Il patto di sei ragazze,
nuova casa per salumi e carne:
filiera a chilometri zero

IMPRESA - Le giovani sono la seconda generazione di due famiglie che da 50 anni operano nel settore. Ora hanno unito le forze con un nuovo punto vendita a Sant'Angelo in Pontano
- caricamento letture

 

Gloria-Pacioni-Katia-Montirotti-e-Arianna-Pacioni

Gloria Pacioni, Katia Monterotti e Arianna Pacioni

 

Sei ragazze uniscono le forze per creare un punto vendita di salumi e carni, tutto a chilometri zero. La nuova realtà, Filieragricola, ha radici antiche e da oggi è operativo a Sant’Angelo in Pontano (località Passo Sant’Angelo). Radici antiche perché tutto nasce dalle famiglie delle sei giovani. Ci sono Walter e Maurizio Pacioni, che da una cinquantina d’anni allevano maiali e c’è l’altra famiglia, quella di Fabrizio Monterotti, storico artigiano produttore di insaccati, a Sarnano. La nuova generazione è composta dalle figlie di Walter, Valentina e Arianna, da quelle di Maurizio, Ramona e Gloria, e da quelle di Fabrizio, Genny e Katia. Pacioni e Monterotti hanno unito le forze (l’allevamento a Sant’Angelo in Pontano, lo stabilimento di produzione e due punti vendita, di cui uno mobile, a Sarnano), l’amore per il territorio e hanno deciso di puntare tutto sul chilometro zero. La filiera è interamente aziendale: i prosciutti, i salami e tutti gli altri insaccati sono prodotti con maiali propri, nutriti con i cereali coltivati su terreni di proprietà. Le altre carni arrivano tutte da aziende della zona. La festa di inaugurazione nel nuovo negozio, realizzato sulle ceneri di una vecchia macelleria di paese, doveva tenersi il mese scorso ma il calendario non aveva previsto l’emergenza sanitaria e le restrizioni agli spostamenti e alle attività economiche. Qualche ritardo dovuto a problemi di logistica per l’allestimento degli interni non ha fatto venire meno la capacità di rimboccarsi le maniche e la volontà di andare avanti. Intanto Filieragricola è già operativa.

FilieragricolaQuesta mattina, ad augurare buon lavoro alle ragazze è andato Giordano Nasini, direttore di Coldiretti Macerata. Filieragricola ha subito aderito alla rete di Campagna Amica e oltre a servire i residenti del territorio comunale, ovviamente nel rispetto di tutte le misure di sicurezza per evitare il contagio da Covid-19, ha avviato anche il servizio di consegne a domicilio per quanti non possono o preferiscono non spostarsi da casa. «Una bella iniziativa che in tempi di crisi su più versanti ci restituisce un segnale di speranza – commenta Francesco Fucili, presidente di Coldiretti Macerata – Queste giovani, sul solco della tradizione delle loro famiglie, hanno deciso di fare investimenti importanti puntando sul territorio e sulla filiera agricola. La loro intenzione è quella di valorizzare i prodotti locali, proprio come insegna Coldiretti. Non possiamo che congratularci con loro e invitare tutti i consumatori a premiare queste realtà continuando a scegliere prodotti locali per la loro spesa alimentare». Insieme a Filieragricola ci sono una ventina di aziende agricole della provincia di Macerata che effettuano il servizio di consegna a domicilio. L’elenco, sempre aggiornato, è sul sito di Coldiretti Macerata (https://macerata.coldiretti.it/news/coldiretti-macerata-gli-agricoltori-di-campagna-amica-consegnano-la-spesa-a-domicilio/) o sulla pagina Facebook di Coldiretti Marche.

da-sinistra-Gloria-Katia-e-Arianna.-Accosciato-il-direttore-Giordano-Nasini

Da sinistra: Gloria, Katia e Arianna con Giordano Nasini



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X