Nella casa occupata abusivamente
scoperte tracce di un latitante:
un arresto e 4 denunce

PORTO RECANATI – Blitz dei carabinieri all’Hotel House, perquisiti diversi appartamenti. In manette un 31enne rintracciato a Montelupone, deve scontare 3 anni e 2 mesi per rapina. Dal primo agosto in arrivo 10 militari per i controlli nel periodo estivo
- caricamento letture

blitz-carabinieri-hotel-house-porto-recanati-FDM-12-650x433

 

di Gianluca Ginella

In quattro vivevano in un appartamento abusivamente, all’interno le tracce che hanno consentito ai carabinieri di arrivare ad un ricercato che è finito in manette. Operazione dei carabinieri all’Hotel House di Porto Recanati. Ieri dieci militari del comando di Porto Recanati sono entrati in azione per svolgere una serie di controlli nel palazzone multietnico della cittadina. Numerose le perquisizioni, il focus su chi vive nel palazzone abusivamente, magari come nascondiglio per evitare controlli.

michele-roberti-2-650x650

Il colonnello Michele Roberti

E quando i carabinieri sono arrivati al settimo piano del palazzone hanno trovato un appartamento occupato abusivamente. All’interno c’erano quattro persone. Un 33enne marocchino, un 25enne del Sudan, un 23enne del Gambia e una persona nata all’estero e italiana. Tutti erano abusivi e nella casa erano entrati dopo aver forzato la porta. Per identificarli, visto che non avevano documenti, i militari hanno poi dovuto svolgere il fotosegnalamento. Uno di loro ha anche fornito nome e cognome falsi. Non bastasse l’occupazione abusiva, in casa erano stati fatti anche danni a tavoli, divani, oltre che alla porta. Tutti e 4 sono stati denunciati per occupazione abusiva e danneggiamento. Uno di loro anche per aver fornito false generalità e inottemperanza al provvedimento di espulsione. Ma quel blitz è servito anche ad altro. I carabinieri hanno infatti trovato tracce riconducibili ad un 31enne bengalese, S. D. G., ricercato perché deve scontare 3 anni e 2 mesi per una rapina compiuta nel 2013. Grazie a quanto trovato nella casa i militari hanno rintracciato il latitante: era in una azienda di Montelupone. Arrestato, ora è in carcere a Fermo.

prefetto-iolanda-rolli-e1560969989271-650x594

Il prefetto Iolanda Rolli

L’episodio che aveva portato alla condanna del 31enne era avvenuto sempre all’Hotel House. Era il giugno di sei anni fa quando l’uomo, assieme ad altri complici, in seguito ad una lite si era fatto consegnare soldi e oro da uno straniero che viveva nel palazzone.

I carabinieri con sempre maggiore frequenza, stanno effettuano controlli a tappeto nei luoghi di maggiore interesse operativo. Tra questi c’è l’Hotel House su cui si concentra anche l’attenzione del prefetto, Iolanda Rolli, che viene costantemente aggiornata sulla situazione per definire, d’intesa con il colonnello Michele Roberti, comandante provinciale dei carabinieri, le strategie di intervento per garantire e migliorare la sicurezza. Dal primo agosto inoltre saranno a disposizione dieci militari che nel corso del periodo estivo saranno al lavoro per i controlli a Porto Recanati.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X