è comunque indiscutibile !
  • Nuova Banca Marche e Ubi:
    preparativi per le “nozze”

    29 - Dic 30, 2016 - 12:15 Vai al commento »
    Confesso di essere sempre più stanco di continuare a leggere proclami, proposte, minacce da parte sindacale, associazioni di categoria, regione Marche che in oltre quattro anni nulla di concreto hanno posto in essere per porre fine allo scempio di Banca Marche. In questi anni abbiamo visto amministrazione straordinaria, doppio commissariamento, risoluzione (!) con prima e finora unica applicazione in Europa del bail in, scadenze via via prorogate per la vendita della ‘banca ponte’, l’ultima delle quali è riportata nell’articolo dove si paventa l’ulteriore rinvio con il passaggio a nuovo anno. Tutte le diverse sigle sindacali, la pletora delle associazioni di categoria e la debolissima classe politica locale hanno a più riprese pontificato su come si sarebbe dovuto operare per salvare oltre 170 anni di storia del risparmio marchigiano ma nulla di concreto è seguito alle parole se non ulteriori pontificazioni, l’ultima delle quali è quella che leggo nell’articolo. A nessuno sfugge che ciò che finora è accaduto a Banca Marche rappresenta già un disastro economico per il territorio marchigiano (e non solo) e la sua popolazione ma questi continui rinvii senza nemmeno l’ombra di un’idea di soluzione comincia a diventare anche un incubo per gli oltre 2500 attuali dipendenti (che non sono più i privilegiati del solito stereotipo bancario) con famiglia da mantenere e mutuo casa sulle spalle. Si sta concedendo al probabile (presunto ?) acquirente il possibile e l’impossibile nella speranza di metter fine prima possibile (ma il tempo lavora a favore dell’acquirente) a un imbroglio così grande dal quale si rischia di rimanere stritolati; spero (pochissimo) che dietro questa continua messe di chiacchere ci sia anche una gestione diplomatica riservata della cosa che consenta di portare a casa almeno qualche risultato come LIMITE INVALICABILE DELLA VENDITA: salvaguardia dell’occupazione (ma UBI sta già trattando con le sue banche per ‘liberarsi’ degli esuberi) e sostegno all’economia locale (anche se oltre quattro anni di disimpegno in attesa del principe bianco fanno temere che il credito locale sia stato acquisito da altre banche con interessi ben lontani da quelli del territorio).
  • Ventimila luci
    per Civitanova “ville lumiere”

    30 - Dic 13, 2016 - 12:33 Vai al commento »
    Sabato scorso sono sceso dalla ‘provincia’ a Civitanova per assistere in san Pietro (Piazza XX settembre) a un bel concerto natalizio dei ‘Pueri Cantores’ del Sacro Cuore di Macerata, in trasferta perché la loro chiesa è lesionata causa terremoto. Quale non è stata la sorpresa nel vedere la fantasmagorica illuminazione della piazza! Lasciando da parte ogni giudizio estetico che non potrebbe che essere impietoso, mi son chiesto come un altro signore che ha commentato la notizia: con centinaia di famiglie che hanno perso tutto a causa del terremoto, non sarebbe stato opportuno spendere questi soldi per aiutare qualcuna di queste persone in difficoltà? E ancora mi son chiesto: ma chi paga tutto questo sfavillio di luci oltretutto in un periodo in cui non c’è poi molto da festeggiare. La risposta l’ho avuta in parte all’uscita del concerto quando ho trovato l’avviso di pagamento di un solerte ‘ausiliare accertatore’ che alle 22:31 aveva sanzionato la sosta della mia auto nel parcheggio ai lati della piazza senza esposizione del ‘titolo di pagamento’. Giova ricordare che la sosta era iniziata alle 21:10 e che non ho neanche per un istante pensato che la sosta a pagamento il sabato si estendesse come mi è stato poi spiegato oltre le 20:00 o addirittura le 19:00 come facciamo in ‘provincia’ per tutti i giorni della settimana. Vero è che con tante luci avrei dovuto vedere la segnaletica stradale che spiegava tutto … Ieri sono tornato diligentemente a pagare € 9.55 e ho dovuto rivedere la fantasmagorica distesa di luci rinnovando i pensieri del sabato sera precedente. Ho allora deciso di partecipare alla colletta che i ‘Pueri Cantores’ hanno organizzato per raccogliere fondi a favore dei terremotati nel corso dei loro concerti natalizi, il prossimo dei quali si terrà sabato prossimo a Cessapalombo in un container; anche a questo concerto sicuramente assisterò senza timore di trovare all’uscita l’avviso di pagamento dell’ausiliare del traffico locale …
  • Cessione good bank,
    slitta la decisione Bce
    Altre 3 filiali verso la chiusura

