Con uno scanner
apriva le auto in sosta, denunciato

CIVITANOVA - L'uomo, M.S. albanese di 31 anni, migrante irregolare, è stato fermato dalla polizia e perquisito. Era destinatario anche di un decreto di espulsione. Con lui un connazionale con documento falso
- caricamento letture
commissariato-polizia-archivio-civitanova-FDM-3-400x267

Il commissariato di Civitanova

Sorpreso a Civitanova con uno scanner per le frequenze, di quelli utilizzati per disturbare il segnale e aprire le auto in sosta, denunciato un albanese già destinatario di un ordinanza di espulsione. Denunciato anche l’altro connazionale che era con lui e aveva con sé un documento falso. La volante del commissariato è intervenuta ieri pomeriggio alle 16.40 in via Indipendenza dove hanno fermato due uomini di 31 e 33 anni di origine albanese. Si tratta di M.S, 31 anni, già destinatario di un ordine di espatrio risalente al 2009 emesso dalla procura di Udine e di A.G di 33 anni regolare sul territorio nazionale. Alla perquisizione il 33 enne aveva un documento risultato poi falso, mentre il clandestino era in possesso di un “jammer”, un disturbatore di frequenze radio in grado di interferire con la chiusura elettronica delle vetture e solitamente utilizzato proprio per aprire le auto in sosta. L’uomo è stato denunciato per intercettazione e interruzione di comunicazioni telematiche e inottemperanza al decreto di espulsione. E’ in attesa del rimpatrio. Denunciato per falsità materiale il connazionale.

(l.b)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X