Arriva l’Arezzo, Bucchi non cambia:
“Giochiamo come a Pisa,
poi le meritate vacanze”

LEGA PRO - Il tecnico biancorosso presenta la gara di domani all'Helvia Recina (inizio alle 14). Poi riposo fino al 29 dicembre. L'attaccante Massimo Ganci al Castelfidardo
- caricamento letture
Cristian Bucchi

Cristian Bucchi

Sarà sicuramente un match difficile quello contro l’Arezzo, ma Cristian Bucchi non ha paura. Il tecnico della Maceratese ha parlato oggi, nella consueta conferenza stampa prepartita, dell’incontro in programma domani all’Helvia Recina (inizio alle 14, diretta live su CM) che vede Faisca e compagni affrontare la formazione toscana, imbattuta in trasferta (leggi l’articolo).

«La formazione contro l’Arezzo sarà la stessa di Pisa perché mi ha dato una grossa soddisfazione, anche se ciò non significa che chi è fuori non merita. Anzi, quel qualcosa di straordinario che stiamo facendo lo facciamo tutti, anche e soprattutto chi non parte nell’undici titolare – ha affermato Bucchi – Contro l’Arezzo vogliamo fare una grandissima prestazione e da ciò può venire un grande risultato. Il che significherebbe chiudere alla grande un anno in cui noi siamo arrivati dopo gli “Invincibili”, cosa non facile, ma penso che anche noi abbiamo fatto un grande lavoro. Vogliamo un Natale di grande soddisfazione e sereno».

La tifoseria della Maceratese all'Helvia Recina

La tifoseria della Maceratese all’Helvia Recina

Che cosa bisognerà fare per superare la formazione di Capuano che fuori casa è imbattuta?

“L’Arezzo è una squadra solida, che non vince magari da qualche tempo ma che neanche perde. Fa della fase difensiva la sua parte migliore. Noi dovremo essere la Maceratese e guadagnarci, come del resto abbiamo fatto nelle altre gare, la vittoria. Quindi fare una partita accorta, senza perdere alcuna occasione. Dovremo essere cinici, dei killer (agonisticamente, ndr) e sfruttare anche una mezza occasione”.

Novità?

«Porteremo in panchina Calamita che è già stato con noi in fase di preparazione pre campionato e che merita la giusta attenzione. Inoltre, la scelta di portare in panchina Calamita è da intendere come premio al buon lavoro svolto a livello di settore giovanile».

L’Arezzo verrà all’Helvia Recina per vincere, stando ai rumours sulla formazione.

«È ovvio che ci provino perché se per noi vincere significherebbe rimanere lassù, per i toscani vorrebbe dire districarsi dalle parti basse della classifica. Mi aspetto un 3-4-1-2 o un 3-5-2 con Tremolada che ama andare tra le linee. L’Arezzo ha giocatori di qualità ed è stato finora poco fortunato».

L'esterno difensorivo Francesco Karkalis

L’esterno difensivo Francesco Karkalis

I giovani biancorossi?

«Stanno dando molto. Lasicki è andato fortissimo prima di infortunarsi in nazionale, Karkalis ha giocato sempre, Altobelli ci sta dando una grande mano, Clemente ha fatto bene quando ha giocato, Alimi e Sarr hanno dato il loro contributo quando sono stati chiamati in causa, Orlando ha spesso cambiato il volto alle partite quando è entrato. Sono molto soddisfatto di loro. Sono un valore aggiunto. Da qui in avanti avremo bisogno delle loro energie e del loro spirito sbarazzino».

Kouko è tornato a segnare…

«Io sono contento di Daniel per tutto quanto ha fatto per la squadra, il gol è servito più a lui che a noi. Sta giocando al massimo come Fioretti. Kouko è un giocatore bravissimo e con Giordano ha trovato una sintonia importante».

Dopo il match con l’Arezzo il “rompete le righe”?

«Sì, ci ritroveremo la mattina di martedì 29 dicembre. I ragazzi hanno bisogno di qualche giorno di riposo dopo aver tirato parecchio per cinque mesi. Comunque avranno una tabella di lavoro personalizzato da fare a casa per tenersi in forma».

Massimo Ganci, attaccante della Maceratese

Massimo Ganci

I convocati biancorossi per Maceratese-Arezzo sono : Alimi, Altobelli, Belkaid, Buonaiuto, Cantarini, Carotti, Clemente, D’Anna, De Angelis, Di Vincenzo, Cesca, Djibo, Faisca, Foglia, Fioretti, Forte, Karkalis, Kouko, Imparato, Massei, Orlando, Sarr, Calamita. Non figura nell’elenco dei convocati Massimo Ganci. L’attaccante, classe ’81, è vicino al Castelfidardo in serie D. Proprio con i biancoverdi l’esperto centravanti si è già iniziato ad allenare in settimana e dovrebbe essere a disposizione per la prima del girone di ritorno, in programma il 6 gennaio, avendo giocato l’ultima gara con la Rata lo scorso 6 dicembre. Una notizia già anticipata le scorse settimane dal momento che lo stesso attaccante aveva manifestato l’esigenza di giocare con maggiore continuità e la società non aveva nascosto che ci fosse proprio lui in cima alla lista dei giocatore in partenza.

La probabile formazione della Maceratese: (4-4-2): Forte; Imparato, Altobelli, Faisca, Karkalis; D’Anna, Carotti, Foglia, Buonaiuto; Fioretti, Kouko.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X