    31 - Nov 23, 2016 - 17:28 Vai al commento »
    Confesso di essere ormai stanco di continuare a leggere proclami, proposte, minacce da parte sindacale senza che in oltre quattro anni nulla di concreto sia stato posto in essere per porre fine allo scempio di Banca Marche. Dipendente ormai in zona Cesarini della Banca, negli ultimi cinque anni ho visto dimissioni, riassunzione immediata e nuove dimissioni definitive e onerosissime del D.G. Bianconi, amministrazione straordinaria, commissariamento, risoluzione (!) con prima e finora unica applicazione in Europa del bail in, scadenze via via prorogate per la vendita della ‘banca ponte’, l’ultima delle quali è riportata nell’articolo e casualmente rimanda a dopo il giorno del giudizio universale referendario… Tutte le diverse sigle sindacali e la debolissima classe politica locale hanno a più riprese pontificato su come si sarebbe dovuto operare per salvare oltre 170 anni di storia del risparmio marchigiano ma nulla di concreto è seguito alle parole se non ulteriori pontificazioni, l’ultima delle quali è quella che leggo nell’articolo ad opera di una autorevolissima sigla sindacale. A nessuno sfugge che ciò che finora è accaduto a Banca Marche rappresenta un disastro economico per il territorio marchigiano (e non solo) e la sua popolazione ma questi continui rinvii senza nemmeno l’ombra di un’idea di soluzione comincia a diventare un incubo per gli oltre 2500 attuali dipendenti (che non sono più i privilegiati del solito stereotipo bancario) con famiglia da mantenere e mutuo casa sulle spalle. Il rammarico personale è ancora più grande nel vedere che l’Azienda nella quale ho lavorato per una vita è a terra in balia degli sciacalli di turno mentre intorno chi dovrebbe e potrebbe salvarla guarda e parla di massimi sistemi facendo sapere a tutti che sta facendo il proprio dovere.
  • Stadio, il Comune avvisa la Maceratese:
    pagamento entro il 20 agosto
    o la convenzione verrà revocata

    32 - Ago 12, 2016 - 16:47 Vai al commento »
    Le convenzioni firmate vanno rispettate e fatte rispettare. Sempre e con tutti i contraenti. L'amministrazione comunale deve fare gli interessi di circa 40.000 concittadini di cui alcune centinaia sono tifosi (di calcio o pallavolo che sia); ne deriva che la stessa amministrazione comunale deve anzitutto pensare al benessere di tutti i non tifosi (la maggioranza) e poi impiegare le scarse risorse disponibili proporzionalmente anche per i 'tifosi'.
  • Chef senza frontiere
    in piazza Mazzini
    (foto/video)

    33 - Ago 12, 2016 - 14:43 Vai al commento »
    Bella e riuscita iniziativa, l’aperitivo mediterraneo, con meritato successo e grande partecipazione. Come spesso accade il buono quasi mai raggiunge l’ottimo e dopo l’elogio mi permetto di suggerire pochi “consigli per l’uso” da applicare magari quando un’iniziativa analoga sarà ripetuta. Il problema maggiore sono state le tre code che si sono protratte anche oltre le ore 21.00, ora di inizio dello spettacolo ‘Medea’. Una maggiore informazione, magari alla cassa, avrebbe consentito di attivare per ogni gruppo almeno tre volontari per le tre code. Il problema ci sarebbe stato comunque per i ‘single’ o le ‘coppie’ che hanno dovuto fare tre o due file (escludendo naturalmente i furbi). Sarebbe bastato attivare un’unica coda come si fa in tutte le tavole calde, con passaggio unico in sequenza di fronte ai tre punti di prelievo. Giustificata la lentezza degli stand che magari non avevano previsto un numero così elevato di utenti. Comunque successo meritato anche se con mia figlia siamo stati in coda dalle 19.45 alle 20.55 (quando mia figlia ha rinunciato per entrare in arena) e il sottoscritto che, non avendo obblighi di orario, è restato in coda oltre le ore 21.00.
  • L’appello di una mamma:
    “No alla sala scommesse
    di fianco alla scuola”

