Cala il sipario per «l’angelo guerriero»
Macerata applaude Rodolfo Craia
(Foto-Video)

LA CITTA' ha dato l'addio all'attore che si è spento a 69 anni. Dai ricordi della nipote, al fratello Vittorio che ha suonato il piano, alla poesia Funeral blues, ai messaggi degli amici e dei colleghi. Il cugino Silvio Craia: «Ci davi il la per le belle cose». Guido Garufi: «Ci ha lasciato gentilezza e allegria». Nella sua ultima stanza, all'hospice di Treia, si è circondato di arte e cultura
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
I Turkish Cafe suonano all'uscita del feretro

 

montaggio-rodolfo-craia

 

di Giovanni De Franceschi (foto Fabio Falcioni)

«Sei nella nostra vita, nella nostra musica, in ogni nota e in ogni pensiero. L’amore vince sempre e tu angelo guerriero hai combattuto e hai vinto». Sono queste le parole che ha usato Michela Craia per ricordare suo zio Rodolfo, nel giorno dell’addio. E’ stata la chiesa Santa Madre di Dio a fare da palcoscenico all’ultima apparizione terrena dell’attore maceratese morto domenica all’età di 69 anni.

rodolfo-craia-1-325x325

Rodolfo Craia

A causa delle misure anti covid la maggior parte delle persone ha dovuto assistere fuori. Tra gli altri erano presenti l’ex sovrintende dello Sferisterio Claudio Orazi, il sindaco Romano Carancini, l’assessore Narciso Ricotta, i consiglieri comunali David Miliozzi e Ivano Tacconi,  il segretario del Pd Stefano Di Pietro, gli attori Piero Piccioni ed Enrico Di Troia, il poeta Guido Garufi, il pianista jazz Mike Melillo, i  “suoi” ragazzi di Studio teatro, l’associazione con cui insegnava teatro appunto con Unimc. Tante, due o forse trecento, le persone che non sono volute mancare e che si sono strette in un abbraccio simbolico intorno ai familiari: le sorelle Naida e Anna Grazia, i fratelli Ezio, Vittorio e Luigino, la compagna Manuela Grelloni, il cugino Silvio, artista e pittore, i nipoti. Sono stati proprio i “suoi” ragazzi a dare il la alla cerimonia: i Turkish Cafe (Veronica Punzo, Julian Corradini e Giacomo Diomedi) cantando e suonando l’Hallelujah. Prima lettura affidata invece al sindaco Carancini, poi le parole di don Carlos, il parroco.

RodolfoCraia_Funerale_MichelaCraia_FF-7-325x217

La nipote Michela Craia

«Il primo incontro con Rodolfo – ha raccontato – è avvenuto due anni fa durante la benedizione alle famiglie. Lui mi aprì subito la porta e mi disse che anche se non era praticante era profondamente religioso. Se avessi condiviso più tempo con lui, avrei imparato molto di più. In fondo anche la messa è una rappresentazione. Aveva insegnato a non essere mediocri, superficiali, non aveva sprecato i suoi talenti. Ringraziamo Dio per ciò che Rodolfo ha dato a molti di noi, il suo pensiero resterà inciso nella roccia». E’ stato poi il fratello Vittorio ad improvvisare alla pianola, mentre il collega Piccioni ha letto la poesia Funeral Blues di Auden. «Lui era il mio Nord, il mio Sud, il mio Est ed Ovest – recitano due delle quattro strofe – la mia settimana di lavoro e il mio riposo la domenica, il mio mezzodì, la mezzanotte, la mia lingua, il mio canto; pensavo che l’amore fosse eterno: e avevo torto. Non servon più le stelle: spegnetele anche tutte; imballate la luna, smontate pure il sole; svuotatemi l’oceano e sradicate il bosco; perché ormai più nulla può giovare».

