facebook twitter rss

«Il Comune faccia lavorare
chi ha il reddito di cittadinanza»

MACERATA - La proposta di Tacconi (Udc) sarà discussa lunedì: «Altrimenti ci si gongola con il sussidio. Ci sono industriali che non trovano persone da assumere»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
207 Condivisioni

Ivano Tacconi

 

di Federica Nardi

«Il Comune affidi a chi riceve il reddito di cittadinanza dei lavori utili alla comunità, anche piccole manutenzioni». Questa la proposta di Ivano Tacconi, capogruppo Udc a Macerata, in calendario per il prossimo Consiglio comunale di lunedì.

L’ordine del giorno è stato presentato a novembre ma da allora la discussione è slittata, passando all’anno nuovo. Le ragioni della richiesta di Tacconi hanno a che fare con l’impatto del reddito di cittadinanza sul mercato del lavoro: «Ci sono industrali, anche marchigiani, che non riescono a trovare operai e dipendenti perché preferiscono percepire il reddito di cittadinanza che lavorare». Per questo motivo Tacconi chiede al Comune di «recuperare l’elenco dei percettori del reddito di cittadinanza tramite l’Inps e di farli lavorare. Ad esempio su piccole manutenzioni. Altrimenti ci si gongola con il reddito di cittadinanza». Tacconi sostiene inoltre che l’operazione è fattibile: «C’è una circolare del ministero che conferma quanto chiedo e che ho allegato all’ordine del giorno». Nella provincia di Macerata all’inizio del 2019 si stimava che circa 10mila persone avrebbero usufruito del reddito di cittadinanza. Nelle Marche, fino a novembre, sono state accolte circa 13mila richieste.

Reddito di cittadinanza: accolta la metà delle domande

Reddito di cittadinanza, si accende il dibattito: «10.800 i beneficiari in provincia»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X