Colpo al distributore,
sradicate le colonnine self service

RECANATI - Una banda di malviventi ha agito nelle prime ore del mattino usando un escavatore rubato poco prima. Ko le telecamere di sorveglianza. Danni per oltre 20mila euro. Da quantificare il bottino. Indagano i carabinieri
- caricamento letture
Foto d'archivio

Foto d’archivio

 

Rubano un escavatore e raggiunto un distributore di carburante forzano le colonnine self service: danni ingentissimi. I malviventi, gente preparata che aveva certamente pianificato il colpo, hanno agito a Recanati nelle prime ore del mattino. Per prima cosa i ladri, intorno alle 4, hanno rubato un escavatore vicino ad una ditta di calcestruzzi che si trova tra Recanati e Montelupone. Poi con il mezzo hanno raggiunto il distributore Ip che si trova lungo la strada Regina in linea d’aria a circa 500 metri da dove hanno rubato l’escavatore. I malviventi hanno messo ko le telecamere e staccato la corrente elettrica in modo da essere sicuri di poter fare il colpo senza essere visti. Prese queste precauzioni hanno poi usato l’escavatore per cercare di forzare e sradicare le colonnine self service utilizzate per il pagamento del carburante. Una delle colonnine l’hanno portata via. Ad agire certamente una banda di professionisti, soliti compiere furti nelle aree di servizio. Da quantificare il bottino (dovrebbe comunque essere di alcune migliaia di euro) mentre i danni sono di almeno 20 o 30mila euro. Sul posto per le indagini sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Civitanova che sono al lavoro per cercare di risalire ai malviventi. I militari alle prime luci dell’alba hanno ritrovato l’escavatore rubato che è stato abbandonato dopo il furto.

(Gian. Gin.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X