facebook twitter rss

Sisma, l’appello di Confartigianato:
«Rendere subito operativi
i contributi alle attività produttive»

ECONOMIA - Il segretario Marche Giorgio Cippitelli si rivolge al presidente Ceriscioli: «Tante imprese stanno attendendo ormai da troppo tempo, gli investimenti sono fondamentali per dare slancio alla competitività del nostro tessuto produttivo»
lunedì 6 agosto 2018 - Ore 19:59 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Giorgio Cippitelli

 

«A quasi due anni dal primo forte terremoto, enormi criticità ancora permangono, non solo dal punto di vista della ricostruzione, ma anche per le imprese, che non riescono a riavviare la propria attività o che lo hanno in parte fatto, ma con grandissime difficoltà tutt’ora in essere».  E’ Giorgio Cippitelli, segretario di Confartigianato Marche, a lanciare un appello al presidente Ceriscioli. «Oltre alle penalizzazioni connesse alla mancata ricostruzione civile ed economica – sostiene – tante micro e piccole imprese ed il loro indotto delle aree colpite dal sisma sono si trovano a tutt’oggi in una situazione di profondo disagio. Infatti, fatta salva l’una tantum di 5 mila euro per l’anno 2016, non hanno ancora avuto alcun ristoro né sostegno economico. Per queste imprese, già profondamente colpite dalla lunga fase recessiva e da una non ripartenza del credito, basti pensare che, nelle province maggiormente coinvolte dal sisma, i prestiti all’artigianato a dicembre 2017 presentano le seguenti diminuzioni rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente: Fermo con il -13,6%, Macerata con il -13,1% e Ascoli Piceno con il -8,8%, un concreto aiuto finanziario, risulta di fondamentale importanza per la loro sopravvivenza. Per dare loro una risposta concreta – aggiunge il segretario di Confartigianato Marche – chiediamo al presidente Ceriscioli, nel suo ruolo di vice commissario delegato per gli interventi per la ricostruzione post-sisma, di emanare, così come previsto dalla normativa nazionale, il decreto necessario per rendere operative e concretamente fruibili dalle imprese le disposizioni del Decreto Ministeriale del 10 maggio 2018 per i contributi per le imprese che realizzino o abbiano realizzato investimenti produttivi nelle aree colpite dal sisma. Tante imprese stanno attendendo ormai da troppo tempo – conclude Cippitelli – di poter riavviare le proprie attività o consolidarle con investimenti produttivi fondamentali per dare slancio alla competitività del nostro tessuto produttivo. Ora non possono più aspettare».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X