La nuova vita di Villa Spada,
riapre nel weekend
Grande lavoro di 4 rifugiati

TREIA - La splendida magione che sorge tra le colline treiesi da un mese è tornata al Comune che vi ha avviato lavori coinvolgendo sia i propri operai che alcuni ragazzi ospiti del Gus. Dopo 40 anni di incuria e una lunga battaglia legale sono ora in corso le opere per sistemarla
- caricamento letture
villa spada

I volontari insieme alla delegazione in visita questa mattina a villa Spada

villa spada

Da sinistra Franco Capponi, Roberta Preziotti e Marco Cacciaguerra (capo gabinetto della prefettura) assieme a due dei quattro richiedenti asilo impegnati a recuperare il parco

 

di Federica Nardi

Villa Spada di Treia riapre e almeno per questo weekend di San Patrizio si potrà visitare. Una riapertura che avviene anche grazie a Mohamed, Karim, Seiba e Smail. Hanno dai 24 ai 29 anni, vengono dal Mali, dal Senegal e dal Burkina Faso e vivono in Italia ospiti del Gus da poco più di un anno in attesa che la commissione valuti la loro richiesta d’asilo. E con il progetto della Prefettura di Macerata e del comune di Treia (rivolto ai richiedenti asilo che vogliano impegnarsi nel volontariato), nell’attesa possono rendersi e sentirsi utili lavorando in una delle cornici più suggestive e allo stesso tempo meno conosciute del Maceratese. Un luogo tornato nelle mani del Comune da circa un mese, dopo 40 anni di incuria dei precedenti gestori e una battaglia legale con l’ultimo proprietario durata 15 anni.

villa spada

L’ingresso del viale di villa Spada

Splende il sole stamattina mentre una piccola delegazione guidata dal prefetto di Macerata Roberta Preziotti e dal sindaco di Treia Franco Capponi si fa strada nel parco della villa, affidato ora agli operai del Comune e alle abili mani dei quattro richiedenti asilo. «Siamo contenti di lavorare e di farlo qui», dice Karim. «Tra tutte le richieste abbiamo scelto loro (sei ragazzi in tutto, quattro operativi e due che restano a disposizione, ndr) perché avevano già esperienza di giardinaggio e manutenzione di un parco», spiega l’assessore treiese Adriano Spoletini, che ha coordinato il progetto.

Villa Spada prima dell'inizio dei lavori di recupero

Villa Spada prima dell’inizio dei lavori di recupero

«Quando siamo tornati qui dopo anni di incuria abbiamo trovato una giungla – racconta il segretario comunale Benedetto Perroni – piano piano stiamo recuperando e mettendo in sicurezza il parco. Per farlo abbiamo lanciato cinque progetti con l’Art bonus». Ma la strada è ancora lunga e in salita, proprio come quella che dall’ampio ingresso della villa si inerpica in collina, sfiorando il tempietto, la grotta e i simboli solari. Decorazioni e arredi in pieno stile massonico, lo stesso che dalla maceratese villa Lauri fino a villa Spada ha lasciato il segno in molte delle strutture ottocentesche del territorio. Dopo la passeggiata alla scoperta della villa, Preziotti si intrattiene a lungo con i i quattro richiedenti asilo, risponde alle loro domande, chiede loro se hanno trovato amici a Treia. A tutti ribadisce: «è giusto che questi ragazzi non sprechino la loro vita mentre sono ospiti da noi, in attesa, e che imparino qualcosa», mentre a loro augura, prima di lasciare il parco, «che la loro richiesta venga accolta».

villa spada preziotti capponi

villa spada

villa spada

villa spada

villa spada

Franco Capponi dona a Roberta Preziotti un uovo dipinto che raffigura la piazza di Treia

Franco Capponi ha donato a Roberta Preziotti un uovo dipinto che raffigura la piazza di Treia

villa spada preziotti capponi enzo angeletti

Roberta Preziotti, Franco Capponi ed Enzo Angeletti, presidente della cooperativa sociale “La Talea”



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X