Overtime, brindisi finale
con uno sguardo al 2022

MACERATA - La bellezza sarà il tema della prossima edizione
- caricamento letture

 

Sacchi-Parcaroli-Pistarelli_Spagnuolo

Riccardo Sacchi, Sandro Parcaroli, Fabio Pistarelli e Michele Spagnuolo

 

Overtime si è concluso ieri sera con il tradizionale brindisi e l’annuncio del tema del prossimo anno.  Il Festival nazionale del racconto e dell’etica sportiva torna nel 2022 a fine settembre per la dodicesima edizione dedicata alla “bellezza”.

Presenti all’ultimo appuntamento Fabio Pistarelli, capo di gabinetto del presidente della Regione Francesco Acquaroli, il sindaco di Macerata Sandro Parcaroli e l’assessore allo Sport Riccardo Sacchi che non hanno voluto mancare alle anticipazioni di Overtime.

«Un Festival che ha fatto delle cose straordinarie, merito di una grande squadra che ha saputo battere tutte le difficoltà di questo periodo – ha affermato Pistarelli – . Oltre alle restrizioni per contenere la diffusione della pandemia, si è aggiunto il maltempo; ma nulla ha fermato il successo di questa manifestazione a cui la Regione dà il sostegno per l’importanza dei messaggi che diffonde, evidenziando valori e principi della vita e dello sport».

Il sindaco Parcaroli ha lanciato poi lo sguardo in avanti: «Nel 2022 saremo Città Europea dello Sport, faremo grandissime cose». Ha proseguito l’assessore Sacchi: «Overtime parla magistralmente di sport; sport come medicina per il corpo e per l’anima, soprattutto dopo questa pandemia che ha condizionato gli ultimi due anni della nostra esistenza. La modalità con cui il Festival approfondisce la tematica è pienamente al centro dell’attività amministrativa della Regione e del Comune. Un plauso agli organizzatori: tanta fantasia, tanto ingegno e impegno per ottenere un grande successo con cuore e poesia».

contest-cucinaVa in archivio un’edizione importante che, se ce ne fosse ancora bisogno, testimonia la crescita della manifestazione maceratese, ideata da Pindaro Sports & Events dei fratelli Angelo e Michele Spagnuolo, per contenuti e tematiche affrontate. «Abbiamo portato testimonianze importanti sui valori dello sport e della legalità ai ragazzi delle scuole, abbiamo vissuto delle ore straordinarie con gli atleti che hanno partecipato alle Paralimpiadi di Tokyo 2020 – ha dichiarato il direttore del Festival Michele Spagnuolo -, con il Comitato Paralimpico che è sempre più legato a Overtime: ci portiamo a casa un grandissimo insegnamento. Negli oltre cinquanta appuntamenti abbiamo dimostrato che i valori dello sport possono anche essere trasmessi con ironia: penso agli incontri, da tutto esaurito, con Piero Chiambretti, Maccio Capatonda e Pierluigi Pardo. Tematiche serie affrontate con il sorriso».

Un Festival che, grazie al sostegno fondamentale di Regione Marche, Comune di Macerata e Università di Macerata come partner, e alla partecipazione della città e delle sua realtà istituzionali, associative, economiche, durante i 5 giorni di eventi, dedicati ai colori dello sport ha parlato dell’azzurro con le vittorie delle varie nazionali italiane; dell’oro, argento e bronzo con le tante medaglie delle Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo; il rosa dello sport al femminile e il verde, simbolo dello sport sano e all’aperto.

contest-cucina2-325x217Overtime Festival ha ospitato due prestigiose anteprime nazionali e tanti protagonisti tra cui, oltre ai citati Capatonda, Pardo e Chiambretti, Federico Buffa, Cristiano Militello, Marco Ardemagni, Luca Pancalli, Gelindo Bordin, Beppe Signori, Alfredo Trentalange, Marino Bartoletti, Assunta Legnante, Giorgio Farroni, Stefano Travisani, Gianfelice Facchetti e infine Carlo Canna e Giancarlo D’Onofrio, venuti a Macerata grazie al sostegno del questore Vincenzo Trombadore.

Tra i riconoscimenti, Overtime ha assegnato alla squadra Pianeta Terra e Gli insaccati, composta dai ragazzi dell’Istituto Agrario di Macerata, rispettivamente il premio per il miglior piatto e il piatto più votato sui social, del contest Studenti ai fornelli, realizzato in collaborazione con Coop 3.0 e Tipicità; mentre nell’ambito della tradizionale rassegna Overtime Web Festival sono stati consegnati riconoscimenti a lo Slalom di Angelo Carotenuto e a l’Ultimo Uomo, alla presenza del suo fondatore Daniela Manusia, per aver dato vita a nuove, ricche proposte di informazione sportiva, a Alessandra Ortenzi e Federica De Stefani per aver esplorato il Web Journalism; al sito OA Sport per gli approfondimenti giornalistici realizzati durante le Olimpiadi di Tokyo 2020.

Overtime a passo di danza con Maccio Capatonda, Pardo e Ardemagni

Federico Buffa a colori per Overtime: dall’oro azzurro al giallo Super Lega «La Uefa ha solo vinto Gara1»

Chiambretti Night a Overtime festival: «Da quello scambio di bare tifai Torino»

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X