Incassa la pensione della sorella morta,
denunciato per truffa un 43enne

CALDAROLA - L'uomo avrebbe ottenuto circa 9mila euro non comunicando il trapasso della donna al comune in cui risiede
- caricamento letture

pensioneContinua a riscuotere la pensione della sorella morta, denunciato per truffa dai carabinieri un cittadino extracomunitario di 43 anni residente a Caldarola. L’ammontare complessivo intascato dall’uomo si aggira sui 9mila euro. Sua sorella era gravemente malata e per questo l’Inps le aveva riconosciuto oltre alla pensione di invalidità, anche l’assegno di accompagnamento. Siccome donna viveva con il fratello, l’uomo aveva l’acceso ad un conto corrente cointestato, cosicché quest’ultimo aveva pieno titolo a prelevare la pensione una volta accreditata. Per via della malattia, nel mese di aprile 2015, la donna rientra nel paese di origine, dove pochi giorni dopo è deceduta a 51 anni. L’uomo, approfittando del fatto che le autorità del paese di origine non hanno comunicato l’evento al comune di ultima residenza (cioè Caldarola), per dieci mesi ha continuato a prelevare le somme accreditate dall’Inps sul conto corrente fino a quando i carabinieri non sono venuti a conoscenza che la donna non era più convivente con il fratello. Attraverso una serie di accertamenti piuttosto complessi, i militari hanno scoperto la truffa. Così oltre a denunciare l’uomo alla procura di Macerata, hanno immediatamente fatto sospendere l’erogazione della pensione da parte dell’Inps.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X