    34 - Nov 19, 2015 - 16:41 Vai al commento »
    Un altra pagina nella tormentata storia della lottizzazione ora condominio 'Le Spighe' ! Prima la concessione di una cubatura mostruosa a fronte di circa 10 posti auto su strada (nel piano interrato immagino ce ne siano solo uno per ognuno degli oltre 50 appartamenti); poi l’abbattimento di alcuni alberi secolari che intralciavano (ma erano lì da oltre 100 anni !) l’accesso al piano sotto strada; ancora, l’apertura di un supermercato (probabilmente poco organizzato poiché ha chiuso nel giro di alcuni mesi) per invogliare all’acquisto del molto invenduto; infine l’apertura di un bar (sempre per il motivo di cui sopra) che ha chiuso nel giro di un mese. Ora il gioco si fa duro e si schiera l’artiglieria con agenzia scommesse, sala poker, slot machine e vendita di super alcolici. Condividendo tutte le osservazioni di opportunità e merito fatte nell’appello (che sottoscrivo totalmente, anche se non abito in zona) e nei commenti, mi chiedo con preoccupazione dove parcheggeranno gli utenti delle attività di cui sopra dal momento che sicuramente non verranno a piedi né tanto meno in orario di ufficio e che i marciapiedi di fronte sono sempre occupati dalle auto dei residenti non avendo i loro condomini neanche i posti auto. Ai tempi del compianto Sindaco Maulo il quartiere Pace veniva ritenuto il ’Bronx’ di Macerata ma da allora ha riacquistato una discreta quotazione grazie soprattutto alla scuola ‘Fermi’. Ora non avrebbe proprio bisogno di un ‘centro giochi e scommesse’ vicino alla scuola. E mi chiedo anche che ne penseranno le future 50 famiglie (ora sono ancora pochine) quando dovranno fare lo slalom tra le auto parcheggiate male per tornare a casa o dovranno incaricare i figli di andare nel negozio di fronte (peccato che il supermercato abbia chiuso …) per acquistare del pane.
  • Pantana abbraccia
    Casa Pound e annuncia:
    “Abbiamo i soldi per il palas”

    35 - Mar 3, 2015 - 19:00 Vai al commento »
    Un po' datato come servizio, ma ancora attualissimo ... La signora Pantana sta ancora cercando il finanziatore per il Palas ? Le hanno spiegato che non servirebbe più ?
  • Con la Pantana c’è anche CasaPound:
    “Vogliamo entrare
    in Consiglio comunale”

    36 - Dic 21, 2014 - 14:34 Vai al commento »
    Ora nel centro destra sono proprio tutti ... Aspettiamo conferme.
  • Anna Menghi gela Pantana e Forza Italia:
    “Non ci sto,
    non avete rispettato le regole”

    37 - Dic 12, 2014 - 11:51 Vai al commento »
    Tutta la mia comprensione alla signora Menghi e sostegno alle sue considerazioni. La signora Pantana ha una discreta esperienza di presenzialismo che in questo caso l'ha portata a 'scendere in campo' preventivamente autocandidandosi per la carica di Sindaco. Lo stesso presenzialismo messo in campo poco più di un anno fa (4 agosto 2013) quando alla testa di uno sparuto manipolo di maceratesi si diresse alla volta di Roma per sostenere il signor Berlusconi, sulla strada della condanna definitiva, trascinando un vistoso striscione con la scritta 'Macerata con Silvio' quando sarebbe stato più corretto 'Noi (pochi) di Macerata con Silvio'. Concediamo comunque il beneficio d’inventario e aspettiamo il programma (per quel poco che conta purtroppo per tutti i politici) e la 'squadra'.
  • Mandrelli, Carancini e Mari
    paperoni in Consiglio
    Romoli il più presente e il più povero

    38 - Nov 27, 2014 - 10:03 Vai al commento »
    La valutazione sulla 'produttività' dei politici maceratesi deve considerare, come segnalato da qualche commento, non solo il numero di presenze ma la qualità del lavoro svolto sulla base del quale essi saranno valutati dai cittadini nella prossima tornata elettorale. Leggendo i redditi pubblicati si può essere colti da vivo sconcerto. 'Nulla questio' per il 50% circa che dichiara redditi alti, medio alti o in ogni caso tali da consentire una vita dignitosa per loro unitamente alle loro eventuali famiglie. Lo sconcerto si manifesta nel vedere redditi che organismi internazionali classificano intorno alla soglia di povertà se non addirittura sotto questo livello e redditi che fanno immaginare una vita piena di stenti e privazioni ... In occasione delle prossime festività prenderò in seria considerazione la possibilità di indirizzare un contributo di solidarietà verso i consiglieri comunali maceratesi che versano in condizioni di indigenza con la speranza che possano presto superare questo momento di difficoltà.
  • Il bisturi di Auro Caraffa
    per la figlia della Stefanenko

    39 - Nov 7, 2014 - 10:35 Vai al commento »
    Un delizioso spot pubblicitario di cui i protagonisti probabilmente non hanno bisogno ...
  • L’ottica Pietroni chiude in centro:
    “Condannati dall’ansia per il parcheggio”

    40 - Set 9, 2014 - 12:19 Vai al commento »
    Commentando, commentando, siamo arrivati addirittura ai 'mendicanti e buzzurri che vengono dall’Africa' e questo mi pare troppo per un delizioso assist pubblicitario da parte di CM che il signor Pietroni ha giustamente sfruttato. Di soluzioni possibili del problema dello svuotamento del centro storico ne esistono molte me tutte prevedono che le città 'murate' siano libere dalle automobili semplicemente perché chi ha ideato queste città viveva in tempi dove al massimo esistevano poche carrozze ...
  • Tacconi: “Salesiani esclusi
    dalla scuola civica di musica”

