facebook twitter rss

Il procuratore generale:
«Preoccupato dal consumo di droga,
nel Maceratese la domanda è enorme»

INTERVISTA - Dallo spaccio di stupefacenti alle mafie silenti, Sergio Sottani ha analizzato le criticità in regione
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
42 Condivisioni

Il procuratore generale Sergio Sottani

 

di Maria Elena Grasso (Foto di Simone Corazza)

«Un problema che mi preoccupa molto è quello legato ai reati di traffico di stupefacente, mi preoccupa perché c’è una grossa richiesta, nella provincia di Macerata c’è una domanda enorme di droga, specialmente da parte di giovani. C’è un problema di giovani che fanno ricorso a sostanze stupefacenti che colloca la regione ai vertici nazionali». Così il procuratore generale Sergio Sottani nel corso di una intervista a Cronache Fermane e Radio FM1. Sottani ha parlato anche di mafie silenti e codice rosso.

Argomenti che aveva già toccato nel corso dell’inaugurazione dell’anno giudiziario. Il procuratore ha descritto le Marche come un territorio che può vantare un tessuto sociale sano, un dipartimento che lavora e che si caratterizza per un rapporto di grande fiducia nelle forze dell’ordine. Allo stesso tempo però va superato il concetto dell’isola felice: «Parlarne in questi termini – ha specificato – sarebbe anacronistico. Dal punto di vista economico le Marche stanno bene. E’ sicuramente una regione con anticorpi forti. Uno dei fattori da considerare con attenzione sul territorio è sicuramente quello connesso alle infiltrazioni mafiose, legate anche al distretto calzaturiero. Qui la mafia assume connotazioni diverse, adeguandosi alle peculiarità della realtà locale; non ci sono infatti le classiche dinamiche legate all’omertà o al pizzo ma ha assunto forme diverse. Si tratta piuttosto una ‘mafia silente’, di azioni che prosperano nell’illegalità. Pensiamo al riciclaggio di denaro, prima tappa degli illeciti caratteristici delle organizzazioni criminali».

Non poteva mancare il riferimento al distretto calzaturiero Fermano-Maceratese dove le numerose aziende che si trovano ad affrontare la crisi, rappresentano un aspetto vulnerabile nel tessuto sociale marchigiano e dunque possibile preda di eventuali situazioni malavitose. «Nel settore dell’imprenditoria a volte è difficile ottenere il credito, soprattutto in un momento di crisi  come quello che si sta attraversando, con le banche che diventano più selettive nell’accesso al credito – ha spiegato il procuratore generale –  e questa problematicità potrebbe portare l’imprenditore a reperire il denaro presso fonti alternative, tipo gli usurai. Il sistema ideale è un sistema che sia rispettoso delle regole, – ha sottolineato il Procuratore – lì, la mafia troverebbe un sistema impermeabile. La criminalità riesce a penetrare solo se incontra un settore in situazione di malattia, e così opera con effetti devastanti». A proposito di post sisma, il bivio davanti a cui si trovano province come quella di Fermo, Ascoli e Macerata, vede da una parte le richieste delle popolazioni di una ricostruzione rapida, dall’altra la necessità di rispetto della piena legalità per scongiurare il rischio concreto di infiltrazioni mafiose nel settore edile. Sottani ha precisato: «Anche in questo contesto  la mafia riesce ad insinuarsi. Negli anni del mio mandato ho cercato di unire due elementi indispensabili: la legalità e la necessità di ricostruire in tempi rapidi. Sui contributi pubblici a livello europeo che saranno destinati alle opere di ricostruzione, sono certo che la mafia non rimarrà indifferente di fronte ad una circostanza così allettante».

Paolo Paoletti, direttore di Cronache Fermane con Sergio Sottani

Sul tema degli illeciti più comuni, legati alla quotidianità, Sottani ha delineato uno scenario preoccupante in riferimento soprattutto ai reati che riguardano la violenza sulle donne e la diffusione di sostante stupefacenti tra i giovani. «La nuova normativa ‘Codice Rosso’,  è sicuramente molto valida ma, a mio avviso, l’aspetto da migliorare ed integrare è la mancanza di un collegamento con i centri anti-violenza e con i servizi sociali. Resta il fatto che un aumento delle denunce può rappresentare un segnale positivo in quanto si sta superando quel muro di silenzio e paura che purtroppo caratterizza queste situazioni quanto mai delicate».

 

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X