Tentata violenza sessuale:
vittima una giovane barista,
arrestato un 26enne

MACERATA - La ragazza, una 20enne, stava finendo di sistemare il locale prima della chiusura quando è uscita per buttare la spazzatura. Il giovane, un nigeriano già noto e irregolare in Italia, prima si è offerto di aiutarla poi l'ha palpeggiata. Lei è riuscita a scappare e ha chiesto aiuto alla polizia
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
polizia_volante-e1504119896287

La Volante della polizia

 

Esce per buttare la spazzatura, aggredita e palpeggiata una barista. Rintracciato e arrestato un nigeriano di 26 anni. E’ successo nel weekend a Macerata. Verso le 22, la giovane, 20 anni, stava finendo di sistemare il locale per cui lavora. E’ uscita per buttare alcuni sacchi dell’immondizia ed è stata avvicinata da un giovane. Prima le ha offerto il suo aiuto, poi l’avrebbe palpeggiata violentemente. La 20enne è riuscita  divincolarsi e a fuggire per le vie della città. Dopo una mezzora circa la ragazza ha richiamato l’attenzione di una Volante della polizia e ha raccontato agli agenti quanto aveva subito. Così sono scattate le ricerche dell’uomo. La polizia ha battuto diverse zone della città, finché il pomeriggio successivo gli agenti non hanno incrociato in viale Don Bosco un ragazzo simile alla descrizione fornita dalla barista aggredita. Da ulteriori accertamenti, la polizia ha poi appurato si trattasse proprio dell’aggressore. Si tratta di un nigeriano di 26 anni, irregolare in Italia, e già noto per reati contro la persona, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Nel giugno del 2017 l’uomo era stato denunciato anche per un fatto accaduto in un’altra regione dove, nella sede dei servizi sociali alla presenza di bambini, aveva commesso atti contrari alla pubblica decenza. Il nigeriano, ritenuto responsabile del reato di violenza sessuale, è stato arrestato e trasferito nel carcere di Montacuto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X