    41 - Mag 5, 2014 - 15:46 Vai al commento »
    Tre figli ‘musicisti’ mi hanno portato a frequentare prima la scuola Liviabella e poi (dal 2004 probabilmente) la scuola di musica dei Salesiani dove i loro insegnanti si erano trasferiti in blocco. La qualità della scuola dei Salesiani che può essere certificata da due dei tre figli diplomati ed avviati (speriamo con successo) alla professione, avrebbe sicuramente meritato miglior considerazione nel momento in cui si è parlato di 'scuola civica'. Ma sicuramente le 'referenze' (politiche e non) delle due strutture (Liviabella e scuola di musica salesiana) sono nettamente sbilanciate a favore della prima e ciò basta a spiegare l'accaduto. Concordo con chi dice che sarebbe molto opportuno azzerare questo pasticcio e far ripartire il progetto 'scuola civica' dando tempo e modo a tutti i soggetti interessati di presentare le loro proposte; e tra i soggetti più qualificati aggiungerei i Pueri Cantores 'D. Zamberletti' del Sacro Cuore che sono nella stessa condizione della scuola di musica dei Salesiani (ottima qualità ma scarse 'referenze').
  • Telelaser in azione in contrada Valle
    “Siete sicuri di usarlo
    in modo utile e onesto?”

    42 - Apr 24, 2014 - 11:13 Vai al commento »
    La Polizia Municipale dovrebbe farsi carico del controllo permanente del territorio, sfruttando al meglio le risorse a sua disposizione; non ha molto senso quindi scatenare periodicamente piccole crociate che generalmente scontentano chi mediamente è un buon automobilista e casualmente (anche se per colpa o per scarsa perspicacia di chi effettua il controllo) incappa nella crociata. Deve inoltre cambiare il comportamento degli utenti della strada (tutti, dal camionista al pedone) nel senso di rispettare rigorosamente le regole del codice. E qui giova ricordare che non per nulla il limite in città è di 50 km/h perché l’infortunistica stradale insegna che questa presumibilmente è la velocità che si può accettare per tenere sufficientemente basso il livello di rischio in una collisione (tra mezzi e con pedoni); ne consegue che non deve essere né 51 o 58 km/h ma può essere al massimo di 50 km/h.   Solo tornando al rispetto delle regole da parte di tutti potremo fare a meno di cavillare sul chilometro in più o in meno, sulla dimensione del cartello di segnalazione del controllo della velocità e via dicendo. I Vigli Urbani non impegnati in compiti ‘sedentari’ devono tornare a stare sulla strada per ricordare a tutti il rispetto delle regole e sanzionare chi proprio non vuol capire, evitando interventi come quello descritto che non risolvono alcun problema.
  • Dossier su Banca Marche
    L’estate milionaria del dg Bianconi

    43 - Lug 24, 2013 - 23:48 Vai al commento »
    L'amarezza che può suscitare la lettura di questa inchiesta è aggravata dal fatto che purtroppo non potrà esserci alcuna rettifica al ribasso (come sembra augurarsi l'autore) per la doppia estate milionaria del signor Bianconi poichè l’informativa al pubblico del sito di BancaMarche alla voce - Sistemi e prassi di remunerazione e incentivazione - riporta per l’anno 2011  “Gli importi relativi ai pagamenti per trattamento di fine rapporto riconosciuti durante l’esercizio 2011 ammontano ad € 2.221.509,28 a favore di 2 beneficiari. L’importo più elevato è pari ad € 1.668.108,52.” e per l’anno 2012 “Gli importi relativi ai pagamenti per trattamento di fine rapporto riconosciuti durante l’esercizio 2012 ammontano ad euro 2.939.855,00 a favore di 2 beneficiari. L’importo più elevato è pari ad euro 2.300.000.”. Non è sicuramente difficile individuare il dirigente gratificato dei due importi più elevati. L'amarezza con cui aprivo il commento nasce dal dover ammettere che molte delle persone che avrebbero dovuto guidare Banca delle Marche con competenza e coscienza (ha ancora un significato questa parola?) hanno permesso e accettato di tutto, fino a far quasi naufragare (e spero tanto che non sia così) una azienda nata da oltre 150 anni di storia e oculatezza di molti marchigiani.      
  • Sel: “Basta aiuti ai Salesiani”
    Mozione in Regione del centrodestra