RodolfoCraia_Funerale_Garufi_FF-6-325x217

Guido Garufi

Ed è così tra musica, poesia, arte e rappresentazione che la cerimonia è andata avanti. Garufi ha recitato una delle sue poesie (Spiaggia, tratta dal libro “I fratelli”) per parlare del corpo che si trasforma in energia, ha recitato il Macbeth di Shakespeare e Difesa della poesia di Shelley per ricordare come in fondo i poeti sono «i legislatori non riconosciuti del mondo» e «l’arte una religione». Proprio come era per Rodolfo. «Che – ha aggiunto Garufi – la sua energia l’ha messa sempre in campo. Ha fatto la sua battaglia agonistica con quella vitalità che gli era propria e che ha generato anche invidia e rancore nei suoi confronti. Ma lui ci ha lasciato gentilezza e allegria. Una ventina di giorni fa mi scrisse “Salutami i ragazzi della piazza”». Anche il cugino Silvio ha parlato di bellezza riferendosi al nipote. «Sei stato grande – ha ricordato – hai sofferto molto, ma sei sempre stato stato quello che ci dava il la alle belle cose. E sta tranquillo, adesso incontrerai tua zia e tua figlia». Craia infatti aveva perso la figlia Irene a 38 anni nel 2015. «La morte non è una luce che si spegne. E’ mettere fuori la lampada perché è arrivata l’alba», sono state le parole del poeta bengalese Rabindranath Tagore, recitate dal doppiatore, Di Troia a chiudere le orazioni. Prima che il feretro uscisse “scortato” da una pioggia di applausi.

Senza-nome-1-325x236

Letizia Bellabarba e Michele Biondini

Di Troia ha poi anche ricordato la stanza che Rodolfo Craia aveva allestito all’hospice di Treia, dove ha affrontato l’ultimo periodo della sua malattia. Una stanza dove a farla da padrone era l’arte, la cultura. Tanto che «i medici e gli infermieri – ha raccontato l’amico e collega – di solito andavano a trovarlo per ritemprarsi prima di prendere servizio. Non ha mai mollato, ha sempre creduto di potercela fare. Il suo più grande rimpianto è stato quello di non essere riuscito a vedere i nipoti, e il mio quello di non essere andato da loro per dire che avevano un nonno». E due dei suoi ragazzi di “Studio teatro” hanno ricordato come gli insegnamenti e l’amore di Rodolfo per l’arte abbiano passato generazioni. «Non è stato solo un formatore, ma colui che ha dato una svolta alle nostre vite», ha spiegato Letizia Bellabarba. «Era una persona dal cuore grande che non è stata ben compresa a Macerata – ha aggiunto Michele Biondini – Aveva una cultura sopraffina, un’umanità giovanile, ha dato tanto a tanti. Ma non ha ricevuto lo stesso dagli altri. Condivideva la stessa energia e gli stessi sentimenti di noi ragazzi, lasciava sempre un sempre un segno, c’è riuscito persino con i bambini delle Medie. Non vendeva la cultura, te la faceva amare, perché era lui il primo ad amarla».

RodolfoCraia_Funerale_SilvioCraia_FF-8-650x434

Silvio Craia

RodolfoCraia_Funerale_VittorioCraia_FF-2-650x434

Il fratello Vittorio Craia durante l’improvvisazione alla pianola

RodolfoCraia_Funerale_ClaudioOrazi_FF-9-650x434

L’ex sovrintendente dello Sferisterio Claudio Orazi

RodolfoCraia_Funerale_MikeMelillo_FF-10-650x434

Il pianista jazz Mike Melillo

RodolfoCraia_Funerale_Carancini_FF-1-650x434

Il sindaco Romano Carancini

RodolfoCraia_Funerale_FF-3-650x434

Il feretro in chiesa

RodolfoCraia_Funerale_FF-16-650x434

La folla fuori dalla chiesa

RodolfoCraia_Funerale_FF-18-650x434

Giacomo Diomedi e Julián Corradini dei Turkish Cafe

RodolfoCraia_Funerale_FF-19-650x434

RodolfoCraia_Funerale_FF-20-650x434

RodolfoCraia_Funerale_FF-15-650x434

RodolfoCraia_Funerale_FF-14-650x434

RodolfoCraia_Funerale_FF-13-650x434

RodolfoCraia_Funerale_FF-12-650x434

RodolfoCraia_Funerale_FF-11-650x434

stanza-rodolfo-craia-3-650x460

La stanza di Rodolfo Craia all’ospedale di Treia con la touch art della compagna Manuela Grelloni

stanza-rodolfo-craia-1-488x650

stanza-rodolfo-craia-2-488x650

Macerata piange Rodolfo Craia Una vita per il teatro

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X