Mostra proiettili
e minaccia imprenditore:
“Con questi ti ci ammazzo”

CINGOLI - Un 45enne era al lavoro in un condominio dove stava effettuando una ristrutturazione quando un anziano gli ha fatto vedere delle cartucce e avrebbe cercato di colpirlo. L'uomo è stato denunciato, a casa sua sono stati sequestrati fucili
- caricamento letture

 

proiettili

 

di Leonardo Giorgi

Imprenditore minacciato di morte mentre è al lavoro: anziano gli mostra una scatola di proiettili: «con queste ti ci ammazzo». E’ successo ieri mattina ad Ancona, dove un 87enne del posto se l’è presa con un il titolare di una impresa edile di Cingoli, un uomo di 45 anni. L’87enne è stato denunciato ai carabinieri che hanno sequestrato all’anziano 4 fucili da caccia che teneva in casa. Gli è stato anche ritirato il porto d’armi.

Mattinata di tensione nel centro di Ancona. I muratori di un’impresa edile di proprietà di un 45enne di Cingoli ieri si sono recati in un condominio dove da qualche giorno sono stati impegnati con dei lavori di ristrutturazione. Intorno alle 10 un 87enne residente nell’edificio è uscito dal suo appartamento correndo ed urlando per le scale. L’anziano, che pare fosse in stato confusionale, è andato quindi a parlare con l’imprenditore cingolano, tenendo in mano un foglio. «Guarda quante spese condominiali che devo pagare, io adesso ti pago con queste» ha gridato l’uomo all’imprenditore edile, mostrando a quest’ultimo un pacco di munizioni per fucili da caccia. «Ti ci ammazzo con queste» ha poi urlato l’87enne, tentando di sferrare un pugno all’imprenditore senza riuscire a colpirlo. Il 45enne, insieme al suo contitolare dell’impresa, 41 anni, è subito andato a denunciare l’anziano ai carabinieri di Ancona. I militari sono intervenuti immediatamente sul posto e hanno sequestrato quattro fucili da caccia regolarmente detenuti dall’87enne, ritirando inoltre il suo porto d’armi. E’ stato denunciato per minaccia aggravata. Nei giorni precedenti l’anziano aveva intrattenuto rapporti assolutamente cordiali con i muratori di Cingoli e nulla poteva far pensare a quello che poi è accaduto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X