    44 - Mag 21, 2013 - 12:36 Vai al commento »
    Sono ex allievo dei Salesiani di Macerata, orgoglioso di essere stato allievo in un periodo (purtroppo molti anni fa) in cui la scuola salesiana esprimeva e inculcava valori importanti e ciò soprattutto perché gli insegnanti erano tutti Salesiani o quasi. La crisi delle vocazioni ha purtroppo colpito anche i figli di Don Bosco e la loro scuola, affidata sempre più a insegnanti laici, ha perso evidentemente molti di quei valori e si è dovuta adattare alla mutata situazione anche dal punto di vista economico (gli insegnanti laici hanno ovviamente un costo). Se ora la scuola dei Salesiani non può continuare a vivere, meglio chiuderla; i Salesiani potranno così riscoprire anche a Macerata l’originaria missione di impegno nella società affidata loro da Don Bosco, soprattutto a favore dei giovani; innanzi tutto nell’oratorio da potenziare (peccato che il favoloso campo di calcio che ho visto rinascere ospiti oggi l’ennesimo supermercato della città); potrebbero anche gestire una parrocchia di cui la diocesi avrebbe un gran bisogno e una foresteria per studenti fuori sede; di sicuro non mancherebbero tante altre possibili attività a favore dei giovani di Macerata.  E spero che Don Bosco ritorni (come recita l’inno degli ex allievi) per evitare che dopo la collocazione del supermercato sul campo di calcio, il futuro ci regali anche la trasformazione dell’Istituto in un residence, visto che anche per il monastero delle monachette si sente parlare di proposte per la trasformazione in albergo... E spero anche che la statua di San Giovanni Bosco e San Domenico Savio che per tanti anni ha dominato le strade del quartiere dall’angolo del campo di calcio, torni ad avere una decorosa collocazione dopo essere stata sfrattata dal supermercato.
  • Privato: Tutti i guai di Banca Marche
    tra affari, inchieste e perdite di bilancio

    45 - Apr 3, 2013 - 12:29 Vai al commento »
    "... gli amministratori sono in fermento, i risparmiatori e gli azionisti continuano a portare avanti imperterriti un enorme interrogativo. Perchè nessuno si è mai accorto di nulla prima di arrivare a questo punto?" Nella precisa esposizione dell'argomento, un elemento mi sembra sia sfuggito e vorrei rimediare ricordando che Banca Marche è una azienda che occupa  oltre 3.000 dipendenti tra i quali diverse decine di giovani e giovanissimi in attesa di assunzione a tempo indeterminato; il piano industriale che costosi consulenti stanno mettendo a punto dovrebbe evitare di ricorrere alle solite strategie che si mettono in atto nei momenti di crisi e cioè il taglio indiscriminato delle spese il più facile dei quali è quello sul personale, in particolare sul personale precario. Aggiungerei quindi che anche i dipendenti sono in fermento e molto preoccupati per la loro azienda, per le ricadute che la crisi di Banca Marche potrebbe avere sul territorio e per il loro futuro lavorativo.
  • Banca Marche tra divergenze e contrasti
    Dircredito: “Basta errori
    nella scelta degli uomini”

    46 - Feb 27, 2013 - 10:33 Vai al commento »
      “ Interessanti le domande poste dal sindacato dei dirigenti. Peccato che sono giunte fuori tempo massimo… Dove eravate mentre si compivano i disastri? Visto il vs. elevato inquadramento non potete dire che non sapevate…. diciamo che non era conveniente esporsi in tempi precedenti. Quindi se non era conveniente farlo prima ora la decenza vuole che stiate almeno in silenzio. “ Riporto esattamente il commento di ciclista perché risponde completamente al mio pensiero; aggiungerei solo che decenza vorrebbe che, prima del silenzio, venisse anche un minimo di autocritica. Al decalogo di domande ne aggiungerei una ulteriore: come mai nell'estate 2011, quando come ora sappiamo Banca d’Italia aveva già caldamente richiesto un cambio di rotta, è stato possibile riconfermare il Direttore e un il Vice Direttore pensionato la cui attività tanto preoccupa l'autore della lettera, senza un minimo cenno di perplessità da parte di nessuno, compreso chi oggi fa tante domande?  E’ troppo facile stare 'al caldo' sfruttando posizioni di rendita e ora che l’aria sta cambiando si chiede di essere ascoltati magari alzando la voce con argomentazioni anche condivisibili. La speranza è che quanto accaduto risvegli in tanti il bisogno di fornire il proprio contributo anche critico sempre e comunque, soprattutto nel momento in cui i fatti lo richiedono.
  • Salvati quattro cuccioli
    gettati in un cassonetto

