Ospedale Covid Civitanova, Marzetti:
«Leciti i dubbi sul futuro della struttura»
Silenzi: «Polemiche fake di Ciarapica»

LE POSIZIONI dei consiglieri di maggioranza e opposizione dopo l'allarme lanciato dal sindaco. Marzetti pone dubbi sul futuro riassetto e chiede chiarezza. Per Silenzi è una "fake news" sollevata ad arte
- caricamento letture
ospedale-trasferimenti-e-pronto-soccorso-civitanova-FDM-3-650x488

L’ospedale di Civitanova

 

«Condivido le preoccupazioni del sindaco sul futuro dell’ospedale. E poi pongo un interrogatorio, serve ancora il polo per Covid alla fiera? Il sindaco ha autorizzato l’ uso della fiera perché costretto da una situazione di estrema emergenza e perché Ceriscioli altra risposta non era capace di darla: adesso, di fronte al buio più assoluto, e di fronte all’ enorme patrimonio inutilizzato dell’ Asur, fa bene a preoccuparsi, e forse anche a non fidarsi».

sergio-marzetti-civitanova-3-400x267

Sergio Marzetti

Si inserisce così Sergio Marzetti nel dibattito sul futuro della riorganizzazione ospedaliera nella fase due. E anche il consigliere di maggioranza esprime dubbi sulla necessità di investire 12 milioni in una fiera e poi vedere depotenziato l’ospedale: «non sembrano esserci garanzie su trasparenza e obiettivi futuri -scrive Marzetti – ignorare, per esempio, la richiesta fatta dai sindaci delle città più importanti della Provincia e dal comitato Pro Ospedali pubblici, sulla opportunità di accantonare l’ idea dell’ ospedale unico, in attesa di schiarite sul Covid-19, e di ridisegnare un Piano sanitario che tenga conto di eventuali emergenze, vuol dire eludere quel confronto che sostanzialmente non c’è mai stato. Le preoccupazioni del sindaco sono quelle di tutta la città. Tutti, infatti, condividono i timori che il Coronavirus provoca, ma tutti condividono anche i danni che si profilano nel post emergenza, la crisi economica, le difficoltà della ripresa, lo spettro della disoccupazione, la paventata chiusura di molte attività, per non parlare del settore turistico. Il sindaco, nei confronti del quale non ho mai lesinato critiche si preoccupa di questo ed è legittimo che pretenda posizioni rigorose e non vaghe dichiarazioni, sfuggendo alle sue responsabilità, come ha fatto con l’ algoritmo per il collocamento dell’ ospedale unico, comodo strumento per glissare su una scelta politica seria ed opportuna, che non avrebbe mai collocato la maxi struttura ospedaliera sopra una discarica senza infrastrutture». E sulla struttura alla fiera mostra perplessità: «servirà ancora dopo il Covid 19, e non si sa per quanto tempo ancora. Micucci sa benissimo dove si trova,  a diretto contatto con l’Eurosuole Forum dove gioca la Lube, contro avversari che vengono da tutta Italia e anche dall’ Europa, a ridosso del centro commerciale più importante della regione e tra i più importanti del centro Italia. Non so se la presenza di un ospedale che cura infetti sia un richiamo o un invito alla fuga».

consiglio-comunale-civitanova-3-325x217

Giulio Silenzi

Punta invece il dito contro il sindaco il capogruppo del Pd Giulio Silenzi che definisce una “fake news” le esternazioni di Ciarapica sulla riorganizzazione di Civitanova a presidio stabile Covid. «Dichiarazioni senza alcuna attinenza coi fatti, da quali documenti attinge Ciarapica? – chiede Silenzi – non esiste. Ciarapica parla infatti di generiche voci. Il suo è dunque solo un allarme senza fondamento a cui ricorre per distogliere l’attenzione dal fatto che non riesce a trovare mascherine da distribuire ai civitanovesi, che non è riuscito a organizzare prima di Pasqua la distribuzione dei buoni alimentari ai suoi concittadini, esponendoli oltretutto a vergognose file in piazza. Da lui finora solo post e foto per apparire e visto che tra l’altro Civitanova è un Comune che ancora non ha un bilancio 2020, inventa la fake dell’ospedale di covid a vita. Tutto avviene tramite post, e senza alcun atto scritto, terreno su cui Ciarapica ancora una volta dimostra tutta la sua debolezza già emersa nella vicenda dell’ospedale unico con il sindaco di Macerata Carancini che è riuscito a far passare criteri per portare la struttura alla Pieve con il commento giulivo di Ciarapica che disse “oggi é una giornata felice”. O nell’altra scandalosa questione del salasso sulle tariffe dell’acqua, pagato in sede di ambito idrico dai civitanovesi, complici gli errori di Ciarapica, mentre l’ex primo cittadino di Recanati, Fiordomo, portava a casa sostanziali risparmi per la propria città. Anche stavolta Ciarapica ha dimostrato di essere più bravo con Facebook che nell’attività amministrativa e infatti il 3 aprile, con la sua giunta, ha votato una delibera per concedere alla Regione la Fiera in comodato d’uso gratuito così che possa essere trasformata in maxi ospedale 100 posti terapia intensiva. In quel documento, in cambio dell’apporto generoso che la città stava dando alla soluzione dell’emergenza covid, non è stato inserito nessun documento per chiedere future garanzie alla Regione, per ottenere ad esempio finanziamenti destinati ad ultimare i due piani dell’ospedale e per il suo potenziamento. Un buon amministratore avrebbe fatto un accordo scritto e, se invece di scansarla con disprezzo e supponenza, avesse ascoltato la mia proposta a firmare una convenzione, oggi avrebbe in mano documenti scritti e non vuoti post allarmistici. Ancora una volta il sindaco sceglie di cavalcare la paura per nascondere le sue incapacità, atteggiamento grave e irresponsabile in un momento in cui c’è invece bisogno di rapportarsi con i cittadini con onestà e verità».

Micucci: «Ciarapica il solito populista L’ospedale tornerà come prima»

Ciarapica: «L’ospedale di Civitanova non diventerà polo stabile Covid»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X