«Maria Pia e Alina due vittime di violenza,
insegniamo ai ragazzi il rispetto dell’altro»

25 NOVEMBRE - Il sindaco di Civitanova Fabrizio Ciarapica le ha ricordate nel corso della giornata contro la violenza sulle donne: una era stata uccisa dal marito, l'altra aggredita con l'acido dal fidanzato
- caricamento letture
panchina-rossa-civitanova-5-650x575

Il sindaco Fabrizio Ciarapica posa una rosa sulla panchina rossa

 

A Civitanova cerimonia e un workshop contro la violenza sulle donne. Alle 12 in piazza Cecchetti, davanti alla panchina rossa presa a simbolo per la lotta contro la violenza di genere, si è svolta una cerimonia a cui hanno partecipato il sindaco Fabrizio Ciarapica, il presidente del Consiglio comunale Claudio Morresi, gli assessori Barbara Capponi e Roberta Belletti, il parroco di San Pietro e Cristo Re, Mario Colabianchi, la componente delle Commissione Pari opportunità Regione Marche Ilaria Bompadre, la presidente dell’Unione nazionale mutilati per servizio sede Mantova Elisa Carusi, il coordinatore della Protezione civile, Aurelio Del Medico, e il vicepresidente della Croce Verde Gino Canaletti.

panchina-rossa-civitanova-4-650x488

Da sinistra: Claudio Morresi, Roberta Belletti, Barbara Capponi, Fabrizio Ciarapica, Ilaria Bompadre, Aurelio Del Medico

Dopo aver deposto un fiore bianco sulla panchina rossa, sulla quale è apposta una targhetta con una frase a ricordo e con evidenziato il numero antiviolenza 1522, il sindaco ha detto: «Una panchina rossa per non dimenticare mai tutte le donne uccise, un posto vuoto per segnare l’assenza di tutte loro. La Giornata di oggi deve farci riflettere per contrastare e condannare un fenomeno sociale in espansione a tutela delle donne che subiscono violenze assurde e che perdono, purtroppo, anche la vita. Ricordo che a Civitanova nel 2013 la signora Maria Pia Bigoni è stata uccisa per mano del marito e recentemente una ragazza, aggredita con l’acido sul volto, è stata coraggiosamente salvata dal titolare del locale che è riuscito ad intervenire (la ragazza è Alina Emilia Pavel e l’episodio era avvenuto nel 2018, ndr). E’ nostro dovere insegnare ai nostri figli, fin da piccoli, il rispetto nei confronti degli altri, educandoli a non voltarsi dall’altra parte e a denunciare ogni sopruso». Successivamente è intervenuta Elisa Carusi che ha letto uno scritto molto toccante relativo alla violenza di genere. A fine cerimonia, don Mario ha benedetto la panchina pronunciando, oltre la preghiera, le parole di Papa Francesco dedicate alle donne che costituiscono la Salvezza dell’umanità. L’amministrazione comunale ha altresì celebrato la “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne” organizzando, in collaborazione con lo Sportello “InformaDonna”, un workshop nella Sala consiliare di Palazzo Sforza, con partecipazione del pubblico in presenza e collegato in “streaming”. In apertura dell’evento, Barbara Capponi, assessore alle Pari opportunità, Ilaria Bompadre, componente delle commissione Pari opportunità Regione Marche, Katia Marilungo, presidente dell’Ordine degli psicologi Marche ed Eleonora Tizzi responsabile dello Sportello “InformaDonna” hanno evidenziato l’importanza di costituire una rete tra professionisti di diversi ambiti per ottimizzare le informazioni ed i messaggi indirizzati soprattutto a giovani ed adolescenti.

panchina-rossa-civitanova-1-650x488

panchina-rossa-civitanova-no-violenza-donne-2-650x519

Eleonora Tizzi, Cristian Muscelli, Samuele Cognigni, Barbara Capponi, Ilaria Bompadre, Katia Marilungo

panchina-rossa-civitanova-no-violenza-donne

Cristian Muscelli e Samuele Cognigni

Eleonora-Tizzi-Barbara-Capponi-Maria-Lina-Vitturini-Elena-Leonardi

Da sinistra: Eleonora Tizzi, Barbara Capponi, Maria Lina Vitturini, Elena Leonardi

Getta acido e accoltella una donna, choc nel centro di Civitanova

Accoltella e tira acido alla fidanzata: condannato a 8 anni



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X