    47 - Feb 25, 2013 - 14:58 Vai al commento »
    Non esistono parole per descrivere l'orrore di fronte a queste notizie: la vita, in questo caso animale, è sacra e come tale va trattata; vorrei aggiungere che avere un cane in casa richiede attenzioni che talvolta alcuni 'amici degli animali' non hanno. Mi riferisco al fatto che molto spesso i nostri amici sono relegati in casa (su un terrazzo e pochi metri di giardino poco cambia) senza l'accortezza di dedicare loro il tempo necessario; accede così che passino la giornata lamentandosi a loro modo e scambiando la loro noia con i cani del vicinato: il risultato è un abbaiare continuo per ore in attesa di una qualche attenzione come accade nella zona in cui abito che, guarda caso, si trova nel quartiere Pace. Rispetto per la vita animale dunque ma anche più attenzione al benessere degli animali che si anno in casa.
  • Pantana: “Farò di tutto per le famiglie
    che trainano l’economia nazionale”

    48 - Feb 15, 2013 - 10:25 Vai al commento »
    «Se Berlusconi vincerà le elezioni Deborah Pantana sarà in Parlamento»: viene in mente la barzelletta di Andrea che scrisse un annuncio per vendere una Arna (chi la ricorda ?) per di più vecchia e malandata e voleva essere contattato nelle ore dei pasti; una mano ignota aggiunse all'annuncio: 'Andrea, mangia tranquillo !'. Fare politica per mestiere e ripetere a intervalli regolari gli stessi slogan è troppo facile e di nessun valore; inoltre non capisco lo sdegno contro Franco Capponi che, onore al merito, penso abbia capito che la parte politica che ha frequentato fino a poco fa non lo rappresentava più (per non pochi motivi aggiungo io) e ha deciso di cambiare.
  • Banca Marche, cosa sta succedendo?

    49 - Feb 9, 2013 - 23:57 Vai al commento »
    La Banca delle Marche ha ereditato la storia più che centenaria delle Casse di Risparmio di Macerata, Pesaro e Jesi che in essa sono confluite meno di venti anni fa. La fusione fu cosa necessaria e giusta anche se la neonata Banca cominciò seppur lentamente a perdere la vocazione di banca del territorio. Terminata la fase di ‘rodaggio’ della convivenza a tre, fu chiamato (da chi ?) a guidarla un manager venuto a Jesi ‘a miracol mostrare’. Senza obiezioni di alcuno furono messi in campo tutti gli interventi che le grandi banche andavano effettuando in situazioni completamente diverse: esternalizzazione dei servizi, cartolarizzazione dei mutui, cessione delle sofferenze, vendita degli immobili di proprietà, aumento di capitale, ottenendo gloria e bilanci miracolosi (con premi adeguati per il management e ricchi dividendi per la proprietà). Si andava però così perdendo la caratteristica di banca del territorio per diventare inopportunamente una banca orientata alla finanza. Troppo tardi Banca d’Italia scoprì che forse si era esagerato con i miracoli e che questi forse tali non erano… Si corse allora ai ripari limitando il credito anche a chi lo avrebbe meritato pienamente e solo quando non se ne poteva più fare a meno, cambiando anche il management, naturalmente dopo aver scoperto che il tappeto copriva non poca polvere. Questo è il passato e se ci saranno addebiti da fare dovranno essere fatti ai responsabili, pretendendo da loro anche un adeguato risarcimento. Per il domani è indispensabile che, dopo aver buttato l’acqua sporca, si salvi il bambino della Banca Marche che dovrà tornare a fare banca che non è una brutta parola e che significa attrarre denaro dai risparmiatori dopo averne guadagnato la fiducia e metterlo a disposizione del territorio (cominciando dalle famiglie e le piccole imprese); dovrà altresì tenere lontano qualsiasi Cavaliere Bianco (ne abbiamo già avuti anche se non bianchi) poiché il territorio ha bisogno della sua Banca per non dover rivolgersi chissà dove per negoziare un finanziamento; i dipendenti e le loro famiglie hanno bisogno che la Banca si getti alle spalle il passato e riparta, chiedendo ora se necessario quei sacrifici che avrebbero dovuto cominciare qualche anno fa. Solo così potrà riprendere la lunga storia che le gloriose “Casse” di Macerata, Pesaro e Jesi hanno consegnato alla Banca delle Marche.
  • Roberto Bolle in diretta dalla Scala

    50 - Feb 15, 2013 - 17:24 Vai al commento »
    Chi è interessato al balletto “Notre Dame de Paris”’ può vederlo comodamente su RAI 5 domenica 17.2 alle ore 21.00. Buona Visione !
    51 - Feb 12, 2013 - 17:42 Vai al commento »
    Il balletto "Notre Dame de Paris”' sarà trasmesso (stessa data e ora) anche dal multisala Multiplex 2000 di Piediripa. Buona Visione !
  • Follia urbanistica a Macerata

