Area Vasta 3, Carlo Di Falco
è il nuovo direttore sanitario

LA NOMINA della dirigente regionale Nadia Storti dopo una selezione che ha visto coinvolti quattro medici, due dei quali si sono poi ritirati
- caricamento letture
carlo-di-falco

Carlo Di Falco

 

di Luca Patrassi

E’ un molisano di Guglionesi il nuovo direttore sanitario dell’Area Vasta 3 dell’Asur: si chiama Carlo Di Falco, ha 65 anni (quindi prossimo alla pensione) e l’ultimo incarico è stato di direzione sanitaria in un ospedale della provincia teramana. Di Falco si è laureato in Medicina a Chieti con il massimo dei voti e la lode, ha due specializzazioni, in Gastroenterologia e in Igiene, entrambe con il massimo dei voti e la lode, molte pubblicazioni scientifiche, incarichi direttivi in Abruzzo e in Campania come direttore sanitario di due importanti cliniche private, docente universitario della D’Annunzio a Chieti e della Cattolica del Sacro Cuore a Campobasso, responsabile regione della federazione dei medici cattolici. Di Falco – che è anche stato sindaco del suo paese di origine, un paese di oltre cinquemila abitanti – era anche nell’elenco degli idonei all’incarico di dirigente dell’azienda sanitaria della Regione Marche. La nomina da parte della Regione è avvenuta nei giorni scorsi e dovrebbe essere operativa tra pochi giorni, il tempo evidentemente di definire le procedure burocratiche iniziando dalla firma dei relativi contratti. La nomina è stata firmata dalla dirigente regionale Asur Nadia Storti dopo una selezione che ha visto coinvolti quattro medici, due dei quali si sono poi ritirati. Non già dunque del nuovo governatore Francesco Acquaroli che sarà chiamato a nominare il nuovo direttore generale dell’Area Vasta 3, vacante dal luglio scorso, quando si dimise Alessandro Maccioni. Fino ad oggi il ruolo di direttore sanitario era stato invece provvisoriamente ricoperto dalla dottoressa Giorgia Scaloni. La notizia si è diffusa nella serata di oggi ed è risultato impossibile contattare i protagonisti della nomina al vertice dell’azienda sanitaria maceratese.

 

 

Maccioni saluta a sorpresa l’Av3 e si trasferisce in Umbria

«La mia scelta di andare in Umbria? Ho deciso di rimettermi in gioco, nessuna tresca politica»

Ceriscioli sulle dimissioni di Maccioni: «Lo capisco, l’emergenza è stata tosta»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X