La ricetta di Corvatta
“Chiudiamo tutti gli ospedali
per una Torrette della provincia”

CIVITANOVA - Nel corso di un incontro col Presidente della Regione Luca Ceriscioli il sindaco-medico civitanovese ha avanzato la proposta di una progettualità ventennale per la creazione di un unico presidio che serva un bacino di utenza di 300mila persone da realizzare nella vallata del Chienti
- caricamento letture
Il sindaco di Civitanova Tommaso Corvatta

Il sindaco di Civitanova Tommaso Corvatta

di Laura Boccanera

Sanità al centro di un incontro fra sindaci di Civitanova, Montecosaro e Morrovalle e il neo eletto presidente della Regione Luca Ceriscioli. Un appuntamento istituzionale che si è svolto la scorsa settimana, a ridosso delle nuove nomine nella sanità regionale e che ha lanciato una proposta che farà molto discutere. Pare infatti che nell’ambiente se ne parli da tempo, dalla conferenza dei sindaci di area vasta per la precisione, ma a svelarla oggi è il primo cittadino di Civitanova che l’ha resa nota anche al presidente della Regione.
Si tratta di una proposta di lunga progettualità, probabilmente per ora solo un’ipotesi astratta, ma non così peregrina. Corvatta, in sinergia con gli altri sindaci, ha proposto infatti il rafforzamento della rete sanitaria presente sul territorio per il futuro immediato, ma anche di iniziare ad avere una progettualità di lungo raggio che preveda la chiusura di tutti i presidi ospedalieri della provincia di Macerata per la creazione e realizzazione di un unico ospedale di vallata che serva un bacino di 300mila persone, una piccola “Torrette” su cui far confluire risorse umane ed eccellenze diagnostiche. Una proposta molto controcorrente considerato che spesso i sindaci cercano di mantenere e potenziare i presidi locali e che farà molto discutere. Secondo Corvatta però questo tipo di scelta sarebbe l’unica possibile per evitare che si crei un polo ospedaliero a nord delle Marche e uno a sud con il nuovo ospedale di Fermo, lasciando la provincia di Macerata penalizzata e stretta fra i due poli. Resta da capire se l’idea possa davvero avere una qualche progettualità e se il presidente Ceriscioli la tenga in considerazione e cosa pensino i “colleghi” sindaci dell’entroterra e del versante potentino.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X