    52 - Dic 17, 2012 - 11:46 Vai al commento »
    Dopo aver premesso la totale condivisione di quanto descritto dall'autore, vorrei aggiungere poche righe sulla lottizzazione 'Le Spighe' che nonostante la 'vista mare', i prezzi stracciati, la pubblicità martellante da oltre tre anni è come dire 'poco apprezzata' dal mercato. Naturalmente anche qui è stato realizzato un supermercato 'a scadenza' nella speranza di invogliare all'acquisto qualche nuovo fortunato futuro proprietario; il supermercato dispone di un parcheggio di ben 10 posti auto da condividere con i futuri condomini (quando ci saranno) e i clienti degli altri locali commerciali (quando saranno avviati) ! Per concludere posso aggiungere che a suo tempo il costruttore ottenne anche l'abbattimento di alcuni alberi secolari (almeno 5 se non riocordo male) con la motivazione che così facendo avrebbe migliorato l'accesso (!) alla struttura realizzata (forse limitavano la 'vista mare'...).    
  • “Riponete il semaforo del cimitero in un magazzino”

    53 - Nov 1, 2012 - 18:45 Vai al commento »
    Sarebbe bello se chi deve uscire da una strada laterale (o perchè no dal suo garage) potesse sempre avere un bel semaforo a disposizione ... Provo ad esemplificare; ogni mattina esco dal mio quartierino su via Pace dove alle 08.00 il traffico non è certo uno scherzo; non ho mai pensato neanche per un istante a un semaforo per consentirmi di uscire in sicurezza e in fretta anche se devo talvolta fare qualche minuto di attesa. Ora via Pace non è la strada di grande comunicazione che porta da Piediripa a Macerata! E per favore lasciamo perdere le caxxxte visto che la fila che oggi si apprezza non è mai esistita da quando esiste la rotatoria e prima del semaforo e i tre minuti sono un sogno visto che più volte aspettando lungo il rettilineo finale ho avuto modo di cronometrare ... 
  • L’addio a Mario Clementoni
    Recanati saluta il papà del Sapientino

    54 - Ott 12, 2012 - 10:36 Vai al commento »
    Le più sentite condoglianze alla famiglia di un imprenditore vero che sicuramente lascerà un segno in questa povera Italia che pullula di cosiddetti 'imprenditori'. Sorprende anche me l'apertura dell'articolo: 'C’era anche il senatore Marcello Dell’Utri per l’ultimo saluto a Mario Clementoni..' poichè ritengo che la presenza del signor Dell'Utri, naturalmente legittima e sicuramente motivata da legami di carattere personale, nulla aggiunga all'amarezza per la perdita.
  • Meschini: “Contrada Pace abbandonata dal Comune”

    55 - Lug 9, 2012 - 15:17 Vai al commento »
    L'abbandono di cui è vittima contrada Pace, di cui posso testimoniare l'esistenza nei termini descritti, si estende anche al quartiere Pace e alle sue striminzite aree verdi (se così possono essere definite!). Va anzitutto detto che le area verdi del quartiere sono al di sotto della decenza, per quanto riguarda la estensione e all'abbandono per quanto riguarda la manutenzione; mi riferisco all'area nei pressi del supermercato e sopratutto a quella in via Pagnanelli, zona di recente realizzazione. In particolare qiest'ultima, dovendo essere realizzata da zero in una zona di nuova lottizzazione, avrebbe dovuto essere oggetto di un minimo di attenzione: la situazione attuale vede la zona più ampia (naturalmente in ripida salita !) è in abbandono e la seconda più piccola è chiusa da sempre (almeno 5 anni). Per fortuna un pò di verde sta spuntando sui marciapiedi (tra un blocchetto e l'altro) e addirittura un angolo non finito di marciapiede si sta coprendo di una rigogliosa vegetazione ...
  • IL CASO CACCAMO
    Dove sono le istituzioni?

    56 - Giu 26, 2012 - 15:20 Vai al commento »
    Una organica e documentata denuncia, altro che retorica, Leonessa73; e ci mancherebbe pure che fosse necessario essere giornalista per esprimere il proprio pensiero ... E per favore almeno le citazioni facciamole corrette: CUI prodest ... CUI prodest...
  • L’appello di Pettinari:
    “Salviamo i Salesiani”

