Estorsione a un operaio,
cadono le accuse contro l’imprenditore:
«Finalmente posso urlare la mia gioia»

CORRIDONIA - Il giudice ha archiviato l'indagine che coinvolgeva il 42enne Luca Marinucci, titolare di una impresa che da oltre 60 anni lavora nell'edilizia. «E' stata una vicenda agghiacciante, ho passato tre giorni agli arresti domiciliari. La giustizia però alla fine è arrivata ed è stato stabilito che non c'è stato nessun reato»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Confartigianato-CNA_Ricostruzione_FF-3-650x602

Luca Marinucci

 

Imprenditore arrestato per estorsione ad un operaio, l’indagine finisce con una archiviazione per non aver commesso il fatto. «Finalmente possiamo urlare la nostra felicità per la conclusione di questa agghiacciante vicenda che ci ha colpito 18 mesi fa circa» dice Luca Marinucci, 42 anni di Corridonia. Nell’aprile del 2019 era stato arrestato nel corso di una indagine nata da una denuncia di un dipendente dell’azienda di Marinucci, che sosteneva che da anni gli venisse estorto denaro dai datori di lavoro dietro la minaccia di licenziarlo. Marinucci, che sin da subito aveva detto che si era trattato di un equivoco, aveva comunque trascorso 3 giorni agli arresti domiciliari, poi il giudice all’udienza di convalida aveva disposto che potesse tornare libero. Una vicenda che ha provato la vita dell’imprenditore e del socio, che era stato invece denunciato. Poi la procura, svolte le indagini, ha ritenuto non vi fossero elementi di reato e ha chiesto l’archiviazione. Il gip Claudio Bonifazi, visti gli atti, ha quindi deciso di archiviare tutto. «Fin da subito abbiamo dichiarato che si trattava di un grosso equivoco, e come sempre accade, seppur con i suoi tempi, la giustizia arriva ed è molto precisa e schietta: archiviazione per non aver commesso il fatto – continua Marinucci -. Per una impresa come la nostra, che da oltre 60 anni opera nell’edilizia di tutta la provincia, non è stato facile vivere questa situazione.

tiziano-luzi

L’avvocato Tiziano Luzi

Il nostro grazie più grande va alla magistratura, alla Squadra mobile, alle nostre famiglie, all’avvocato (Tiziano Luzi, ndr) e a tutti gli amici che non ci hanno fatto mai mancare il loro affetto. La giustizia arriva sempre e anche se fa meno rumore dell’ingiustizia , è molto più forte e potente». A denunciare la presunta estorsione era stato un operaio senegalese, che si era rivolto ai sindacati. Da qui era partita l’indagine della Squadra mobile. Il dipendente lamentava che i datori di lavori gli avessero chiesto la restituzione di 500 euro, dietro la minaccia di licenziarlo. La polizia si era attivata e quando il dipendente aveva dato i soldi all’imprenditore erano scattate le manette. Però le successive indagini hanno dimostrato che non c’era nessuna estorsione, «il dipendente aveva equivocato la situazione» continua Marinucci. Che dopo la decisione del giudice aggiunge «è stata una vicenda umana molto difficile, anche se ero convinto della mia innocenza restavo comunque appeso ad un filo, in attesa della decisione del giudice». Oltre a voler rimarcare la propria innocenza «In questo momento difficile il nostro vuole essere un segnale di speranza nel futuro. Dedicato a tutti quelli che come noi si alzano ogni giorno all’alba prodigandosi nel proprio lavoro con passione e che troppo spesso vengono attaccati da più fronti senza mai perdere la speranza nella giustizia».

(Gian. Gin.)

***

Luca Marinucci specifica: «Ringrazio tutti coloro che hanno espresso vicinanza a me ed al mio socio. Vorrei precisare che nessun rimprovero può essere mosso al nostro dipendente che si è sempre comportato correttamente con l’azienda. Nessuna calunnia deve essere rilevata nel suo comportamento perché si è trattato solo di un malinteso che è stato chiarito a seguito di verifiche circa il dare-avere tra lui e l’azienda, anche nella vicenda nella quale involontariamente sono stato coinvolto».

 

Estorsione, libero l’imprenditore: «Si è trattato di un equivoco, chiariremo anche col dipendente»

 

Estorsione a un dipendente: arrestato imprenditore edile Denunciato il socio



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X