Diffamazione, citato a giudizio Costamagna
L’accusa: manifesti contro Brini

CIVITANOVA - Era stato denunciato per fatti risalenti al 2012. Tutto nasceva da una diatriba politica sulla presidenza delle farmacie comunali di cui in quel periodo l'ex consigliere era presidente. "Sono tranquillo, il giudice deciderà per il meglio"
- caricamento letture
Il presidente del Consiglio comunale Ivo Costamagna

Il presidente del Consiglio comunale Ivo Costamagna

di Laura Boccanera

Citato a giudizio Ivo Costamagna, la decisione del pm Enrico Riccioni che gli contesta il reato di diffamazione. La vicenda nasce da una denuncia presentata da Ottavio Brini per fatti del 2012. Il casus belli nasce all’interno di una diatriba politica sulla presidenza delle farmacie comunali di cui in quel periodo Brini era presidente. Nel maggio 2012 Corvatta vince le elezioni con un avvicendamento politico che porta dopo 18 anni di nuovo il centrosinistra al governo della città. Il mandato di Brini come presidente però ha una durata triennale e non va in scadenza con la decadenza dell’amministrazione. Ne nasce così un acceso dibattito politico di botta e risposte che arriva fino ad una campagna di affissioni pubbliche da parte di Costamagna presidente del consiglio comunale. Il sindaco chiede a Brini le dimissioni che però a sua volta fa valere la durata dell’incarico dei tre anni. Costamagna prende ufficialmente posizione nel corso di una conferenza stampa al vetriolo quando definì “sconcertante” il rifiuto alle dimissioni (leggi l’articolo). Ne seguì una campagna di affissioni  con cui Brini fu dipinto come persona “attaccata alla poltrona”. In quei manifesti anche i simboli dei partiti di maggioranza con il presidente del consiglio comunale si assunse la responsabilità dei volantini. «Sono tranquillo e convinto che il giudice deciderà per il meglio – dice Costamagna –  ricordo che con una lettera i capigruppo dei partiti si assunsero la paternità del manifesto ma dissi a Brini di denunciare me. Quello che uscì sul manifesto è la verità, dimostrata dai fatti e me ne attribuisco la paternità». «Non abbiamo alcun timore, siamo ben convinti di aver fornito elementi sufficienti e argomenti adeguati per spiegare che si è trattata di una critica politica, inevitabile quando si assume un incarico di responsabilità, ed è ben fondata su dati tecnici ed economici» dice l’avvocato Federico Valori, legale di Costamagna. Chiuse le indagini, è arrivato il decreto di citazione a giudizio del pm. Il processo partirà il 16 febbraio del prossimo anno al tribunale di Macerata.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X