Mangialardi parte da Ancona:
«Rendiamo le Marche
protagoniste d’Europa»

REGIONALI – Lo slogan che riunisce sotto il suo cappello la coalizione di centrosinistra è #Insieme per le Marche. A fare gli onori di casa nel kick off la sindaca dorica Valeria Mancinelli. Il segretario dem Gostoli: «il nostro candidato non viene scelto a Roma»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

mangial

La coalizione di centro sinistra alla Mole

 

di Martina Marinangeli (foto di Giusy Marinelli)

Per il kick off della campagna elettorale, il centrosinistra ed il suo candidato Maurizio Mangialardi scelgono la corte della Mole ad Ancona, con la sindaca Valeria Mancinelli a fare gli onori di casa. Il Pd si è buttato alle spalle le lacerazioni tra correnti interne ed ora marciano tutti uniti e compatti a sostegno del presidente Anci e primo cittadino di Senigallia. Lo slogan suggella il patto: #insieme per le Marche.

mang-mancinelli

Mangialardi con il sindaco Mancinelli

E nessuno degli alleati manca all’appello. A chiudere il cerchio mancherebbe solo l’ex rettore della Politecnica Sauro Longhi, a cui Mangialardi ha teso la mano: «ci siamo sentiti e ho detto che siamo disponibili. Voleva costruire il centrosinistra ed il centrosinistra è già qui. La porta a quel progetto ed a quelle sensibilità è sempre aperta». È già perfettamente calato nel ruolo che lo investe della leadership del centrosinistra nella tornata elettorale più difficile che si troverà ad affrontare, ed i vertici dei partiti alleati sono tutti lì ad applaudirlo. «Non sono stato scelto a Roma – ci tiene a rimarcare Mangialardi, non lesinando la stoccata al centrodestra ancora impantanato nelle paludi nazionali -, ma è stato un riconoscimento del lavoro fatto in una città che è diventata protagonista delle Marche: facciamo le Marche protagoniste dell’Europa». Frutto di una paziente opera di concertazione tra maggioranza e minoranza dem, la candidatura di Mangialardi è stata battezzata dal governatore uscente Ceriscioli, con il placet dei big Ricci e Mancinelli. E la sindaca, nell’aprire il giro degli interventi, presenta le istanze della città, sottolineando il «ruolo ancor più da protagonista che avrà il capoluogo, che ha responsabilità in più rispetto agli altri Comuni». Al primo punto della lista delle priorità, la prima cittadina pone le infrastrutture, «per troppo tempo solo tema di competizione in campagna elettorale. Ora dobbiamo far in modo che le Marche tutte e le forze politiche tutte aprano una vertenza con il governo centrale. Chiunque vincesse le elezioni, deve proporre un patto per questo tema». Al “chiunque” scaramantico, Mangialardi replica sicuro: «vinciamo noi Valeria». A ruota, sono poi intervenuti i rappresentanti delle forze politiche e civiche dell’alleanza: Gianluca Carrabs (Verdi), Maurizio Cionfrini (Partito socialista italiano), Mattia Morbidoni (+ Europa), Massimo Montes (Articolo 1), Massimiliano Bianchini (Civici uniti per le Marche), Fabio Urbinati (Italia Viva), Emanuela Lanfranchi (Demos), Tommaso Sanna (Lista Centro), Tommaso Fagioli (Azione), Stefano Ghio (Le nostre Marche – Italia in Comune).

mole-mangPresenti poi, tra gli altri, anche il capogruppo consiliare dem Francesco Micucci, i segretari delle federazioni provinciali, i consiglieri regionali Talè (Iv) e Rapa (Psi). «Altri decidono nei palazzi romani, noi la nostra scelta l’abbiamo fatta qui perché il destino dei marchigiani si gioca nelle Marche – rigira il dito nella piaga degli avversari il segretario dem Giovanni Gostoli, chiudendo l’elenco -. Il nome dell’avversario conta poco. La cosa più importante sono il progetto ed i marchigiani. Il centrosinistra è unito e compatto mentre gli altri ancora devono decidere a Roma mettendo sul tavolo non tanto le Marche ma le questioni legate alla Puglia e alla Campania. Quella di Mangialardi è una proposta che può rappresentare una fase nuova, nata da moltissimi sindaci e che ha raccolto attorno a sé un consenso ampio non solo nel centrosinistra ma capace di andare oltre e di attirare anche le migliori forze civiche», ed annuncia il Piano per le Marche a cui sta lavorando la coalizione di centrosinistra, «che avrà come priorità l’emergenza Coronavirus e la necessità di sostenere famiglie, imprese e professionisti che sono in difficoltà ma che al tempo stesso metterà al centro un piano di rinascita puntando su temi come sanità, formazione, lavoro e riduzione delle tasse per una Regione più vicina ai bisogni dei marchigiani».

mang

WhatsApp-Video-2020-06-19-at-17.23.09.mp4_snapshot_00.00_2020.06.19_19.51.51

regionali-Mangialardi-DSC_0519-650x433-1

regionali-Mangialardi-DSC_0611-650x433-1
regionali-Mangialardi-DSC_0591-650x433-1
regionali-Mangialardi-DSC_0480-Valeria_Mancinelli-650x433-1

regionali-Mangialardi-DSC_0447-Giovanni_Gostoli-650x433-1
mang-mancinelli-650x488-1

mangial-650x488-2
mole-mang-650x488-1
regionali-Mangialardi-DSC_0419-650x433-1
regionali-Mangialardi-DSC_0539-650x433-1

regionali-Mangialardi-DSC_0552-650x433-1

Maurizio Mangialardi

regionali-Mangialardi-DSC_0587-Favia-650x433-1
regionali-Mangialardi-DSC_0672-Gianluca_Carrabs-650x433-1
regionali-Mangialardi-DSC_0692-Mattia_Morbidoni-650x433-1
regionali-Mangialardi-DSC_0844-Gostoli-650x433-1
regionali-Mangialardi-DSC_0716-Stefano_Ghio-650x433-1
regionali-Mangialardi-DSC_0703-Diletta_Doffo-650x433-1
regionali-Mangialardi-DSC_0696-650x433-1



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X