Licenziato in tronco dall’Asur
«Il sindacalista torni al lavoro»

MACERATA - I giudici del tribunale di Macerata hanno disposto il reintegro di Sistino Tamagnini, infermiere ed esponente della Cisl, dopo il provvedimento di un anno e mezzo fa del direttore dell'Area Vasta 3
- caricamento letture
Tamagnini1-1024x733

Sistino Tamagnini

 

L’infermiere sindacalista può tornare al lavoro. E’ quanto hanno stabilito i giudici del tribunale di Macerata, che hanno ordinato il reintegro di Sistino Tamagnini, dopo il licenziamento di un anno e mezzo fa. All’infermiere del 118 e sindacalista della Cisl, la commissione disciplina dell’Area Vasta 3 aveva contestato otto permessi presi nell’estate del 2017: secondo l’accusa non c’era stata alcuna riunione sindacale, e Tamagnini avrebbe falsificato i moduli di autorizzazione per assentarsi dal lavoro. Da qui la decisione del direttore Alessandro Maccioni del licenziamento in tronco. Tamagnini, tramite l’avvocato Diomede Pantaleoni, aveva impugnato con un ricorso d’urgenza il provvedimento, ma il giudice del lavoro l’aveva respinto. E così si era arrivati al collegio del tribunale di Macerata, presieduto da Gianfranco Coccioli, ieri la sentenza.  I giudici hanno disposto il reintegro, l’indennizzo e il pagamento di tutti i contributi, perché le riunioni c’erano state e Tamagnini aveva partecipato con l’autorizzazione della Cisl, dunque non c’erano stati comportamenti tali da giustificare un licenziamento.

L’Asur licenzia un sindacalista, pugno duro di Maccioni: «Presentato esposto in procura»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X