Caos scuole, licenziate otto maestre
«E altre 100 rischiano di esserlo a breve»

IL PROBLEMA nel Maceratese è nato dopo il pronunciamento del Consiglio di Stato che aveva escluso dalle graduatorie ad esaurimento i diplomati magistrali e il rigetto dei successivi ricorsi. Ugo Barbi, segretario Snals: «E' una situazione paradossale, c'è una mancanza legislativa e si lascia ai giudici la facoltà di decidere»
- caricamento letture

classe-banchi-vuoti-a-scuola

 

A un passo dal caos nelle scuole dell’infanzia e primarie della provincia. Otto maestre già sono state licenziate, altre 100 rischiano di esserlo a breve. Il tutto mentre proprio nelle stesse scuole si fa fatica a trovare insegnanti, specie di sostegno. E’ la paradossale situazione che si è venuta a creare dopo il pronunciamento del Consiglio di Stato del dicembre 2017, che aveva escluso dalle Graduatorie ad esaurimento, le maestre con diploma magistrale conseguito prima del 2001-2002. Le stesse a cui prima era stato concesso di insegnare con il solo diploma, tanto che molte erano anche diventate di ruolo nel frattempo.

ugo-barbi

Ugo Barbi, segretario provinciale della Snals

Il problema è iniziato quando sono cambiate le carte in tavola e per accedere all’insegnamento come maestri è stata richiesta la laurea in Scienze della formazione. Da qui la controversia giudiziaria: con i laureati che si sono visti scalcare dai diplomati,  e con quest’ultimi che sono stati inseriti nelle graduatorie con riserva. Fino alla pronuncia del Consiglio di stato e al rigetto dei successivi ricorsi che ha portato agli attuali licenziamenti dei diplomati alla magistrale.  In tutto questo anche la politica ha fatto la sua parte. Nel luglio dell’anno scorso il governo infatti, sotto la pressione dei sindacati, varò un provvedimento che garantiva la continuità per l’anno scolastico 2018-2019 a chi era stato assunto, rimandando la soluzione definitiva del problema. Poi però  il governo è caduto e la situazione è rimasta in sospeso, perché il nuovo decreto scuola nel quale dovrebbe essere inserito, d’accordo con i sindacati, uno specifico emendamento per sbrogliare la matassa è ancora in discussione in Parlamento. «E’ una situazione paradossale – commenta Ugo Barbi, segretario provinciale Snals – siccome c’è una mancanza legislativa, si lascia ai giudici la facoltà di decidere chi può restare nelle scuole e chi no. Ma così non si fa altro che gettare le scuole nel caos, da una parte mancano insegnanti, specie di sostegno e dall’altra si licenzia. Otto sono già stati licenziati e altri cento circa rischiano di esserlo. E le scuole poi sono costrette richiamare le stesse insegnanti per supplenze annuali con la messa a disposizione, visto che altre non se ne trovano. E, aspetto ancora più importante, così non si fa che interrompere la continuità didattica. Insomma, è chiaro che questa guerra tra poveri non ha senso di esistere perché di posti ce n’è per tutti». Ma come uscire dall’impasse? «L’emendamento che come sindacati abbiamo discusso al ministero e che poi è stato approvato in commissione – continua Barbi – prevede che questi insegnanti rimangano fino a giugno, per poi magari pensare a concorso straordinario. Ma l’emendamento ora è in discussione in Parlamento e non sappiamo come e quando uscirà il decreto. Per quanto riguarda invece gli insegnanti di sostegno, la soluzione potrebbe essere quella di attivare corsi di specializzazione di formazione per gli insegnanti che già hanno svolto sostegno almeno da due anni, così da abilitarli. Non ha senso istituire corsi di laurea a numero chiuso, se poi mancano gli insegnanti».

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X