Tombolini, niente ripresa della produzione:
il giudice respinge la richiesta

URBISAGLIA - L'idea era un affitto ponte per consentire di far ricominciare il lavoro. Proposta bocciata. I sindacati: "Situazione drammatica, domani incontro con i dipendenti"
- caricamento letture
La manifestazione dei lavoratori l'1 dicembre davanti alla sede dell'Inps

La manifestazione dei lavoratori l’1 dicembre davanti alla sede dell’Inps

tombolini urbis (1)

 

di Gianluca Ginella

Fallimento Tombolini, il giudice ha respinto la richiesta avanzata alla curatela di un affitto ponte per far ripartire l’attività. La decisione è arrivata oggi, domani i 148 dipendenti si incontreranno nel pomeriggio al teatro di Urbisaglia con i sindacati. Vani i tanti appelli per cercare di far ripartire un marchio storico del nostro territorio, conosciuto in tutto il mondo per i suoi prodotti.

Per circa un mese i dipendenti della ditta Tombolini di Urbisaglia sono rimasti con il fiato sospeso nella speranza di poter riprendere il lavoro dopo che la ditta è stata dichiarata fallita lo scorso 10 novembre dal tribunale di Macerata su istanza presentata dall’Inps per mancati pagamenti previdenziali. La speranza era quella di un affitto ponte, un affitto di ramo d’azienda temporaneo per consentire di far ripartire i macchinari e consentire di evadere i tanti ordini che l’azienda aveva. La proposta era stata avanzata alla curatela che l’ha esaminata per poi passare tutto l’incartamento al giudice. Esaminata la documentazione la proposta è stata rigettata. Il giudice ha motivato dicendo che mancano idonee garanzie da parte della società proponente, la Area 62 srl, non congruità del canone proposto, non conformità dei macchinari ai requisiti minimi di sicurezza. “La situazione è veramente drammatica – dice David Ballini, referente per la Femca Cisl -. Ai dipendenti a questo punto, svanita la possibilità di ripresa dell’attività, non resta che la curatela li collochi tutti in mobilità. Tanti i danni ai dipendenti da parte della curatela che li ha tenuti appesi senza preoccuparsene negando poi la speranza che tutti avevamo nutrito di riprendere a lavorare. Domani alle 15 stiamo convocando i lavoratori al teatro di Urbisaglia per incontrarli e informarli sullo stato delle cose”. Ballini sta seguendo la vicenda insieme a Vincenzo D’Alessandro della Filctem Cgil e Alfredo Caldarelli della Ugl.

tombolini7

Manifestazione di rabbia e stoffe: la protesta dei dipendenti Tombolini “Col sisma senza casa né lavoro”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X