    57 - Giu 18, 2012 - 12:07 Vai al commento »
       Sono ex allievo dei Salesiani di Macerata, orgoglioso di esserlo stato in un periodo (purtroppo diversi anni fa) in cui la scuola salesiana esprimeva valori importanti e ciò soprattutto perché gli insegnanti erano tutti Salesiani (o quasi).    La crisi delle vocazioni ha colpito anche i figli di Don Bosco e la scuola ha perso evidentemente molti di quei valori e si è dovuta via via adattare alla mutata situazione anche dal punto di vista economico (gli insegnanti laici hanno un costo).    Se ora la scuola non può continuare a vivere, meglio chiuderla; i Salesiani potranno così riscoprire anche a Macerata l’originaria missione di lavoro nella società affidata loro da Don Bosco, soprattutto a favore dei giovani, con l’oratorio da potenziare (peccato che il favoloso campo di calcio che ho visto rinascere ospiti oggi l’ennesimo supermercato della città), una parrocchia di cui la diocesi avrebbe un gran bisogno, una foresteria per studenti fuori sede, tante altre possibili iniziative a favore dei giovani di Macerata.    E spero che Don Bosco ritorni (come recita l’inno degli ex allievi) per evitare che dopo la collocazione del supermercato sul campo di calcio, il futuro ci regali anche la trasformazione dell’Istituto in un residence, visto che anche per il monastero delle monachette si sente parlare di proposte per la trasformazione in albergo …    E spero anche che la statua di San Giovanni Bosco e San Domenico Savio che per tanti anni ha dominato le strade del quartiere dall’angolo del campo di calcio, torni ad avere una decorosa collocazione dopo essere stata sfrattata dal supermercato.
  • Ruffini: “La formazione era giusta
    ma il capitano era appannato”

    58 - Mag 24, 2012 - 16:15 Vai al commento »
    Notoriamente, e aggiungo purtroppo, la vittoria ha molti padri ma la sconfitta è sempre orfana. Non votando a Tolentino e non conoscendone a fondo i fatti della politica, ritendo comunque DOVEROSO che chi perde (e sopratutto chi perde per scarsa presa personale sull'elettorato) debba tacere e meditare preparando se sarà il caso la rivincita; questa è la democrazia e queste sono le regole minime di correttezza per chi decide di 'scendere in campo'. Il fatto che la polemica sia tutta in casa del PD non può che essere ulterione motivo di amarezza ...
  • Il Pd: “Nessuna colata di cemento su Macerata”

    59 - Mag 8, 2012 - 11:39 Vai al commento »
    E' facile giustificare un fatto che è sotto gli occhi di tutti citando stratosferici obiettivi 'virtuosamente' non raggiunti. Un fatto sotto gli occhi di tutti è purtroppo l'elevato numero di alloggi invenduti che peraltro non hanno per nulla calmierato il mercato come l'assessore ha in diversi contesti sostenuto; per contro poco o nulla si è fatto per cercare di recuperare un patrimonio abitativo di pregio (mi riferisco al centro storico) che rischia l'abbandono. Oltre gli eccessi del piano casa, sono state autorizzate iniziative che definire spregiudicate sarebbe poco: per esempio la realizzazione di oltre 50 appartamenti nella zona ex mulino Vignati ha caricato una zona già in crisi di nuovo traffico e mancanza di parcheggio; ora è stato aperto anche un piccolo supermercato per incoraggiare la vendita di appartamenti molti dei quali sono ancora desolatamente vuoti... E' purtroppo anche vero che non è possibile rimediare, ma almeno sarebbe opportuno prendere atto per evitare di ripetere gli errori del passato.
  • “Un clochard tra di noi”
    Disagi e solidarietà in Corso Cairoli

    60 - Ago 20, 2012 - 22:19 Vai al commento »
    Purtroppo è ormai tardi ... Il pino secolare che insidiava una colonnetta della recinzione del cortile della chiesa del Sacro Cuore è stato abbattuto e spero che qualcuno abbia autorizzato la cosa per gravi motivi di sicurezza pubblica. Ai distratti posso segnalare che il pino contiguo aveva messo in crisi la recinzione alcuni anni fa e la soluzione fu allora semplicemente quella di ridurre l'ingombro della colonnetta che ha solo funzione estetica. Ora invece si è deciso di passare alle maniere forti e dovremo quindi buttare la magnifica foto che da cento anni era l'icona delle "Casette" e che raffigurava la facciata della chiesa incorniciata da 4 alberi secolari. Sarebbe bello se almeno si provvedesse a rimpiazzare l'albero abbattuto nella speranza che qualcuno possa vederlo fra cento anni e a monito per che magari sarebbe tentato di far piazza pulita ...
  • Colpito alla testa da due lastre di marmo
    Grave un maceratese di 53 anni

    61 - Dic 7, 2011 - 12:17 Vai al commento »
    Il progettista dovrebbe usare le cautele della buona professione sapendo che il suo disegno potrebbe essere dato in mano a 'fior' di costruttori che appaltano e subappaltano: il lavoro finale potrebbe essere realizzato da un incompetente con materiali di scarsa qualità. E per favore non diciamo sciocchezze parlando di vento: ci mancherebbe altro ! Se vi capita di trovarvi sotto un edificio storico, alzate lo sguardo senza timore e ammirate quanti cornicioni e/o rivestimenti marmorei sono al loro posto da decenni se non secoli ... Mi preme ricordare che il luogo della (speriamo) mancata tragedia è il punto abituale di ritrovo della corale dei 'Pueri Cantores' che ogni volta che partono per una trasferta stazionano sul posto (50 ragazzi con famiglia al seguito) in attesa di partire.
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy